Festival della Letteratura di Mantova 2009 ed è subito Programma!!!

Mercoledì 9 Settembre 2009

Informazioni on line, sito Internet Festivaletteratura Mantova 2009

Informazioni on line, sito Internet Festivaletteratura Mantova 2009

16:30, PIAZZA ERBE, ingresso libero
Inaugurazione e Presentazione del Festival
Il conto alla rovescia è terminato! Festivaletteratura dà il consueto rendez-vous in piazza Erbe ad amici, ospiti e sostenitori per dare il via alla sua tredicesima edizione. Brindisi a cura di Strada dei Vini e dei Sapori del Garda.

Download:

dalle 17:00 alle 24:00, SQUASSABIA MAISON (EX-ALBERGO SAN LORENZO), ingresso libero
RADIODRAMMA HOTEL
– a cura di Francesco Anzalone e Lorenzo Pavolini
L’arte invisibile del radiodramma dalle origini agli ultimi fuochi, un percorso che presenta il meglio delle produzioni RadioRai nelle stanze di un antico albergo del centro di Mantova, abitate per l’occasione da illustri ospiti sonori. Presenze acustiche, voci e rumori per l’invenzione di un nuovo linguaggio che vede protagonisti gli scrittori. Dai radiodrammi di Savinio, Pratolini, Levi, Camilleri alle Interviste impossibili in cui Calvino dialoga con l’Uomo di Neanderthal, dai radioplays di Hughes, Beckett, Thomas alle produzioni degli scrittori italiani dell’ultima generazione (Mazzucco, Scarpa, Fois e molti altri). Dal mattino a notte fonda, camera per camera, la possibilità di avvicinare uno dei generi che più ha favorito la sperimentazione e l’incontro tra scrittori, registi e attori. Un progetto a cura di RadioRai – Audioteche – Radioscrigno.

[1]   17:15, PALAZZO DUCALE – ATRIO DEGLI ARCIERI, € 4,00
“la parola cui abbiamo creduto” (Celan)
Gianni Luzi e Stefano Verdino con Daniele Piccini: OMAGGIO A MARIO LUZI

“Non esiste un poeta di così lungo corso e sempre in ascolto come è Mario Luzi” ha scritto il critico letterario Stefano Verdino, “il cui itinerario poetico non ha mai comportato una pigra amministrazione delle proprie ricchezze, ma si è sempre prodigalmente speso (…) in diverse avventure dell’immaginazione con un esito di molteplicità che non ha eguali nel nostro secolo”. Rubricato troppo presto come poeta ermetico, in realtà Luzi ha costantemente rinnovato la sua poetica. Insieme, Verdino, Daniele Piccini e il fi glio Gianni Luzi tracciano un ritratto del poeta fi orentino. Ascoltare la voce dei testimoni che hanno camminato insieme ai poeti, e quella dei critici e dei grandi lettori che hanno frequentato i loro testi significa ritrovare la ragione per cui una parola nasce. Festivaletteratura propone quest’anno una serie di incontri, curati da Mario Artioli e Daniele Piccini, su alcuni dei poeti del Novecento che non possiamo più udire dal vivo.

[2]   17:15, TEATRENO, € 6,50
Teatro all’Improvviso, Teater I e Smalands Musik Och Teater.
A NORD DELLA PRIMAVERA di Dario Moretti con Petter Andersson e Nanna Nore. Dai 3 agli 8 anni

“Le oche selvatiche sono grigie con striature brune. Hanno occhi gialli e brillanti come fuoco. Hanno zampe larghe e non stanno mai ferme, in primavera volano verso nord. (…) Io mi chiamo Nils, Nils Holgersson e sono partito in viaggio sul dorso della mia oca…” Così inizia il racconto. Nils, ormai adulto, evoca una visione, delle presenze quasi reali. Rivive l’Avventura della sua infanzia, il viaggio sul dorso dell’oca che lo ha portato ad attraversare il mondo fantastico della natura e della tradizione svedese, evocato in scena dalle sculture realizzate da Dario Moretti. Tratto da un racconto di Selma Lagerlof, premio Nobel per la letteratura nel 1909.

[3]   17:30, CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA, € 4,00
VOCABOLARIO EUROPEO
La parola (d)agli autori, coordina Giuseppe Antonelli
Mihai Mircea Butcovan – dal romeno, consumism s.m.: consumismo
Petros Markaris – dal greco, φιλοτιμία s. f.: desiderio di gloria

Quattordici nuove parole entrano quest’anno nel Vocabolario Europeo.
Avviato in occasione di Festivaletteratura 2008, il Vocabolario punta a raccogliere come patrimonio da condividere la pluralità di voci che innervano e mettono in relazione le culture e le lingue europee: voci intese come parole e nel contempo come scrittori, chiamati qui a scegliere le parole e a spiegarne i signifi cati, attraverso il loro personale rapporto con ciascuna di esse. Cura la redazione del vocabolario Giuseppe Antonelli, storico della lingua.

[4]   17:45, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
Nadine Gordimer, Natalia Molebatsi, Chika Unigwe e Timothy Wangusa con Peter Florence
AFRICA AD ALTA VOCE

Dove sta andando la letteratura africana del nuovo millennio? Ne discutono un premio Nobel, poeti, performer e narratori migranti. Conduce Peter Florence, organizzatore di Hay Festival Storymoja, Nairobi.

[5]   18:00, TEATRO BIBIENA, € 4,00
Antonia Arslan, Carlo Caporossi e Gian Luca Baio: INTORNO A NEERA

Figlia di un architetto e orfana di madre, la scrittrice milanese Neera, pseudonimo di Anna Zuccari, sviluppò una precoce vocazione per le lettere, esordendo come autrice di novelle sulle più importanti riviste dell’epoca. I suoi scritti – come avviene nel romanzo Teresa – descrissero in modo esemplare la condizione di subalternità della donna nell’Italia tra Otto e Novecento, attirando l’attenzione di molti intellettuali del tempo, tra cui Benedetto Croce e Antonio Fogazzaro. Riscoprire l’attualità dell’opera di Neera sarà l’obiettivo dell’incontro tra Antonia Arslan, Carlo Caporossi e Gian Luca Baio.

18:00, PIAZZA MANTEGNA, pubblica adunanza
SULLE MALDICENZE
Comizio di Caio Svetonio Tranquillo per la voce di Siegmund Ginzberg

“Anche alle battute cariche d’odio e d’ingiuria, dalle quali era bersagliato, rispose con un editto…” L’addensarsi di nuove nubi all’orizzonte del domani ha sollecitato gli organizzatori di Festivaletteratura a rinnovare l’invito ai più nobili spiriti della letteratura di tutti i tempi a portare la propria parola per fortificare gli animi delle folle, sempre più deluse e sgomente. Prendano i cittadini e le cittadine ad alto esempio i discorsi che verranno pronunciati in questa pubblica piazza e sappiano coglierne l’inalterata attualità.

18:00, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo dell’evento)
Pagine Nascoste: THE HUNT FOR MOBY DICK, di Adam Low, Gran Bretagna, 2008, 84’. Anteprima italiana.

Philip Hoare, scrittore da sempre appassionato del fenomeno e del mito dei grandi cetacei, ripercorre la vicenda dell’immortale capolavoro di Herman Melville, in un viaggio tra i porti toccati dal Pequod, accompagnato da estratti di Moby Dick e della biografi a del grande scrittore americano. Un lavoro di oltre quattro anni, tra due continenti e tre oceani, per esplorare il nostro rapporto con la Natura attraverso la fi gura della balena e il perenne fascino che esercita sull’uomo, e per rileggere in chiave contemporanea la folle caccia del capitano Achab.

[6]   18:15, PIAZZA VIRGILIANA, € 3,00
Andrea Valente con Dino Zandegù – IN BICI SULLA LUNA. dagli 8 anni in su

A quarant’anni dall’uomo sulla luna e a cento dal primo giro d’Italia, uno stravagante viaggio tra libri e pedali fi n sul satellite lassù, in compagnia di Andrea Valente, autore di Guarda che luna e Hai voluto la bicicletta?! e di… Da Armstrong-astronauta, ad Armstrong-ciclista, il passo è breve… o è un enorme balzo per l’umanità?!

[7]   18:45, TEATRO ARISTON, € 4,00
Patrick Desbois con Frediano Sessi: L’ALTRA FACCIA DELLA SHOAH

Tra il 1941 e il 1944, circa un milione e mezzo di ebrei che vivevano in Ucraina, in seguito all’invasione tedesca dell’Unione sovietica, sono stati assassinati dai colpi di fucile delle unità mobili delle SS o delle polizie collaborazioniste dell’Est europeo. Il fenomeno dello sterminio degli ebrei per fucilazione non è mai stato ricostruito in modo sistematico, ed è rimasto fi no a oggi poco studiato. Padre Patrick Desbois ha ripercorso le tracce di questo olocausto sconosciuto, ritrovando i testimoni di terrificanti massacri. Dialoga con l’autore di Fucilateli tutti! Frediano Sessi, studioso della Shoah.

19:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia: UN GIORNO NELLA VITA DI UN VIGNETTISTA POLITICO

Settimanalmente, Chris Riddell interviene su The Observer commentando la vita politica inglese con un disegno. Un’analisi sottile e pungente, come i suoi pennini.

20:30, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste: AMOS OZ – THE NATURE OF DREAMS di Yonathan e Masha Zur, Israele, 2009, 75’. Anteprima italiana

Nell’anno del suo settantesimo compleanno, questo ritratto di Amos Oz ripercorre le tracce della sua autobiografi a Una storia di amore e di tenebra, e lo segue in due diffi cili anni di impegno per la pace in Medio Oriente. Oltre a documentare momenti pubblici come conferenze ed incontri tenuti in tutto il mondo, i registi hanno avuto accesso a preziosi momenti della vita privata di Oz. Proprio nell’intimo della sua casa, o visitando i luoghi della sua infanzia, emergono le rifl essioni più spontanee, i ricordi più commossi.

[8]   20:00, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 10,00
Solisti dell’Orchestra da Camera di Mantova: MENDELSSOHN, PARADIGMA DEL SOGNO ROMANTICO. Quirino Principe, Antagonista

Nel bicentenario della nascita di Felix Mendelssohn-Bartholdy, l’Orchestra da Camera di Mantova rende omaggio al Classico dei Romantici. Il filosofo della musica Quirino Principe veste i panni del demone del dubbio, innescando la dialettica tra linguaggi – parola e musica – affi ni e insieme difformi. Ne scaturisce un viaggio attraverso alcuni dei capolavori di Mendelssohn, affi dati ora ai Solisti dell’OCM, ora all’orchestra al gran completo. Fantasia in fa diesis minore op. 28 (10’ – pianoforte solo) Primo Trio in re minore op. 49 (28’ – violino, violoncello e pianoforte) Filippo Lama, violino; Stefano Guarino, violoncello; Riccardo Zadra, pianoforte.

21:00, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia: SULLE LUCCIOLE (A PROPOSITO DI PASOLINI)

La trasformazione genetica del potere si traduce con poetica evidenza nella scomparsa delle lucciole. Georges Didi-Huberman rilegge Pier Paolo Pasolini.

[9]   21:15, PIAZZA CASTELLO, € 4,00
Luis Sepúlveda con Bruno Arpaia

“Quando sono nato ero già un fuggitivo”. Luis Sepúlveda viene da una famiglia di anarchici e ribelli: la sua erranza per i movimenti di liberazione dell’America Latina tra gli anni ’70 e ’80 risponde al richiamo del sangue, la vocazione alla scrittura viene da un’educazione letteraria irregolare, ma forte di romanzi d’avventura, di amore per il teatro, di passione politica. Narratore dell’utopia e di un’umanità di frontiera, l’autore di La lampada di Aladino e altri racconti per vincere l’oblio torna al Festival per parlare di libri, ricordi e Sudamerica con lo scrittore Bruno Arpaia.

[10]  22:30, CIRCOLO “LA ROVERE” – PALAZZO MAGNAGUTI, € 8,00
ARS AMANDI
Fiori scelti dalla letteratura erotica di tutti i tempi, a cura di Gianfranco De Bosio con Giovanni Casalegno
1. La classicità. Letture da Saffo, Catullo, Marziale, Ovidio e altri autori.

Il critico e filosofo surrealista Alexandrian Sarane, nella sua Storia della letteratura erotica, ha censito 963 tra poesie, racconti, romanzi dall’antichità sino agli inizi del Novecento dedicati alla tematica amorosa: segno di una continuità nel tempo che, oltre a marcare un genere, rivela il desiderio costante di giocare con la letteratura attraverso l’eros. Il percorso disegnato da Gianfranco De Bosio, attraverso letture e accompagnamenti musicali, parte dal mondo classico e arriva all’oggi, passando per due momenti chiave come il Rinascimento e l’Illuminismo. In collaborazione con l’Istituto Internazionale per l’Opera e la Poesia.

22:30, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste
HUXLEY ON HUXLEY, di Mary Anne Braubach, Stati Uniti, 2008, 58’. Anteprima italiana

Nata a Torino nel 1911, la violinista italiana Laura Archera si trasferì negli USA durante la Seconda Guerra Mondiale. Lì abbandonò la carriera musicale per diventare psicologa, e nel 1956 sposò Aldous Huxley, l’autore di Il mondo nuovo. Nella loro casa di Hollywood, diventata un ritrovo dell’avanguardia intellettuale di Los Angeles, marito e moglie affrontarono insiene l’esplorazione di livelli alterati di coscienza e la sperimentazione di sostanze psicotrope, fondamentale per l’opera di Huxley. La loro relazione umana e creativa restò intensa fi no alla scomparsa dello scrittore nel 1963.

9:00, PIAZZA LEON BATTISTA ALBERTI, ingresso libero
LE PAGINE DELLA CULTURA. Lettura dei giornali a cura di Héctor Abad Faciolince, coordinamento di Stefania Mascetti e Alberto Notarbartolo

L’informazione culturale ha assunto uno spazio sempre più rilevante sulla stampa quotidiana e settimanale. Dalle storiche terze pagine dei quotidiani italiani, la cultura ha trovato nuovi spazi nelle pagine centrali e in inserti periodici, innovando gli stili e i contributi. La lettura delle pagine culturali è tanto più interessante a livello internazionale: le pagine culturali ci aiutano a capire di che cosa si sta parlando, che cosa si legge o si guarda nei vari paesi, le spinte innovative e gli interrogativi che attraversano l’arte e la cultura. Festivaletteratura – in collaborazione con Internazionale – ogni mattina offrirà la rassegna stampa delle pagine culturali dei giornali di tutto il mondo. La rassegna stampa sarà commentata da un importante scrittore e giornalista straniero ospite del Festival.

[11]  10:00, PALAZZO DUCALE – CANTINE DI VINCENZO GONZAGA, € 3,00
Bernard Friot con Anna Parola
PASSEGGIATA A TESTA IN GIÙ. dagli 8 agli 11 anni

Amato da tantissimi piccoli lettori per i suoi racconti brevi, ironici, irriverenti, surreali, che trasformano le ansie e la rabbia dei bambini in storie esilaranti (Il mio mondo a testa in giù), Bernard Friot racconta all’amica libraia Anna Parola come, ascoltando le piccole grandi avventure e disavventure quotidiane dei bambini, nascano le sue celebri Histoires pressées. Naturalmente con molte dimostrazioni pratiche di lettura.

dalle 10:00 alle 24:00, SQUASSABIA MAISON (EX-ALBERGO SAN LORENZO), ingresso libero
RADIODRAMMA HOTEL, a cura di Francesco Anzalone e Lorenzo Pavolin
i

[12]  10:00, PALAZZO DUCALE – ATRIO DEGLI ARCIERI, € 4,00
Timothy Wangusa e Gezim Hajdari con Andrea Gazzoni
DUE POETI E L’AFRICA

Timothy Wangusa interpreta nel senso più autentico della tradizione africana il ruolo del poeta come voce della coscienza popolare e testimone di un sapere collettivo antico. Il suo canto si leva per l’Uganda, patria dal destino “che sgomenta”, ma ha in realtà un respiro panafricano. Nelle vicende tragiche del suo paese, segnato dall’alternarsi di regimi parimenti crudeli, l’autore di Inno per l’Africa legge il segno di una storia ciclica e circolare che investe l’umanità intera. Lo incontrano il poeta albanese Gezim Hajdari e il critico Andrea Gazzoni.

[13]  10:15, PALAZZO D’ARCO, € 4,00
Alan Sillitoe con Tullio Avoledo

“Non ho scritto dei problemi della società. Ho raccontato delle storie, che riflettevano le vite della gente e le diffi coltà che avevano a convivere col mondo sociale che avevano intorno. Scrivendo Sabato sera, domenica mattina e La solitudine del maratoneta io descrivevo le vite di persone su cui non era mai stato scritto prima in quel modo”. Alan Sillitoe è stato il cantore della rabbia inglese degli anni ’50, di quel sentimento viscerale di rifiuto del conformismo di avidità di vita, che si scontra con un sistema sociale che non offre uscita. Quelle di Sillitoe sono storie di disperazione, di diffi coltà a sbarcare il lunario. Storie soprattutto di giovani, soli, e del loro grido sordo contro il mondo. Lo incontra lo scrittore Tullio Avoledo.

[14]  10:30, TEATRO BIBIENA, € 4,00
Julian Barbour. TUTTO IN UN PUNTO

Se una notte d’inverno tutte le distanze dell’Universo raddoppiassero, chi se ne accorgerebbe? E se il movimento fosse un moto di forme e non di corpi? Il tempo è davvero necessario per misurare i cambiamenti o è solo l’astrazione e la sintesi delle relazioni tra gli oggetti? Se Calvino avesse sentito parlare Julian Barbour, fi sico e ricercatore off rispetto ai circuiti accademici, avrebbe preso febbrilmente appunti per le sue Cosmicomiche. Gli studi di Barbour perseguono infatti la rivoluzione concettuale innescata dalle teorie di Einstein e ancora non completamente conchiusa. Una rivoluzione dimezzata. Presenta l’autore di La fi ne del tempo. La rivoluzione fi sica prossima ventura il fi sico Matteo Polettini.

[15]  10:30, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 4,00
Annali di storia. Alberto Melloni con Juri Meda
GLI ITALIANI SONO ORMAI UN POPOLO DI PECORE
Riflessione e inazione della Chiesa di fronte alla disgregazione civile e politica dell’Italia

“In questi momenti così delicati e diffi cili occorrerebbe tener i nervi a posto, calmare – non eccitare – il popolo, esortarlo alla serietà per affrontare con cosciente fermezza le inevitabili privazioni a cui deve andare incontro… (…) E il papa può tacere? Quando la situazione è così preoccupante può la più alta autorità morale rimanere nel più assoluto mutismo?” Segretario di Stato con Giovanni XXIII, Domenico Tardini già nel 1935 collaborava al «ministero degli esteri» della Santa Sede. Dalle pagine di un suo memorandum di quell’anno emerge in modo evidente come la Chiesa interpretasse lucidamente il disastro dell’Italia a guida fascista e restasse ferma. Un atteggiamento – secondo lo storico Alberto Melloni – che richiama molto da vicino quello attuale. Sempre più di frequente ci sentiamo spiazzati di fronte agli eventi di oggi, come se fossero totalmente “nuovi”. Uno sguardo a quanto è successo solo pochi decenni fa può invece risultare di grande aiuto per capire quello che stiamo vivendo. Con gli         Annali di storia Festivaletteratura propone la lettura di alcune questioni del mondo contemporaneo alla luce di documenti e testimonianze del recente passato.

[16]  10:45, PIAZZA VIRGILIANA, € 3,00
Melania Mazzucco con Giovanni Montanaro
BAMBINI E RAGAZZI D’ALTRI TEMPI, dai 13 ai 16 anni

Dai ragazzini meno fortunati di Vita all’irresistibile figura di Marietta e dei suoi fratelli e sorelle in La lunga attesa dell’angelo, Melania Mazzucco sa tracciare come pochi fi gure di bambini e adolescenti indimenticabili. Con l’aiuto dello scrittore Giovanni Montanaro (Le conseguenze), anche lui appassionato frequentatore dei meandri delle biblioteche e degli archivi, la scrittrice romana racconterà ai suoi lettori più giovani come dialogare con i loro coetanei del passato.

[17]  11:00, SEMINARIO VESCOVILE, € 4,00
Paolo De Benedetti con Brunetto Salvarani. IL VERME DI SAN FRANCESCO

“Laudato sie mi’ Signore, cum tucte le Tue creature”… quante volte abbiamo ripetuto il Cantico di Frate Sole senza afferrarne la portata cosmica, senza cogliere l’intima unione tra uomo e mondo a esso sottesa? Paolo De Benedetti, insigne biblista e docente di Antico Testamento presso l’ITC di Trento e l’Università di Urbino, concentra da tempo i suoi sforzi esegetici per elaborare una teologia che non abbia al proprio centro soltanto la specie umana, bensì quella comunione tra esseri viventi che costituisce la via maestra alla trascendenza di Dio, il segno di una presenza divina tra i misteri dell’evoluzione. Lo incontra il giornalista e teologo Brunetto Salvarani.

[18]  11:00, TEATRO DI SAN LEONARDO, € 3,00
Pino Costalunga. AD ALTA VOCE
Laboratorio di giochi e trucchi per leggere bene e… farsi sentire, dagli 8 anni in su

Provate a pensarci un attimo: che cosa usate per leggere? Gli occhi senz’altro, ogni tanto la testa… E la voce? No, ormai la voce nessuno la usa più, si fa tutto a mente, magari andando di corsa e saltando qualche frase. Eppure, lette a voce alta, le storie assumono tutto un altro fascino: le parole prendono corpo, si possono sentire le emozioni vibrare, insomma… tutto suona meglio! Pino Costalunga, attore e autore di teatro, ci insegna alcuni divertenti esercizi per educare bocca, corde vocali e polmoni alla lettura, per non vergognarsi di… alzare la voce!

[19]  11:00, CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA, € 4,00
Michele Mari e Tiziano Scarpa con Giuseppe Antonelli. APPENDICE AL VOCABOLARIO EUROPEO

Per molti secoli l’italiano è stato esclusivamente una lingua letteraria. Solo sotto l’impulso della scolarizzazione obbligatoria e delle trasformazioni sociali e politiche del Novecento, quella che era rimasta una lingua dei libri ha iniziato a diventare uno strumento di comunicazione usato da tutti. Al punto che oggi l’eredità linguistica dei classici sembra quasi essere ininfl uente anche in letteratura, dove l’ingresso dell’uso medio ha come portato a rifi utare tutto quanto non suonasse “comune” o “di tutti i giorni”. Ma è veramente così obsoleto l’italiano letterario? Michele Mari (Verderame) e Tiziano Scarpa (Stabat mater, Premio Strega 2009), due degli autori che più hanno continuato a lavorare nel dialogo con la tradizione colta, ci dimostrano come sia ancora una lingua viva e poeticamente forte.

[20]  11:15, LICEO CLASSICO “VIRGILIO”, € 4,00
Giuseppe Pederiali con Bruno Gambarotta. PICCOLE E GRANDI STORIE

Da una parte il Federico II de La vergine napoletana, dall’altro Teresa in bikini sulla spiaggia di Porto Garibaldi, uno dei personaggi di L’osteria delle fole: l’uno protagonista della storia del Medioevo, l’altra della vita sociale di un paese della Bassa negli anni Cinquanta. Due personaggi di diverso spessore storico ma entrambi degni di raccontare, attraverso la penna onesta e simpatica di Giuseppe Pederiali, la storia di tutti. Lo incontra lo scrittore e amico Bruno Gambarotta.

[21]  11:15, PALAZZO DEL MAGO – CAPPELLA, € 3,00
Nisrine Ojeil. LA PRIMA VOLTA CHE HO SCRITTO. dai 5 ai 9 anni

Vi ricordate la prima volta che avete preso in mano penna e carta e avete cominciato a scrivere? Dove eravate? Chi vi ha aiutato a scrivere la vostra prima fi rma o parola? Con che tipo di matite scrivevate? Che odore aveva la carta? Ricordi… ricordi di scrittura… come possiamo rievocarli? L’arte di scrivere è sottile. Tutti noi abbiamo imparato a scrivere… ma quando scrivere diventa un’arte? La giornalista libanese Nisrine Ojeil ci porta a riscoprire l’intrinseca natura grafi ca della scrittura.

12:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia: COME SE DIO NON CI FOSSE, con Raniero La Valle.

Una presenza sempre più ingombrante e quasi da rendere innocua in un percorso di progressiva secolarizzazione, oppure da utilizzare in modo strumentale quando opportuno. Il posto di Dio nelle Chiese e nella civiltà occidentale secondo Raniero La Valle.

[22]  14:15, TEATRO ARISTON, € 4,00
Georges Didi-Huberman con Giorgio Rimondi. LE IMMAGINI ACCADONO
L’immagine è da sempre al centro della riflessione di Georges
Didi-Huberman, filosofo e storico dell’arte francese: un’immagine aperta, dinamica, complessa, sovradeterminata, che il tempo attraversa, scompone e riconfigura secondo modelli impuri e anacronistici. Didi-Huberman rifiuta l’idea di storia dell’arte come disciplina umanistica, come pure la possibilità di interpretare l’immagine attraverso il contesto storico. È la storia stessa che non può essere considerata un processo omogeneo, ponendo la necessità di utilizzare l’anacronismo come chiave interpretativa dell’opera d’arte. Dialoga con Didi-Huberman Giorgio Rimondi, studioso di arte, musica e letteratura.

[23]  14:30, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
Daniel Mendelsohn con Gad Lerner

“Non sono tra coloro che pensano che la poesia sia fi nita dopo Auschwitz, credo semmai che l’arte sia il modo più discreto e incisivo per esplorare l’inesplorabile”. Ebreo americano, critico letterario ed esperto di teatro classico, Daniel Mendelsohn ha scelto con Gli scomparsi una nuova strada per entrare in rapporto con il passato della propria famiglia e dell’olocausto. Tra racconto autobiografi co, indagine poliziesca e dialogo con i testi della tradizione ebraica, la scrittura di Mendelsohn punta a recuperare la voce e la vita delle persone perdute per fare in modo che non vadano disperse nel massacro gigantesco e senza volti. Lo incontra il giornalista Gad Lerner.

[24]  14:30, TEATRO DI SAN LEONARDO, € 3,00
Marina Gasparini. MAPPE CUCITE, dai 6 ai 9 anni

Ognuno ha una sua mappa personale della città in cui vive: i monumenti segnalati sono la piazza in cui si incontra con gli amici, il chiosco che vende il gelato migliore, la curva della più rovinosa caduta in bicicletta della sua vita. Marina Gasparini aiuta i bambini a trasferire queste mappe su una tela leggerissima e a cucirvi sopra con ago e fi lo ritratti, emozioni, storie, gusti individuali. Ed ecco che ne esce una cartina della città… come non l’avete mai vista!

14:30, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste. BORIS RYZHY, di Aliona van der Horst, Paesi Bassi, 2008, 59’. Anteprima italiana

Il poeta russo Boris Ryzhy era affascinante, talentuoso e aveva raggiunto la fama letteraria. Perché si tolse la vita a soli 26 anni? La ricerca di una risposta conduce la regista nei sobborghi malfamati della fredda città industriale di Yekaterinenburg, dove Ryzhy nacque e visse. Attraverso conversazioni con familiari ed amici si compone un intenso ritratto del poeta, insieme a quello della generazione cresciuta nell’illusione della Perestroika. Ryzhy cercò di trasformare dolori e orrori nella grazia delle sue poesie, che ascoltiamo dalla sua stessa voce in vecchie registrazioni, accompagnate sullo schermo dalle immagini dei suoi soggetti e del suo mondo.

[25]  15:00, TEATRENO, € 6,50
Teatro all’Improvviso, Teater I e Smalands Musik Och Teater
A NORD DELLA PRIMAVERA, di Dario Moretti con Petter Andersson e Nanna Nore, dai 3 agli 8 anni

[26]  15:00, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 4,00
Atiq Rahimi con Maurizio Bono

“Scrivere è agire, è porsi di fronte alla storia”. Nato nel 1962 a Kabul, Atiq Rahimi ha vissuto il periodo dell’invasione sovietica. Fuggito dall’Afghanistan, ha ottenuto asilo politico in Francia nella metà degli anni ’80. I suoi romanzi (da Terra e cenere a L’immagine del ritorno) raccontano le atrocità dei conflitti afghani degli ultimi vent’anni attraverso uno stile asciutto ed essenziale, capace di ridare una dignità e un volto a un popolo abbandonato alle sue macerie. Con il romanzo Syngue sabour, lunga confessione di una donna afghana e nel contempo ritratto di una generazione che non ha conosciuto altro che guerra ed esilio, Rahimi si è aggiudicato il Prix Goncourt, massimo riconoscimento per la letteratura in lingua francese. Lo incontra il giornalista Maurizio Bono.

[27]  15:00, CHIESA DI SAN MAURIZIO, € 4,00
un’idea di archivio
Diana Rüesch: L’ARCHIVIO PREZZOLINI DI LUGANO

Gli archivi cartacei non hanno smesso di esercitare il fascino misterioso di un’utopia a misura d’uomo, il sogno di uno spazio fi sico in cui raccogliere
le tracce di uno scambio epistolare, o di un’idea mai andata alle stampe. L’archivio Prezzolini di Lugano raccoglie da decenni queste piccole-grandi periferie della letteratura, rendendo accessibili i fondi di autori che hanno avuto legami più o meno stretti con la Svizzera italiana (Prezzolini, Ceronetti, Chiesa, Flaiano). Parlerà delle acquisizioni e delle fi nalità dell’archivio la responsabile Diana Rüesch.
Due incontri per riflettere sull’idea di archivio nell’avvio del progetto Un archivio per l’innovazione. I giovani e i documenti di Festivaletteratura, che porterà entro il 2010 alla creazione di un archivio dei materiali del Festival. L’archivio viene realizzato nell’ambito del progetto Rete dei Festival aperti ai giovani, promosso dall’ANCI e sostenuto dal Ministro della Gioventù, con il contributo del Comune di Mantova.

[28]  15:00, PALAZZO DUCALE – CANTINE DI VINCENZO GONZAGA, € 3,00
Giovanni Filocamo e Giuseppe Rosolini
CHI HA PAURA DELLA MATEMATICA? – dai 13 ai 16 anni – Equazioni, divisioni con la virgola,

[29]  15:30, TEATRO BIBIENA, € 4,00
L’URBANISTICA DEI MESSAGGI
Un dialogo tra Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto sul ruolo di segni, lettere e oggetti nella città.

Dar forma alle aree urbane non signifi ca soltanto organizzare razionalmente gli spazi, limitarsi a soddisfare criteri di abitabilità e funzionalità: creare un’empatia tra luoghi e persone è un bisogno estetico altrettanto impellente, una fusione tra linguaggi che Italo Lupi, direttore responsabile della rivista Abitare e gli architetti Ludovico Migliore e Mara Servetto hanno posto al centro dei loro rivoluzionari interventi. Sia in Italia che all’estero, i tre vantano prestigiose collaborazioni, che spaziano dall’urban design all’organizzazione degli spazi museali, dall’architettura alla comunicazione visiva, tra cui il progetto Look of the City pensato per Torino in occasione delle Olimpiadi invernali del 2006.

15:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia – SOLO DOMANDE DAL PUBBLICO

Valerio Massimo Manfredi risponde su Il faraone delle sabbie. Finito un libro, ad ogni lettore rimane almeno una domanda. Nelle scintille solo domande dal pubblico gli scrittori fi nalmente rispondono. Mezz’ora totalmente dedicata ad una singola opera: non sono consentite divagazioni né agli autori, né ai lettori.

[30]  15:30, PALAZZO DI SAN SEBASTIANO, € 4,00
Luciano Gallino con Luca De Biase: NON ESISTE UN AZIONISTA INNOCENTE. Crisi finanziaria, crisi industriale.

Nella crisi finanziaria in corso si sono bruciate cifre di denaro inimmaginabili. I gestori di fondi d’investimento, fondi pensione, assicurazioni hanno operato senza preoccuparsi degli interessi di chi ha loro affi dato quei soldi. Secondo Luciano Gallino, l’economia di oggi agisce dimenticandosi delle persone: per invertire questi comportamenti irresponsabili del sistema fi nanziario occorre che i risparmiatori abbiano la possibilità di tornare a dire la loro. Incontra l’autore di Con i soldi degli altri il giornalista Luca De Biase.

16:00, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste – THEATER OF WAR, di John W. Walter, Stati Uniti, 2008, 95’

Estate 2006, Meryl Streep si prende una pausa dal cinema per interpretare a teatro la Madre Coraggio del celebre dramma antimilitarista di Bertold Brecht. Il fi lm di John Walter non solo segue il suo lavoro dietro le quinte, ma ripercorre la biografia di Brecht dalla fuga dalla Germania nazista al suo esilio, fino alla celebre audizione di fronte alla Commissione per le attività antiamericane e al successivo ritorno in Germania. Mentre imperversano la guerra in Iraq e Afghanistan, Streep e compagni si confrontano con la questione centrale del capolavoro brechtiano: perché la storia si ripete in un ciclo ininterrotto di violenze e conflitti?

[31]  16:00, PALAZZO DEL MAGO – CAPPELLA, € 3,00
Chris Riddell con Andrea Valente
MOSTRI NELL’ARMADIO, ROBOT DI SPAZZATURA E MUMMIE DI PALUDE NORVEGESI – dai 6 ai 10 anni

Ci sono gli scrittori e ci sono gli illustratori: a volte sono la stessa persona, a volte no. Quando si inizia a pensare a come trasferire una storia in figure, si scopre che non sempre tutte le immagini che uno ha in testa riescono a scendere sul foglio bianco. Se poi i disegni sono fatti per le storie degli altri, la questione può diventare più complicata, perché al povero illustratore ne vengono chieste… di tutti i colori! Chris Riddell, autore in proprio di Ottoline e la gatta gialla e illustratore di decine di libri altrui, ci racconta e disegna gioie e dolori di questo lavoro straordinario.

[32]  16:30, PIAZZA VIRGILIANA, € 3,00
Jerry Kramsky – IL RITORNO DI UN CERTO MR HYDE – Visita guidata (e improvvisata) nella storia di Jekyll & Hyde, dai 13 anni in su

La storia è nota. Il dr. Jekyll, un rispettabile scienziato inglese, sperimenta su di sé un siero capace di dividere le due personalità presenti in ogni uomo, trasformandosi così nell’abominevole mr. Hyde. Entrando nella versione a fumetti del celebre romanzo realizzata insieme a Lorenzo Mattotti, Jerry Kramsky ci offre un tour carico di emozioni attraverso proiezioni e letture, con musica e suoni dal vivo del Maestro Gianda.

[33]  16:30, LICEO CLASSICO “VIRGILIO”, € 4,00
Paolo Colagrande e Gisela Scerman – CON LO SGUARDO RASOTERRA

La letteratura con la panoramica al contrario (un modo di vedere le cose e di raccontarle, con lo sguardo che parte da rasoterra, come quello del cane) per mettere in scena la vita di provincia e il punto di vista delle persone comuni, e l’uso di una lingua “bassa”, commistione insieme raffinata ed efficace di italiano e dialetto è quello che accomuna due narratori con effetti completamente diversi: ironico ed esilarante per Paolo Colagrande (Fideg, Kammerspiel), poetico e quasi naif per Gisela Scerman (Vorrei che fosse notte). Conduce Simonetta Bitasi.

[34]  16:45, TEATRO DI SAN LEONARDO, € 3,00
Pino Costalunga – AD ALTA VOCE
Laboratorio di giochi e trucchi per leggere bene e… farsi sentire, dagli 8 anni in su. vedi evento n. 18

[35]  16:45, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
Melania Mazzucco con Stefano Salis

“Mantova esercita un incantesimo sul mio spirito. Ogni volta che ci vado il tempo si ferma”: chissà se anche Melania Mazzucco è d’accordo con Jacomo Robusti, detto il Tintoretto, protagonista assoluto dei suoi libri più recenti: il romanzo La lunga attesa dell’angelo e la biografi a Jacomo Tintoretto e i suoi figli. Dove, come spiega la stessa scrittrice “il romanzo è lo sportello visibile della storia di Tintoretto, la monografi a sarà l’altra faccia del dittico: da un lato la visione e la libera interpretazione dei fatti, dall’altra la ricerca di una verità storica”. La incontra il giornalista Stefano Salis.

[36]  17:00, SEMINARIO VESCOVILE, € 4,00
Margherita e Valeria Simili con Clara Sereni e Roberta Corradin
LA CUCINA DEGLI AFFETTI

La cucina è tradizionalmente un luogo di incontro ed esperienza: con il grembiule indosso e tanta passione, le sorelle Simili hanno fatto della “sfida al mattarello” una vocazione professionale; mentre Clara Sereni, in testi come Casalinghitudine, è partita dal cibo fatto in casa per cogliere l’importanza dei legami affettivi e della memoria. Per ribadire che frittate e sfoglie non sono meri impasti di farina e uova, ma saperi aperti al mondo e tesori da custodire, le indiscusse maestre della pasta e la scrittrice romana dialogheranno con la giornalista Roberta Corradin, autrice di “Le cuoche che volevo diventare”.

[37]  17:00, TEATRO ARISTON, € 4,00
Mediterraneo in giallo: Petros Markaris con Paolo Zaccagnini

Petros Markaris è lo scrittore che ha rifondato il genere giallo nella letteratura greca contemporanea. Dopo un esordio nella scrittura come sceneggiatore e autore di teatro e la collaborazione con il regista Theo Anghelopoulos, con Ultime della notte Markaris ha preso la via del thriller, dando vita al personaggio di Kostas Charìtos, un commissario dal volto umano e amante dei vocabolari che svolge le sue indagini in un’Atene nel contempo magica e insostenibile. La serie di romanzi di Charìtos (il cui ultimo capitolo è La balia) ha incontrato in questi anni un crescente successo europeo. Dialoga con Markaris il giornalista Paolo Zaccagnini.

[38]  17:15, PALAZZO DUCALE – ATRIO DEGLI ARCIERI, € 4,00
“la parola cui abbiamo creduto” (Celan)
Daniela Attanasio e Maria Clelia Cardona con Mario Artioli: OMAGGIO AD AMELIA ROSSELLI

Figlia dell’esule antifascista Carlo, Amelia Rosselli si ritaglia un posto unico nel panorama letterario italiano per la sua natura “apolide” e per l’atteggiamento di estraneità tenuto nei confronti del mondo intellettuale. La sua poesia, prevalentemente a tematica amorosa, si distingue per una lingua che si libera dalla regole per farsi fl usso di parole. A ricordare l’autrice di La libellula, Impromptu e molte altre raccolte e componimenti intervengono, insieme a Mario Artioli, Daniela Attanasio, poetessa, che ha dedicato alla Rosselli un numero del quadrimestrale Galleria, e Maria Clelia Cardona, legata da lunga amicizia con la poetessa. Letture a cura di Barbara De Gabrielis.
sugli incontri di “la parola cui abbiamo creduto”, vedi evento n. 1

[39]  17:15, CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA, € 4,00
VOCABOLARIO EUROPEO – La parola (d)agli autori – coordina Giuseppe Antonelli

Dževad Karahasan – dal bosniaco, avlija s.f.: cortile
Elvira Dones – dall’albanese, mall s.m.: nostalgia
per saperne di più sul Vocabolario europeo, vedi evento n. 3

[40]  17:15, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 4,00
Viktor Erofeev con Pia Pera

“Si può dire che io vendo l’Oriente all’Occidente e l’Occidente all’Oriente. (…)
Con gli occhi dell’orientale scorgo la consunzione metafisica dell’Occidente, mi fa ridere il suo attivismo pimpante, mi spaventa l’aspetto relativistico della scelta”. Viktor Erofeev è considerato uno dei maggiori scrittori russi contemporanei. Messo al bando alla fi ne degli anni Settanta dal regime comunista, con il suo ultimo libro, Il buon Stalin, Erofeev ha stravolto il genere autobiografi co, servendosene per scrivere un romanzo totale sulla storia, la politica, la letteratura. Lo incontra Pia Pera, scrittrice e una delle traduttrici delle sue opere in Italia.

17:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia
TRENTA MINUTI DI TOLKIEN

Un’incursione nel mondo magico e oscuro di Tolkien sotto, la guida di Quirino Principe, curatore della prima edizione italiana di Il Signore degli Anelli.

[41]  17:30, TEATRENO, € 6,50
Teatro all’Improvviso, Teater I e Smalands Musik Och Teater
A NORD DELLA PRIMAVERA, di Dario Moretti con Petter Andersson e Nanna Nore – dai 3 agli 8 anni

vedi evento n. 2

[42]  17:30, PALAZZO DUCALE – CANTINE DI VINCENZO GONZAGA, € 3,00
E SE LO STUPIDO NON FOSSE STUPIDO?
Workshop con Walid Taher – dai 10 ai 12 anni

Chi sono gli stupidi? Perché sono stupidi? E se gli stupidi decidessero di diventare intelligenti? Walid Taher, scrittore e illustratore egiziano, insieme ai bambini creerà una nuova versione illustrata del suo libro The Dumb.

[43]  17:45, PALAZZO DI SAN SEBASTIANO, € 4,00
Alberto Melloni e Raniero La Valle
CHI HA PAURA DEL VATICANO II?

L’annuncio del Concilio Vaticano II, dato da Giovanni XXIII il 25 gennaio del 1959, suscitò una grande attesa in tutto il mondo. A cinquant’anni di distanza, il Concilio rimane ancor oggi a misurare la volontà di innovazione della Chiesa e la sua capacità di parlare alla società del proprio tempo, dividendo all’interno della comunità cattolica le correnti progressiste da quelle conservatrici, che ne interpretano in modo opposto l’eredità e l’effettiva spinta riformatrice. Alberto Melloni, autore di Papa Giovanni. Un cristiano e il suo Concilio, e Raniero La Valle, all’epoca direttore del quotidiano cattolico bolognese L’Avvenire d’Italia, si confrontano sul significato storico del Vaticano II e sull’attualità del suo spirito.

18:00, PIAZZA MANTEGNA, pubblica adunanza
SUL SACRIFICIO DELL’IO – Comizio di Simone Weil per la voce di Vittorio Sermonti

“Noi siamo nell’irrealtà, nel sogno. Rinunciare alla nostra illusione di essere situati al centro, rinunciarvi non solo con l’intelligenza, ma anche con la parte immaginativa dell’anima, signifi ca aprire gli occhi alla realtà, all’eternità, vedere la vera luce, sentire il vero silenzio”.
per sapere che cosa sono i comizi, vedi pag. 6

[44]  18:00, TEATRO BIBIENA, € 4,00
SAPER VEDERE L’ARTE CONTEMPORANEA
Corrado Levi e Francesca Alfano Miglietti interrogati dal pubblico

Malgrado il proliferare di esposizioni, gallerie ed eventi legati alle arti visive, il rapporto tra il pubblico italiano e l’arte contemporanea continua a essere un problema di rilievo per la critica. Ripercorrendo il lungo itinerario attraverso le correnti e gli artisti rappresentativi degli ultimi decenni – culminato nella raccolta È andata così. Cronaca e critica dell’arte 1970-2008 – Corrado Levi cercherà di colmare la frattura tra il linguaggio specialistico dell’addetto ai lavori e i tanti modi in cui è ancora possibile rapportarsi all’opera d’arte, restituendo insieme a Francesca Alfano Miglietti, docente dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, il senso di un’avventura tutt’altro che esaurita.

18:00, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste – POSSIBILI RAPPORTI. DUE POETI, DUE VOCI – di Nelo Risi, Italia, 2008, 52’

Nelo Risi, classe 1920, poeta e autore di decine di reportage e documentari, torna alla regia per incontrare il maggior poeta italiano contemporaneo: Andrea Zanzotto. I due hanno attraversato quasi un secolo, sono stati testimoni e attori di una società che si è completamente trasformata, hanno vissuto crisi e svolte ideologiche. Guardandosi in faccia, passeggiando insieme, entrambi esprimono le reciproche visioni del mondo e dialogano sulla poesia, sull’arte, sul cinema, sulla memoria, sulla morte, ma soprattutto sul futuro e sulla vita.

[45]  18:15, PALAZZO DEL MAGO – CAPPELLA, € 3,00
Chiara Carminati e Clementina Mingozzi – POESIE PER ARIA – dagli 8 anni in su

Nebbie e cieli di cristallo, brezze e tempeste, geli stellati e notti tranquillissime di luna. Una raccolta di poesie per cantare la bellezza del mondo, con la leggerezza di una carta velina. Tra giochi di lettura e segreti d’artista, Chiara Carminati e Clementina Mingozzi raccontano al pubblico la nascita di un libro e le meravigliose scintille che ne accendono i versi e le figure.

[46]  18:30, PIAZZA CASTELLO, € 4,00
Nadine Gordimer
“Penso che quello di cui parlo in pubblico o che scrivo in un saggio non sarà mai vero come ciò che scrivo nei miei romanzi”.

Premio Nobel nel 1991, sudafricana, Nadine Gordimer è una delle voci più autorevoli della letteratura contemporanea. Nei suoi romanzi e racconti, caratterizzati da una notevole analisi psicologica, Gordimer ha descritto le devastazioni e i confl itti morali che la politica dell’apartheid ha suscitato nella popolazione del suo paese, rimanendo fedele alla sua vocazione di “scrittore naturale”, secondo la quale il miglior modo di servire la verità è di “scrivere meglio che può”. La introduce il direttore del Festival di Hay-on-Wye Peter Florence.

[47]  18:30, PALAZZO D’ARCO, € 4,00
Domenico De Masi con Brunello Cucinelli – IL CORAGGIO DEL SOGNO

Ci vuole coraggio per immaginare la felicità e cercare di realizzarla.
Brunello Cucinelli ci sta provando a Solomeo, in Umbria, con l’idea di fabbrica diffusa ed umana. Il sociologo Domenico De Masi, riprendendo le riflessioni del Seminario di Ravello , ne parla con lui ampliando il tema del coraggio nel sognare una società felice.

[48]  18:45, LICEO CLASSICO “VIRGILIO”, € 4,00
Patrizia Valduga con Gianfranco De Bosio

Patrizia Valduga, come ha scritto Luigi Baldacci, “ha fatto sua la crisi di linguaggio della poesia moderna. Non è un poeta in crisi, ma un poeta che parla con la crisi, servendosene”. Intorno ai temi dell’eros, del dolore e della morte si sviluppa tutta la sua produzione poetica, dalla prima raccolta Medicamenta alla più recente Lezione d’amore, in un incessante lavoro di costruzione e ricostruzione metrica e linguistica che annette anche le parole dei poeti più amati a servizio di un’espressione dura, malinconica, sarcastica, straziata. La incontra il regista Gianfranco De Bosio.

[49]  19:00, CHIESA DI SAN MAURIZIO, € 4,00
Serge Michel con Marco Aime
LA CINA ALLA CONQUISTA DEL CONTINENTE NERO

Silenziosa e instancabile, in costante ricerca di petrolio e materie prime per sostenere la propria espansione, Pechino si è lanciata alla conquista dell’Africa con una strategia inedita, non priva di ambiguità, ma capace di costruire strade, ospedali, infrastrutture, mercati: una rinascita postcoloniale, attesa da troppo tempo, che ha spiazzato ed emarginato l’Occidente. Per gli africani è forse l’evento più importante in quarant’anni di indipendenza, mette in discussione il ruolo degli aiuti internazionali, cambia i costumi e i riferimenti culturali, apre un nuovo capitolo della globalizzazione. Serge Michel, corrispondente di Le Monde e autore di Cinafrica, ne parla con l’antropologo Marco Aime, autore di La macchia della razza.

19:00, PIAZZA LEGA LOMBARDA, ingresso libero
township poetry – Napo Masheane con Itala Vivan

Nata a Soweto e cresciuta nel Free State, Napo Masheane si è imposta sulla scena artistica sudafricana come scrittrice, regista e performer. Tra i poeti orali della sua generazione, Masheane si distingue per la sua straordinaria padronanza dello strumento vocale e nel contempo per la sua presenza scenica. Nelle sue performances riesce ad incantare il pubblico grazie alla capacità di rendere, attraverso una ricca gamma di sfumature e colori sonori, la complessità emotiva dei suoi versi, che mescolano la tradizione basotho, la poesia classica e la libertà espressiva dell’hip hop.
La introduce Itala Vivan.

[50]  19:15, SEMINARIO VESCOVILE, € 4,00
Walter Bonatti con Enrico Camanni

“Non avevo i cosiddetti ‘mezzi per imparare’, ma soltanto quel febbrile entusiasmo, quell’istinto prepotente che mi chiamava alla montagna e che valeva almeno quanto il mio fi sico sano e ben preparato dagli esercizi atletici praticati fi n da ragazzo”. Per chi ha curiosato tra le pagine di vecchie riviste in cerca di scalatori avvolti nella leggenda, o di fotografi e che testimoniassero imprese ai limiti delle possibilità umane, Walter Bonatti non è solo un’istituzione dell’alpinismo estremo, ma il simbolo di un amore per la montagna che continua a trasmettersi di generazione in generazione.
Incontra l’alpinista bergamasco il giornalista e scrittore Enrico Camanni, direttore della rivista internazionale di cultura alpina L’Alpe.

19:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia – SOLO DOMANDE DAL PUBBLICO
Tiziano Scarpa risponde su Stabat mater.

[51]  20:00, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 10,00
Solisti dell’Orchestra da Camera di Mantova: MENDELSSOHN, PARADIGMA DEL SOGNO ROMANTICO

Quirino Principe, Antagonista
Lied ohne Worte in re maggiore op. 109 (5’ – violoncello e pianoforte)
Variations concertantes in re maggiore op. 17 (11’ – violoncello e pianoforte)
Sonata in fa minore op. 4 (20’ – violino e pianoforte)
Filippo Lama, violino; Stefano Guarino, violoncello; Riccardo Zadra, pianoforte.
vedi evento n. 8

20:30, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste – GOOD OL’CHARLES SCHULZ – di David Van Taylor, Stati Uniti, 2007, 90’

Documentario defi nitivo sull’autore dei Peanuts, con straordinari materiali tra cui rare interviste televisive, gli home movies di famiglia e le testimonianze di fi gli, amici e delle persone che ispirarono i personaggi della serie (tra cui la vera “ragazzina dai capelli rossi”!). Un ritratto toccante della personalità contrastata di Schulz, dalla prima apparizione dei Peanuts nel 1950 all’ultima striscia dell’ottobre 2000, disegnata il giorno della sua morte.
In collaborazione con BilBolBul – Festival internazionale di fumetto.

[52]  20:45, PALAZZO DI SAN SEBASTIANO, € 4,00
Enrico Bertolino con Luca Varvelli – I SEGRETI DELL’INSUCCESSO

Non è da tutti avere una carriera irrimediabilmente compromessa nel giro di pochi anni. Il dilettantismo, se si parla di fallimento personale, non esiste: per riuscire a fallire occorre metodo, disponibilità ad apprendere e, soprattutto, sacrificio. Solo così si potrà mettere a frutto la propria naturale diffi coltà di comunicazione, trasformare una virtuosa riservatezza in una chiusura totale nei confronti degli altri, fare il salto di qualità dall’insoddisfazione momentanea al pianto perenne. In una serata di formazione intensiva, Enrico Bertolino, comico e comunicatore aziendale, e Luca Varvelli, consulente ed esperto nel settore dello sviluppo manageriale, sveleranno i principi fondamentali per la scalata all’insuccesso

21:00, SQUASSABIA MAISON (EX-ALBERGO SAN LORENZO), ingresso libero
GIOCHI DI PAROLE, GIOCHI DI RADIO, una performance di Francesco Anzalone

Se dovessimo raccontare la radio attraverso i suoi generi, il radiodramma e le sue suggestioni, avrebbe certamente una posizione di privilegio. Il gioco sulle parole e attraverso le parole ha permesso una crescita di una recezione evocativa che ha certifi cato, negli anni, il fatto che la radio e i suoi generi fossero una forma artistica e di comunicazione autonoma e autosuffi ciente, nonostante lo strapotere della televisione. Frammenti da ascoltare, attingendo al repertorio dell’Audioteca RAI, pagine di letteratura da approfondire, e poi commenti sagaci e ironici: il pubblico, insieme a Francesco Anzalone, sarà parte attiva di un meccanismo quasi teatrale e suggestivo, utile ad attraversare in maniera disordinata gli stili, le voci, i mondi da cui il radiodramma ha attinto a piene mani.

21:00, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia
TRA LE PAGINE: LIBRI ILLUSTRATI E LIBRI D’ARTISTA

Non bastano le figure: scrivere un libro senza parole è un lavoro da artista. Suzy Lee parla di Mirror, Wave e Alice in Wonderland.

[53]  21:00, TEATRO BIBIENA, € 4,00
Jacopo Staude. 400 ANNI FA

L’anno mirabile di Galileo e la nascita del Sidereus Nuncius Cosa è successo in quei pochi mesi da quando, nell’estate del 1609, Galileo Galilei sentì soltanto parlare dell’invenzione del telescopio, al 12 marzo 1610, quando stampò con le proprie mani il Sidereus Nuncius? In questo libretto di poche pagine Galileo rende conto delle prime osservazioni astronomiche assolute al telescopio e indica la via che l’astronomia moderna ancora oggi segue. Jacopo Staude, astronomo di oggi, racconta e illustra i drammatici eventi di allora.

[54]  21:15, PIAZZA CASTELLO, € 4,00
Valerio Massimo Manfredi  LA BATTAGLIA DELLE TERMOPILI

Combattuta nel 480 a.c. dalla lega delle città greche contro l’imponente esercito persiano guidato da Serse, la battaglia delle Termopili è passata alla storia come uno dei più alti esempi di eroismo militare. Valerio Massimo Manfredi, partendo dalle fonti storiche, ricorda il sacrificio di Leonida e dei suoi trecento spartani, ridando piena vita ai volti e alle emozioni dei protagonisti, ai luoghi della battaglia, ai momenti cruciali dello scontro tra i due eserciti in lotta.

[55]  21:15, TEATRO ARISTON, € 10,00
Mauro Pagani –  CHITARRE, TAZEBAO E TUTTO IL RESTO. Musica e parole.

Con una carriera così lunga e policroma (dalla PFM alla collaborazione con De André, dalle colonne sonore per i fi lm di Gabriele Salvatores alla direzione artistica della Notte della Taranta, dalle collaborazioni con i migliori jazzisti alle produzioni per i grandi nomi della musica italiana) a Mauro Pagani mancava solo la scrittura di un primo romanzo: a Mantova, lo racconta in uno spettacolo unico allestito esclusivamente per il Festivaletteratura. Accompagnato sul palco da Eros Cristiani alle tastiere e da Joe Damiani alla batteria, Pagani racconterà il suo Foto di gruppo con chitarrista alternando episodi ispirati dal libro e dagli anni ’70 a colonne sonore di quel periodo indimenticabile.

[56]  21:30, ARCI VIRGILIO, € 4,00
Scienze Confi denziali. Ignazio Marino e Giorgio Cosmacini e il pubblico: DOVE ETICA E RICERCA SCIENTIFICA SI INCONTRANO

Le frontiere dell’etica e i limiti della medicina, o viceversa: a seconda della prospettiva che adottiamo, le sfumature verbali rischiano di generare accese discussioni intorno al destino dell’uomo, come l’aspra polemica seguita alla legge sul testamento biologico dimostra in modo esemplare. Permane un retrogusto amaro, un senso di impotenza che lascia i cittadini in preda alla propaganda politica e ai facili slogan. Ignazio Marino e Giorgio Cosmacini parlano insieme al pubblico di bioetica, sfatando la credenza che etica e ricerca scientifi ca non possano trovare un punto di convergenza.
Le Scienze Confi denziali tornano al Festival per affrontare argomenti ritenuti diffi cili o da specialisti. Nell’atmosfera confidenziale che si crea seduti a un tavolo con un bicchiere di vino tutto si scioglie, e anche le scienze trovano quel calore e quel tono colloquiale che le rende accessibili a tutti.

22:00, PIAZZA CONCORDIA, ingresso libero
Francesco Permunian con Giovanni Montanaro. IL DURO SMALTO DEL NULLA

Parole d’amore e di rabbia dalla stiva di una nave blasfema. Letture e considerazioni dello scrittore-bibliotecario autore del recente Dalla stiva di una nave blasfema. Lettore: Giovanni Montanaro.

22:15, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste – EXAMINED LIFE, di Astra Taylor, Canada, 2008, 87’. Anteprima italiana

Un documentario che affronta in modo originale e coinvolgente un ambito apparentemente lontano ed ostico come quello della filosofi a contemporanea. La regista ha portato otto dei più infl uenti fi losofi in attività fuori dalle aule accademiche, per ascoltarli mentre espongono fondamenti e suggestioni della loro ricerca intellettuale nel mondo reale, in luoghi e contesti particolarmente signifi cativi per il loro pensiero. I magnifi ci otto sono Cornel West, Avital Ronell, Peter Singer, Kwarne Anthony Appiah, Martha Nussbaum, Michael Hardt, Judith Butler e l’ormai immancabile Slavoj Zizek, che dopo Zizek! (sempre diretto da Astra Taylor) e The Pervert’s Guide to Cinema torna per la terza volta sugli schermi di Festivaletteratura.

22:30, PIAZZA VIRGILIANA, ingresso libero
BLURANDEVÙ – Gli autori rispondono alle domande blu dei volontari-conduttori di Festivaletteratura: Margaret Mazzantini

La carriera di Margaret Mazzantini inizia a teatro. Formatasi all’Accademia di Arte Drammatica di Roma, fa il suo esordio sulle scene con Ifigenia di Goethe. Per oltre dieci anni si dedica al teatro e al cinema, fi no a quando, nel 1994, pubblica il suo primo romanzo, Il catino di zinco, a cui segue nel 2001 Non ti muovere, il libro con cui si aggiudica il Premio Strega e che la consacra come una delle più seguite narratrici italiane. Nonostante il successo, Mazzantini continua a considerarsi una outsider della letteratura, attività che pratica cercando di conciliarla con la vita familiare e la gestione dei quattro fi gli. Della quotidianità e dell’arte, l’autrice di Venuto al mondo parla con i ragazzi di Blurandevù.

[57]  22:30, CIRCOLO “LA ROVERE” – PALAZZO MAGNAGUTI, € 8,00
ARS AMANDI
Fiori scelti dalla letteratura erotica di tutti i tempi, a cura di Gianfranco De Bosio con Giovanni Casalegno

2. Il Rinascimento. Letture da Angelo Poliziano, Pietro Aretino, François Rabelais, Ruzante, William Shakespeare e altri autori.
vedi evento n. 10

[58]  24:00, PALAZZO TE, € 8,00
Stefano Scansani – NELLA TANA DELLA NEBBIA

L’anno scorso l’attesa dell’alba di fronte allo skyline liquido della città. Stavolta la ricerca della verità sulla nascita della nebbia. Dove va e da dove viene la nebbia? In quale posto s’infi la? E come è nata? Lasciate perdere i climatologi e ogni scienza esatta, venite piuttosto a Palazzo Te per scoprire l’aerosol della pianura, il fi ato del Po, stando dentro il respiro notturno della fabbrica della nebbia. Per Stefano Scansani – autore del surreale trattato La fabbrica della nebbia – è una questione di mito e meteo. Dallo tsunami fl uviale dell’inizio dei tempi alla fondazione della città capitale della bruma, dalla musica aeriforme al tour nella villa rinascimentale con visibilità zero. Smarrimento garantito. Allestimento di Roberto Soggia. In collaborazione con il Museo Civico di Palazzo Te. Con interventi della Scraps Orchestra, di Elisa Goldoni e Marcello Abate del Conservatorio “Campiani” di Mantova, e dell’Associazione “E allora tango”. Generi di conforto a cura di Opera Ghiotta.

Venerdì 11 Settembre 2009

9:00, PIAZZA LEON BATTISTA ALBERTI, ingresso libero
LE PAGINE DELLA CULTURA – lettura dei giornali a cura di Michael Zadoorian

coordinamento di Stefania Mascetti e Alberto Notarbartolo
per saperne di più sulle Pagine della cultura vedi pag. 9

[59]  10:00, PALAZZO DUCALE – ATRIO DEGLI ARCIERI, € 4,00
Herta Müller con Marilia Piccone: LA LETTERATURA NECESSARIA

Nata nel 1953 nel Banato Svevo, regione di cultura e lingua tedesca della Romania, Herta Müller ha studiato letteratura tedesca e rumena a Timisoara, entrando nell’Aktionsgruppe Banat, un gruppo di scrittori idealisti rumeno-tedeschi che cercavano libertà d’espressione sotto la dittatura di Ceauşescu. Costretta ad emigrare dalla Romania, Müller vive da oltre vent’anni in Germania. I suoi romanzi (In viaggio su una gamba sola, Il paese delle prugne verdi), che si distinguono per una lingua intensamente poetica, capace di squarci visionari e sconfi nante a tratti in un perturbante surrealismo, ritraggono la distruzione sistematica dell’essenza umana sotto il regime dittatoriale in Romania e la perdita delle radici nell’esilio politico. La presenta la giornalista Marilia Piccone.

dalle 10:00 alle 24:00, SQUASSABIA MAISON (EX-ALBERGO SAN LORENZO), ingresso libero
RADIODRAMMA HOTEL

a cura di Francesco Anzalone e Lorenzo Pavolini
vedi pag. 5

[60]  10:00, PALAZZO DUCALE – CANTINE DI VINCENZO GONZAGA, € 3,00
SE LORO HANNO DEI SOGNI, NE HO ANCH’IO!

Workshop con Walid Taher, dai 6 ai 9 anni
Come sogna un gatto? E un leone? Di che cosa sono fatti i nostri sogni? Come li realizziamo? Walid Taher, scrittore egiziano per ragazzi e autore di Animal’s Dreams, invita i bambini a sognare con carta e colori…

[61]  10:15, PALAZZO D’ARCO, € 4,00
Mediterraneo in giallo: Santo Piazzese con Stefano Salis

I romanzi di Santo Piazzese ci immergono nelle atmosfere e nelle strade di una Palermo fuori dai cliché, portuale ma con le montagne alle spalle, solare e cupamente violenta, popolosa e multiculturale, che “tutto trita, assorbe e metabolizza”. I suoi noir palermitani sembrano respirare il disordine della città. Le indagini si risolvono sempre senza giustizia: i colpevoli sono smascherati, ma restano colpevolmente impuniti. Biologo di professione e lettore vorace, come dimostra la ricchezza delle citazioni e dei rimandi che affi ora nelle sue pagine, Piazzese rappresenta senza dubbio una delle voci più interessanti della letteratura siciliana. Incontra l’autore di Il soffi o della valanga il giornalista Stefano Salis.

[62]  10:15, PALAZZO PLATTIS, € 3,00
Suzy Lee. UN’ONDA TUTTA MIA, dai 6 ai 10 anni

Quando s’incontra un’onda succede qualcosa di azzurro e inatteso. Tutto viene travolto e in pochi secondi la spiaggia si riempie di conchiglie e altri regali. Suzy Lee, un’artista coreana che vive a Singapore, ci porterà a sfidare le onde con colori e matite.

[63]  10:30, PALAZZO DI SAN SEBASTIANO, € 4,00
Ignazio Marino con Marino Sinibaldi: AVER CURA. LA SCIENZA COME ESPERIENZA DELL’UOMO

Attraverso la narrazione di esperienze vissute in prima persona, Ignazio Marino (Nelle tue mani. Medicina, fede, etica e diritti) ci aiuta a prendere coscienza di problematiche complesse legate alla salute e alle grandi questioni etiche. Senza dimenticare che le scelte individuali vanno pensate nello scenario complessivo della società. Lo intervista il giornalista Marino Sinibaldi.

[64]  10:30, TEATRO BIBIENA, € 4,00
Susanna Magistretti, Michela Pasquali e Pia Pera
IL GIARDINO DEL NOSTRO TEMPO

Piccoli giardini crescono: in Europa e nel mondo orti e giardini collettivi, spontanei e autogestiti, fioriscono nei quartieri e nelle scuole, dai community gardens ai jardins partagés. E in Italia qualcosa si muove nella relazione tra comunità e giardino. I cittadini si fanno giardinieri in una riappropriazione simbolica del verde pubblico. Riflessioni di Susanna Magistretti, Michela Pasquali e Pia Pera sul giardino del nostro tempo.

[65]  10:45, PIAZZA VIRGILIANA, € 3,00
Guido Barbujani con Patrizio Roversi: INDOVINA LA RAZZA, dai 13 ai 16 anni

Per etichettare persone che vengono da paesi molto lontani dal nostro, a volte diciamo che sono di una “razza” diversa. Ma che cosa intendiamo per razza? Ci sono dei tratti somatici riconoscibili che permettano di tracciare delle divisioni nette? Il genetista Guido Barbujani, coadiuvato da Patrizio Roversi, ha preparato un mazzo di fotografi e di persone diverse da distribuire ai ragazzi: a loro il compito di raggruppare le fotografi e per “razze”, a tutti quello di commentare i risultati “scientifi ci” raggiunti.

[66]  11:00, MUSEO ARCHEOLOGICO, € 3,00
CHE TRAGEDIA! un progetto a cura di Giuseppina Norcia e Guido Cristini
1. Elena: la bellezza – con Cristina Cazzola nella parte di Elena
dai 12 ai 14 anni

Elena è la donna più bella mai esistita. Quando arriva in età da marito, tutti i prìncipi della Grecia la desiderano: lei sposa Menelao, re di Sparta. Quando Paride la “rapisce”, tutti gli Achei si uniscono a Menelao per vendicare l’onta. Scoppia la guerra di Troia. Ma Elena è davvero incolpevole? Nell’antichità la tragedia permetteva a un’intera comunità di rifl ettere su questioni diffi cili da risolvere, dando il volto di un personaggio a sentimenti a cui era altrimenti impensabile dare forma e parola. “Che tragedia!” riporta in scena alcune delle eroine della tragedia greca e i loro antagonisti: il pubblico dei ragazzi sarà chiamato a interpretare il coro e a stimolare con le proprie domande i protagonisti delle storie raccontate.
In collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale di Mantova. Con la partecipazione di Edvige Ciranna, Laura Torelli e Giovanni Franzoni.

[67]  11:00, TEATRO DI SAN LEONARDO, € 3,00
Pietra Pistoletto: MODA E RICICLO, dai 7 ai 9 anni

Gli armadi sono pieni di vestiti che non mettiamo più. Anche nel vostro senz’altro ci saranno giacche, pantaloni e chissà quante altre cose che avete scartato: Pietra Pistoletto vi insegnerà a riciclarli. Portate i vostri vestiti usati e uscirete dal laboratorio con un abito nuovo di zecca. A volte basta un po’ di creatività per divertirsi e… risparmiare!

[68]  11:00, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
Eva Cantarella con Gherardo Colombo – DALLA VENDETTA AL DIRITTO: UNA STRADA SENZA RITORNO?

Nel passaggio dalla società arcaica alla polis, la Grecia antica ha compiuto un salto culturale decisivo sostituendo le leggi scritte alle leggi non scritte, basate sui legami di sangue e regolate dal codice d’onore. Ma il percorso dalla vendetta al diritto non è stato sempre lineare nel mondo occidentale. Ancora oggi è forte l’aspirazione al ritorno di una giustizia retributiva, come dimostrano la presenza della pena capitale nella legislazione di alcuni paesi e i ricorrenti pronunciamenti in suo favore. Eva Cantarella, antichista e autrice di numerosi volumi sull’argomento (tra cui Itaca e Il ritorno della vendetta), parla dei rischi di questa involuzione del diritto con Gherardo Colombo (Sulle regole).

[69]  11:15, LICEO CLASSICO “VIRGILIO”, € 4,00
Clara Sereni e Pulsatilla con Bruno Gambarotta: L’AMORE NECESSARIO

“Siamo tutti legati l’uno all’altro da un fi lo – scrive Clara Sereni –, ma quando all’altro capo del fi lo c’è una persona disabile tutto cambia”. Nella recente antologia Amore Caro, la Sereni ha raccolto le lettere che personaggi dello spettacolo, della politica e delle letteratura, hanno indirizzato ai rispettivi familiari affetti da handicap permanenti. Le fragilità umane, che nelle contraddizioni della diversità riscoprono il senso profondo della parola amore, saranno al centro dell’incontro tra l’autrice romana, la giovane narratrice Pulsatilla e il giornalista Bruno Gambarotta.

[70]  11:15, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 4,00
Elvira Dones con Nicole Janigro. I LOVE QUESTA LINGUA SHUMË

“Sono cresciuta con il sogno del mondo, con le parole dell’italiano dentro, con le parole dell’inglese, del francese e dello spagnolo che cercavo di studiare a grande fatica perché ci mancava ciò che fa vivere una lingua: la comunicazione diretta, lo scambio, il vivere la lingua con i tuoi pari”. Elvira Dones ama viaggiare tra le lingue e scrive in albanese, in italiano, in inglese, o a volte in tutte queste lingue insieme, dando vita a una miscela multiculturale che bene interpreta la libertà del suo spirito. I suoi romanzi raccontano storie di donne, spesso sole, che affrontano dure scelte di marginalità: la prostituzione in Sole bruciato, la negazione della propria femminilità in Vergine giurata. La incontra Nicole Janigro, esperta di letteratura balcanica.

[71]  11:15, PALAZZO DEL MAGO – CAPPELLA, € 3,00
Francesco D’Adamo e Gunilla Lundgren, con Janna Carioli
CHE COSA VUOL DIRE CLANDESTINO?
dai 10 ai 14 anni

La televisione e i giornali qualche volta ci parlano dei terribili viaggi che molte persone affrontano, partendo dall’Africa, per dare una speranza al proprio futuro. Quello che non ci dicono è che su queste barche che attraversano il Mediterraneo ci sono anche molti ragazzi, spesso rimasti soli, con tutte le diffi coltà che possiamo immaginare quando si arriva in un paese straniero. Insieme a Janna Carioli, Francesco D’Adamo, autore di Storia di Ismael che ha attraversato il mare, e Gunilla Lundgren, scrittrice svedese che da anni lavora e scrive per immigrati di seconda generazione, ci raccontano le storie che hanno raccolto dalla voce di molti di questi giovani immigrati.

[72]  11:15, CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA, € 4,00
VOCABOLARIO EUROPEO – La parola (d)agli autori, coordina Giuseppe Antonelli

Viktor Erofeev – dal russo, предательство s.n.: ‘tradimento’
Anne-Marie Garat – dal francese, lumière s.f.: ‘luce’
per saperne di più sul Vocabolario europeo, vedi evento n. 3

[73]  11:30, SEMINARIO VESCOVILE, € 4,00
Franco La Cecla e Melo Minnella: ANTROPOLOGIA SU TRE RUOTE

Prima dei ridondanti notiziari della CNN e degli internet point, l’Ape – altrimenti ribattezzata Lapa, Tuk-Tuk, Gua-Gua o Riksha, a seconda delle varianti popolari – è il mezzo di trasporto che più di ogni altro ha avvicinato persone e regioni del pianeta, fruttivendoli palermitani e vetturini di Xiamei, realizzando in più contesti “il sogno della piazzetta in movimento, di uno spazio circolante da cui osservare il mondo”. Con l’ausilio di un vivace reportage fotografi co realizzato da Melo Minnella, l’antropologo palermitano Franco La Cecla celebra l’impareggiabile versatilità e la generosa lentezza di un veicolo restio alla tirannide dell’automobile.

[74]  11:30, CHIESA DI SAN MAURIZIO, € 4,00
Fay Weldon con Caterina Soffici

Voce di spicco della BBC e ideatrice di numerosi spettacoli televisivi e radiofonici, tra cui l’importante adattamento per la tv del capolavoro di Jane Austen, Orgoglio e Pregiudizio, Fay Weldon esordisce nella narrativa nel 1967 con Fat Woman Joke. Nel 1983, il romanzo Life and Loves of a She Devil – da cui è tratta l’omonima commedia interpretata da Roseanne Barr e Meryl Streep – consacra defi nitivamente la scrittrice al grande pubblico. Il suo ultimo lavoro pubblicato in Italia, La trappola, è l’ennesima conferma del sarcasmo con cui la Weldon racconta le piccole follie quotidiane della vita di coppia e l’emancipazione della donna nel mondo contemporaneo. Incontra l’autrice inglese la giornalista Caterina Soffici.

12:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia: LA FESTA DEL DIVORZIO

La Mauritania è l’unica terra dove sopravvive l’amor cortese. Gli uomini devono saper comporre versi per poter sperare di conquistare le donne che amano. E una donna più ha avuto mariti, più è desiderata: ecco perché, racconta Tahar Lamri, il divorzio è la festa più importante.

[75]  14:30, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
RETROSPETTIVA AMITAV GHOSH

1. La saga familiare – Amitav Ghosh con Anna Nadotti e Giuseppe Cederna
Il primo incontro della retrospettiva si concentra sulla produzione narrativa di Ghosh di respiro “epico”, in cui le grandi storie familiari si intrecciano con la Storia delle ex colonie britanniche del continente indiano (Le linee d’ombra, Il palazzo degli specchi, Mare di papaveri). Dialoga con Ghosh Anna Nadotti, traduttrice delle sue opere in Italia. Letture di Giuseppe Cederna.

La retrospettiva – al cinema o nell’arte – è un evento che permette di ripercorrere la carriera di un artista importante. Festivaletteratura ha deciso di adottare questa formula per rendere omaggio allo scrittore indiano Amitav Ghosh. Attraverso una serie di tre incontri, il pubblico avrà la possibilità di entrare nel cantiere narrativo di Ghosh sotto la guida dell’autore stesso.

[76]  14:30, PALAZZO DUCALE – ATRIO DEGLI ARCIERI, € 4,00
Alan Sillitoe e Ruth Fainlight con Paolo Ruffilli

Una lunga fedeltà all’espressione in versi lega Alan Sillitoe e Ruth Fainlight, due tra i più interessanti poeti inglesi contemporanei. Sillitoe, che ha raccolto la produzione di quasi quarant’anni in Ritratto di un saccheggio, alterna nei suoi componimenti le presenze sorprendenti della natura – luoghi, ore, stagioni – al corpo vivo della città contemporanea: su tutto posa il suo sguardo nitido e impietoso, ma alla fi ne complice. La poesia di Fainlight – di cui è stata pubblicata in Italia La verità sulla sibilla – parla invece con una voce diretta, nuda, capace di rivelare con lucidità implacabile ogni dettaglio dell’esperienza e tuttavia dotata di una grande intensità emotiva grazie alla perfetta padronanza dello stile e alla ricchezza dell’immaginazione.
Presenta i due autori Paolo Ruffi lli, poeta e critico letterario.

[77]  14:45, PIAZZA VIRGILIANA, € 3,00
David Almond con Andrea Valente, dai 13 ai 99 anni

Le storie di David Almond riescono a toccare la sensibilità più profonda dei ragazzi: non hanno paura di confrontarsi con il tessuto misterioso delle emozioni, e si avvicinano con delicatezza a ciò che spesso non si riesce a dire o a comprendere e che invece è così urgente. Skelling è una di queste storie, “meravigliosamente semplice ma anche terribilmente complicata”, come ha scritto Nick Hornby, in cui un bambino trova nel garage della nuova casa un essere randagio, metà uomo e metà uccello, che sembra aver bisogno di cure. Almond incontra i suoi giovani lettori insieme ad Andrea Valente, autore di tantissimi libri per ragazzi.

[78]  14:45, TEATRO DI SAN LEONARDO, € 3,00
Marina Gasparini – MAPPE CUCITE – dai 10 ai 12 anni
vedi evento n. 24

[79]  15:00, TEATRO BIBIENA, € 4,00
Sandrone Dazieri, Beppe Severgnini e Francesco Zizola con Sergio Cecchini: LE CRISI DIMENTICATE

Come mai i media si dimenticano dei drammi umanitari che dilaniano intere aree del pianeta? Per il quinto anno consecutivo, Medici Senza Frontiere presenta il Rapporto sulle Crisi Dimenticate, un resoconto che contiene la lista delle dieci crisi umanitarie più gravi e ignorate nel corso del 2008 e un’indagine sullo spazio dedicato alle stesse crisi dai principali telegiornali RAI e Mediaset, realizzata in collaborazione con l’Osservatorio di Pavia. Il giornalista Beppe Severgnini ne parla con lo scrittore Sandrone Dazieri e il fotografo Francesco Zizola.
Modera Sergio Cecchini, Direttore della Comunicazione di MSF Italia.

[80]  15:00, TEATRO ARISTON, € 4,00
Denise Epstein con Marina Gersony: IRÈNE NÉMIROVSKY, MIA MADRE

Quando Irène Némirovsky fu prelevata da casa per essere deportata ad Auschwitz, lasciò una valigia di cuoio con i suoi quaderni nelle mani della fi glia tredicenne. Solo sessant’anni più tardi Denise si convinse a leggere quei quaderni e a trascriverne il contenuto. Ha avuto inizio in questo modo il meticoloso lavoro di edizione che ha portato alla pubblicazione di Suite francese, potente affresco dell’occupazione nazista in Francia scritto nel corso degli eventi e capolavoro incompiuto della scrittrice franco-ucraina. Nella sua autobiografi a Survivre et vivre, Denise Epstein ripercorre questa emozionante vicenda e insieme raccoglie i ricordi della madre. La incontra la giornalista Marina Gersony.

[81]  15:00, CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA, € 4,00
Siegmund Ginzberg, Hermann Grosser e Luciano Minerva: GUIDA A GUGLIELMINO

Con due antologie – Guida al Novecento e Il sistema letterario – Salvatore Guglielmino ha formato più di una generazione di studenti delle scuole superiori italiane. L’intreccio della letteratura con le altre arti, la visione europea della storia della letteratura italiana, l’approccio diretto ai testi e lo spazio destinato agli scrittori del Novecento, hanno reso i suoi manuali un punto di riferimento per moltissimi docenti. Ma chi era l’insegnante di liceo e il colto umanista Salvatore Guglielmino? Hermann Grosser, coautore de Il sistema letterario e amico dell’autore siciliano, metterà in luce le tappe di una ricca biografi a intellettuale, unendo il proprio contributo alle testimonianze di due allievi d’eccezione dello stesso Guglielmino: Siegmund Ginzberg e Luciano Minerva.

[82]  15:00, SEMINARIO VESCOVILE, € 4,00
Roberto Beccantini, Luigi Garlando e Dino Zoff: LA MITICA ESTATE DEL MUNDIAL

L’estate del 1982 non è stata un’estate qualunque. Il luglio di quell’anno è legato per sempre al ricordo del Mundial, all’Italia divenuta campione del mondo dopo un girone eliminatorio incolore, un centravanti che non segnava e che tutti chiedevano di sostituire. Poi quel centravanti è risorto ed è diventato il capocannoniere del torneo, trascinando la nazionale fino alla vittoria in fi nale contro la Germania. L’Italia ha vinto i mondiali anche dopo ma il calore, l’entusiasmo non è più stato quello di allora. È cambiato il calcio? Sono cambiati gli italiani? Per parlare di quell’estate si ritrovano il capitano della nazionale del 1982 Dino Zoff, l’inviato al Mundial Roberto Beccantini e Luigi Garlando, autore di L’amore ai tempi di Pablito.

15:00, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste: WE ARE WIZARDS, di Josh Kouri, Stati Uniti, 2008, 79’
Anteprima italiana

Nel 1997 scoppiò la bomba editoriale “Harry Potter e la pietra filosofale”, seguita rapidamente dal suo adattamento cinematografi co e dai successivi libri della saga. In questo divertente documentario “indie” incontriamo alcune delle fi gure di spicco della scena artistica underground fatta da gruppi rock, performer, registi, giornalisti e scrittori che hanno deciso di occupare il loro tempo contribuendo nei modi più bizzarri e inaspettati a espandere, corrompere o reinventare l’universo narrato dai libri di J.K. Rowling.

[83]  15:00, AULA MAGNA DELL’UNIVERSITÀ, € 4,00
ex-Jugoslavia: voci di una letteratura dispersa: Dževad Karahasan e Dragan Velikić con Nicole Janigro
TRA ORIENTE E MITTELEUROPA

Definire un codice che permettesse di parlare di “letteratura jugoslava” è sempre risultato arduo anche prima della disgregazione del paese balcanico. Eppure la narrativa del Novecento europeo conosce nelle opere di Ivo Andric e Danilo Kiš alcuni dei suoi capolavori assoluti. Nel solco di una tradizione letteraria aperta che guarda ad oriente e ad occidente, intrecciando la componente mitteleuropea con i retaggi della presenza ottomana, si inseriscono oggi presenze come quella del serbo Dragan Velikić (Via Pola) e del bosniaco Dževad Karahasan (Il centro del mondo, Il divano orientale) che rinnovano nella propria opera temi come la tensione drammatica tra l’individuo e la storia, la rifl essione sul signifi cato della frontiera e del riconoscersi attraverso l’altro, il richiamo all’”impegno”. Presenta i due autori Nicole Janigro, autrice di Narrativa dalla ex-Jugoslavia.

[84]  15:00, PALAZZO DUCALE – CANTINE DI VINCENZO GONZAGA, € 3,00
Carlo Carzan e Sonia Scalco: I MISTERI DI TURUTUN, dagli 8 agli 11 anni

Turutun è un mondo fi abesco, in una Sicilia sospesa nel tempo e nello spazio, dove Re, Rigginotte, Sirene, Fate e Umani vivono eventi fantastici. Ma l’Orcodrau vuole trasformare Turutun in un mondo di paura e prepotenza, solo con l’aiuto delle “Compagnie delle fi abe” potremo sconfi ggerlo. Ogni partecipante diverrà un cavaliere di Turutun e in un grande gioco di ruolo dovrà, insieme ai compagni, superare “Le Prove”. Riusciranno i cavalieri ad arrivare al regno di Turutun e a salvare le fi abe? Lo scopriremo giocando!

[85]  15:15, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 4,00
Marie-Aude Murail con Stefania Bertola: RACCONTARE LA FAMIGLIA

Orfani sfortunati e malati, zii inaffi dabili, acide donne in carriera, ragazzi adulti, ma con la capacità mentale di un bimbo di tre anni, genitori improponibili: c’è un intero campionario familiare nei libri della pluripremiata autrice di Oh, Boy! che si confronta con un’altra abile narratrice di situazioni familiari più o meno complicate, su come narrare il nucleo sociale più antico, con una delicatezza senza età.

[86]  15:15, CHIESA DI SAN MAURIZIO, € 4,00
Andreï Makine con Piero Dorfles

“Trapiantato in una grande capitale europea, mi voltavo a contemplare l’immensità dei campi di grano e le grandi pianure coperte di neve sotto la luna. Vedevo la Russia da francese! Ero altrove”. Andreï Makine, nato e cresciuto nell’immensa pianura siberiana, vive a Parigi da oltre vent’anni. Adotta subito il francese come lingua d’espressione, ma riesce a far pubblicare il suo primo romanzo solo fi ngendo che si tratti di una traduzione dal russo. Oggi Makine, vincitore del premio Goncourt, si è affermato come uno dei più autorevoli autori di lingua francese: i suoi romanzi (Il testimone francese, L’amore umano) si caratterizzano per l’uso di una lingua letteraria molto ricca e di uno stile sobrio e insieme fi gurativo.
Lo incontra Piero Dorfles, giornalista e critico letterario.

15:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia: SCINTILLA IN BLEU

Bleu portò a Mantova alla fi ne della Prima Guerra Mondiale, buona parte dell’avanguardia più estrema tra Futurismo e Dadaismo. Nelle pagine dei numeri realizzati compaiono fi anco a fi anco Julius Evola e i neoplasticisti olandesi, in un incrocio di tensioni e di ricerche, elaborate sullo sfondo di una città di provincia attraversata da correnti di novità. Una mini-conferenza spettacolo di Luca Scarlini con la partecipazione di Adolfo Vaini.

[87]  15:30, PALAZZO DI SAN SEBASTIANO, € 4,00
Marc Augé con Francesco Morace: I PAESAGGI URBANI

Uno sguardo attento e vicino permette di leggere il paesaggio urbano in tutta la sua ricchezza: se ne possono cogliere la componente della memoria, in cui si inseriscono le tracce della grande storia collettiva e quelle delle piccole storie individuali; i segni riconoscibili e impersonali della globalizzazione, uguali in tutte le città del mondo; gli elementi di discontinuità e di cambiamento, attraverso i quali è possibile prefi gurare gli scenari futuri. L’antropologo Marc Augé, autore di Nonluoghi e Tra i confini, insieme al sociologo e scrittore Francesco Morace, ci invita a osservare gli spazi urbani in profondità, per saperli interpretare e vivere meglio.

[88]  16:00, PALAZZO PLATTIS, € 3,00
Masayo Ave: IL GIARDINO DELLO SPIRITO, dai 3 ai 5 anni

Immaginate una luce soffusa, quasi una nebbia luminosa, che avvolge piante, animali e tutti gli abitanti di un parco incantato. Questo luogo meraviglioso, che ora riuscite a vedere solo ad occhi chiusi, è quello che vi apparirà nel pieno splendore alla fi ne del laboratorio condotto da Masayo Ave. Insieme all’artista giapponese potrete raccogliere fi ori, rami e foglie, disegnarli su carta e poi trasformarli per magia in un giardino segreto.

[89]  16:00, PALAZZO DUCALE – CORTILE DI SANTA CROCE, € 4,00
Stefano Arienti con Beppe Finessi: SVELARE ALTRI MONDI

“Le serie, gli insiemi, le classifi cazioni, gli elenchi hanno sempre affascinato Arienti, che (…) ha considerato la collezione e l’archiviazione delle immagini e dei materiali parte essenziale del suo lavoro” (Camilla Pignatti Morano, Stefano Arienti). Formatosi grazie agli apporti dell’avanguardia milanese degli anni Ottanta, l’artista di Asola è un eccentrico protagonista dell’arte italiana contemporanea. L’uso sapiente di oggetti quotidiani e materiali organici e un gusto per la provocazione d’impronta dadaista, hanno portato la sua opera all’attenzione della critica nazionale e internazionale.
Dialoga con Arienti l’architetto Beppe Finessi.

[90]  16:00, PALAZZO DEL MAGO – CAPPELLA, € 3,00
Chris Riddell: COMBATTERE CONTRO I MULINI A VENTO, dai 10 ai 14 anni

Conoscete la storia di Don Chisciotte della Mancha, il cavaliere errante che girava per la Spagna alla disperata ricerca di avventure? E quella di Gulliver e dei suoi viaggi in terre popolate da esseri minuscoli e giganteschi? Sono due dei classici della letteratura più celebri al mondo. Prendere i pennelli in mano per tradurli in immagini signifi ca sfi dare storie che portano con sé tutte le fantasie che hanno acceso nel corso dei secoli. L’illustratore inglese Chris Riddell ci racconta come è riuscito in questa impresa temeraria.

[91]  16:30, LICEO CLASSICO “VIRGILIO”, € 4,00
Alberto Leiss, Letizia Paolozzi e Chiara Zamboni: IL NUOVO MONDO DELLE DONNE E DEGLI UOMINI

Uno dei mutamenti più rilevanti della società contemporanea riguarda l’affermazione della presenza femminile in ambiti di tradizione maschile: la politica, la fi losofi a, la letteratura, l’università. Ciò che colpisce è che il fenomeno riguarda tutto il mondo. Il pensiero e le pratiche delle donne stanno disegnando, in realtà, un nuovo mondo dove, per la prima volta e fuori dall’eccezionalità, uomini e donne possono collaborare facendo tesoro delle rispettive differenze. Ne parlano la fi losofa del linguaggio Chiara Zamboni della Comunità fi losofi ca Diotima, i giornalisti e scrittori politici Letizia Paolozzi e Alberto Leiss.

[92]  16:45, PIAZZA VIRGILIANA, € 3,00
Nadia Nicoletti – L’ORTO DELLE MERAVIGLIE, dai 4 agli 11 anni

In un laboratorio molto speciale, Nadia Nicoletti ci insegnerà alcuni segreti del terreno, dei semi, delle piante e delle erbe aromatiche per realizzare un mini-orto da portare a casa che potremo accudire e veder crescere nel tempo. E per portare avanti il nostro impegno per la natura al di fuori del giardino di casa, prepareremo le “bombe di semi” da lanciare nei posti incolti, per coltivare la pace al posto della guerra. Raccomandati indumenti sporcabili. Ritrovo davanti al monumento di Virgilio.

[93]  16:45, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
Erri De Luca – LE DONNE DELLA SCRITTURA SACRA

L’approccio alle Sacre Scritture come testi patriarcali tende a far trascurare il rilievo dei personaggi femminili. Al contrario, secondo Erri De Luca, la presenza della donna “in quegli scritti è una potenza”: la Bibbia regala alcune delle sue pagine più preziose, immediate e sorprendenti quando racconta le storie di Eva, Rut, Betsabea e di molte altre donne, o la coraggiosa adolescenza di Miriam/Maria, già ripercorsa da De Luca in In nome della madre.

[94]  17:00, TEATRO ARISTON, € 4,00
Guido Barbujani con Elisabetta Tola: GLI AFRICANI SIAMO NOI
Biodiversità umana e politiche della razza.

“Volete vedere che faccia ha un immigrato africano? Guardatevi allo specchio”. Guido Barbujani, genetista di fama internazionale, da diversi anni è impegnato in un’opera di divulgazione tesa a dimostrare l’assoluta inconsistenza di qualsiasi tentativo di legittimare su basi scientifi che il concetto di “razza”. La nostra specie – venuta dall’Africa circa 200.000 anni fa – presenta una forte uniformità genetica di fondo, al punto che le distanze genetiche medie tra due individui sono anche maggiori di quelle esistenti tra due popolazioni. Dell’infondatezza delle identità biologiche, l’autore di Europei senza se e senza ma parla con la giornalista Elisabetta Tola.

[95]  17:00, TEATRO ARISTON, € 4,00
Guido Barbujani con Elisabetta Tola
GLI AFRICANI SIAMO NOI – Biodiversità umana e politiche della razza
“Volete vedere che faccia ha un immigrato africano? Guardatevi allo specchio”. Guido Barbujani, genetista di fama internazionale, da diversi anni è impegnato in un’opera di divulgazione tesa a dimostrare l’assoluta inconsistenza di qualsiasi tentativo di legittimare su basi scientifi che il concetto di “razza”. La nostra specie – venuta dall’Africa circa 200.000 anni fa – presenta una forte uniformità genetica di fondo, al punto che le distanze genetiche medie tra due individui sono anche maggiori di quelle esistenti tra due popolazioni. Dell’infondatezza delle identità biologiche, l’autore di Europei senza se e senza ma parla con la giornalista Elisabetta Tola.

[96]  17:15, PALAZZO DUCALE – ATRIO DEGLI ARCIERI, € 4,00
“la parola cui abbiamo creduto” (Celan)
Alessandro Fo, Laura Fo e Federico Lenzi con Mario Artioli: OMAGGIO AD ANGELO MARIA RIPELLINO

“Vi sono mesi in cui / non nasce un granello di poesia. / Il male scaccia le metafore, / l’analogia boccheggia”. È ancora possibile cantare gli oggetti, dare un nome alle cose per “vincere l’angoscia dello spazio”? Uniti idealmente dai versi di Angelo Maria Ripellino (1923-1978), Alessandro Fo e Mario Artioli – con il supporto di un progetto multimediale ideato da Laura Fo (Itinerario nel Meraviglioso) e con il contributo del giovane critico Federico Lenzi – percorrono l’opera lirica e la vita di un maestro della letteratura del Novecento, docente di letteratura russa, critico teatrale straordinario.
Sugli incontri di “la parola cui abbiamo creduto”, vedi evento n. 1

[97]  17:15, PIAZZA VIRGILIANA, € 3,00
Gherardo Colombo e Anna Sarfatti: IL PICCOLO LIBRO DELLE GRANDI REGOLE, dai 9 ai 12 anni

Spesso sentiamo parlare di Costituzione, ma non sempre ci viene ben spiegato di che cosa si tratta. Gherardo Colombo, ex magistrato, e Anna Sarfatti, insegnante e scrittrice, spiegano in modo chiaro e preciso che cosa c’è scritto in questo “libro delle regole” che stabilisce come funziona la nostra Repubblica e che tutela i diritti di tutti noi che ne facciamo parte. Leggendo la Costituzione si può capire meglio che cosa significano parole come “uguaglianza”, “cittadinanza”, “diritti e doveri” e rendersi conto che se si rispettano le regole, le cose vanno meglio per tutti.

[98]  17:30, CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA, € 4,00
VOCABOLARIO EUROPEO – La parola (d)agli autori, coordina Giuseppe Antonelli

Santo Piazzese – dal siciliano, traggediaturi s.m.: ‘persona dagli atteggiamenti teatrali’
Gunilla Lundgren – dallo svedese, årstider s.m.: ‘stagioni’
per saperne di più sul Vocabolario europeo, vedi evento n. 3

17:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia: PREVISIONI E PRESENTIMENTI

Saper vedere e sentire orientandoci al futuro. Una performance di pensieri, parole e immagini di Francesco Morace.

[99]  17:30, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 4,00
Annali di storia – Marcello Flores con Juri Meda: IL FARDELLO DELL’UOMO BIANCO

Tra imperialismo e antimperialismo: chi combatte per la libertà? Sono trascorsi cento anni dal ritiro degli Stati Uniti da Cuba e dalla morte di Leopoldo II del Belgio, che due anni prima aveva «ceduto» il Congo, suo possedimento personale, al Belgio. Anche allora ci furono forti polemiche sull’imperialismo e diverse posizioni che coprivano ogni possibile punto di vista, da quello colonialista «duro» a quello antimperialista radicale, passando attraverso l’idea della missione civilizzatrice dell’Europa sostenuta da intellettuali come Rudyard Kipling e le posizioni riformatrici di socialisti e umanisti. A un secolo di distanza la discussione sull’ingerenza umanitaria, sull’esportazione della democrazia, sulle responsabilità dell’Occidente ricalca in parte le posizioni di cento anni fa, forse con posizioni a volte più rigide e ideologiche che nel passato.
per sapere che cosa sono gli Annali di storia vedi evento n. 15

[100] 17:45, PALAZZO DI SAN SEBASTIANO, € 4,00
Vittorio Sermonti – LEGGERE È UN VIZIO STUPENDO

In un appartamento di città senza libri, sedati a tarda sera, malintesi, rancori, smancerie compensative e il rantolo della tv, insomma le parche consolazioni dello stare insieme, non resta per aria che l’odore di cucina. È proprio allora che in una casa con libri, lampeggia nel buio “l’altrove”, cominciano a sciamare avventurose solitudini cugine dei sogni. Una riflessione ad alta voce dell’autore di Il vizio di leggere.

[101] 17:45, PALAZZO DUCALE – CANTINE DI VINCENZO GONZAGA, € 3,00
Clementina Mingozzi e Chiara Carminati: CARTA DI MILLE SENTIERI, dagli 8 anni in su

Un laboratorio in cui si intrecciano le parole a piccole, poetiche immagini di carta. Un invito a giocare con un’illustratrice e una poetessa per distillare le idee in forme, ombre e trasparenze. Una passeggiata tra i modi e i mondi creativi che hanno dato origine al libro delle Poesie per aria.

18:00, PIAZZA MANTEGNA, pubblica adunanza
SUL REGICIDIO.
Comizio di Maximilien de Robespierre, per la voce di Bruno Gambarotta

“Quando una nazione è stata costretta a ricorrere al diritto di insurrezione, essa rientra nello stato di natura nei confronti del tiranno. Il processo al tiranno è l’insurrezione; il suo giudizio è la caduta della sua potenza, la sua pena è quella richiesta dalla libertà del popolo”.
per sapere che cosa sono i comizi, vedi pag. 6

[102] 18:15, PALAZZO DEL MAGO – CAPPELLA, € 3,00
L’ARTE DI INVENTARE STORIE E POESIE. Un atelier di scrittura con lo scrittore Bernard Friot, dai 5 agli 8 anni

L’irresistibile autore di Il mio mondo a testa in giù, affi ancato dalla libraia e scrittrice Anna Parola (La banda degli scherzi), ci porta per mano nel suo laboratorio creativo per svelarci i suoi segreti di scrittura e creare insieme a lui storie e poesie esilaranti e coinvolgenti.

[103] 18:30, TEATRO BIBIENA, € 4,00
Giuseppe Cederna con Pietro Laureano: DAL GANGE AL TICINO

Le storie sono come i fi umi: scendono dalle grandi montagne, raccolgono terra, foglie, tronchi, sassi, altra acqua, altre voci, si perdono e si ritrovano finché arrivano al grande mare dei racconti. E tutto ricomincia. Giuseppe Cederna, scrittore e viaggiatore (Ticino, le voci del fi ume), ci invita a seguire la corrente segreta che conduce dall’India alle terre di Lombardia, insieme a Pietro Laureano, maestro della civiltà delle oasi (Atlante d’acqua).

[104] 18:30, PIAZZA CASTELLO, € 4,00
Muriel Barbery con Caterina Soffici

“Qualunque cosa sia la scrittura per me è un momento di leggera trance dove ogni cosa diventa possibile”: compreso un grande successo editoriale come quello di L’eleganza del riccio, il romanzo che ha scalato prodigiosamente le classifiche di vendita in Francia e in Italia grazie soprattutto al passaparola dei lettori. Il segreto di Muriel Barbery, scrittrice francese già insegnante di filosofi a, è forse quello di “non prevedere nulla” riguardo alla storia e ai suoi personaggi, di mettersi a scrivere senza nessun altro obiettivo “all’infuori del piacere di scrivere liberamente”.
La incontra la giornalista Caterina Soffici.

18:30, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste: BORIS RYZHY, di Aliona van der Horst, Paesi Bassi, 2008, 59’
Anteprima italiana. vedi pag. 12

[105] 18:30, AULA MAGNA DELL’UNIVERSITÀ, € 4,00
Cherubino Gambardella, Beniamino Servino con Luca Molinari: PROGETTARE NUOVE CITTÀ A MISURA D’UOMO

Partendo dal progetto di un nuovo insediamento urbano da realizzarsi nell’Italia del sud nei prossimi anni, Cherubino Gambardella e Beniamino Servino, due tra i più interessanti architetti italiani contemporanei, si interrogano su cosa voglia dire pensare e dare forma a nuovi centri urbani in cui misura dell’uomo, rispetto ambientale e rapporto attento tra spazi pubblici e privati possano costruire ipotesi utili per il futuro. Li incontra Luca Molinari.

[106] 18:30, CHIESA DI SAN MAURIZIO, € 4,00
Anne-Marie Garat e Bianca Pitzorno, con Liliana Rampello
A VOLTE RITORNANO: IL FEUILLETON

“Per me viene prima la forma romanzesca, l’intrigo, la forza dei personaggi”. Per la scrittrice francese Anne-Marie Garat il romanzo è una straordinaria macchina da storie, feconda, generosa, dalle risorse prodigiose. Il feuilleton è il romanzo per eccellenza: scrivere feuilleton, secondo l’autrice di Il quaderno ungherese, signifi ca saper sorprendere se stessi, pagina dopo pagina, capitolo dopo capitolo. Dell’esperienza di una scrittura narrativa così densa, sontuosa e nel contempo sottile Anne-Marie Garat parla con Bianca Pitzorno, scrittrice e cultrice del feuilleton, e con Liliana Rampello, saggista e consulente editoriale.

[107] 18:45, LICEO CLASSICO “VIRGILIO”, € 4,00
Héctor Abad Faciolince con Luca Crovi

L’intreccio tra esperienza biografi ca e militanza intellettuale è al centro dell’opera di Héctor Abad Faciolince. Dopo aver ultimato gli studi universitari in Italia, lo scrittore colombiano ha dovuto abbandonare il paese natale in seguito all’uccisione del padre e alle minacce di morte ricevute. Tornato in Colombia nel 1993, Faciolince ha collaborato con numerose riviste e giornali, tra cui Revista Cambio – di cui è cofondatore insieme a Gabriel Garcìa Màrquez. Tra i suoi libri ricordiamo Trattato di culinaria per donne tristi e Scarti. Le drammatiche esperienze biografi che hanno ispirato L’oblìo che saremo, recentemente tradotto in Italia. Dialoga con l’autore il critico Luca Crovi.

19:00, PIAZZA LEGA LOMBARDA, ingresso libero
township poetry: Maakomele Manaka con Itala Vivan

Maakomele Manaka è senza dubbio uno dei più sorprendenti interpreti della scena dello slam poetry sudafricano. Nato a Soweto venticinque anni fa, figlio d’arte – il padre è sceneggiatore e artista visivo, la madre coreografa e ballerina – Manaka ha appreso dai genitori il talento creativo e performativo che gli consente di mettere insieme elementi della tradizione orale africana e dell’hip-hop in poesie vibranti e di grande potenza visiva: “io vedo immagini nella mia mente prima di dar forma alle mie parole”. Le sue performances sono seguitissime dai giovani delle periferie di Johannesburg, così come molto diffusi sono i suoi libri autoprodotti, che parlano della tenacia e della rabbia di chi vive nelle township. Lo presenta Itala Vivan, esperta di letteratura africana.

[108] 19:00, ARCI VIRGILIO, € 4,00
Scienze Confidenziali
Tito Arecchi e Bruno Giorgini e il pubblico: LA MENTE COMPLESSA, COMPLESSA È LA MENTE

Da quando spalancare gli occhi sull’abisso signifi ca permettere all’abisso di scrutarci dentro, il mestiere di fi sico teorico è diventato pericoloso. Ma nella cassetta degli attrezzi del perfetto scienziato stanno ben riposte creatività e coerenza che, con una certa dose di riduzionismo, attaccano ogni profondità, anche gli spazi infi niti della mente. Galileo scrisse che chi si occupa di scienza deve non tentare le essenze ma contentarsi delle affezioni quantitative. Complessità, creatività, libertà nelle parole di due fisici per professione e scrittori per passione.
per sapere che cosa sono le Scienze Confidenziali, vedi evento n. 56

19:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia: NEW YORK NEGLI OCCHI

Da sempre meta d’arrivo degli emigranti europei, New York continua a essere città del desiderio e punto di riferimento per la vita culturale degli Stati Uniti.
Uno sguardo sulla Grande Mela di Bruno Cartosio ed Enrico Franceschini.

[109] 20:00, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 10,00
Solisti dell’Orchestra da Camera di Mantova
MENDELSSOHN, PARADIGMA DEL SOGNO ROMANTICO

Quirino Principe, Antagonista
Preludio e Fuga in mi minore n. 1 op. 35 (9’ – pianoforte solo)
Secondo Trio in do minore op. 66 (32’ – violino, violoncello e pianoforte)
Filippo Lama, violino; Stefano Guarino, violoncello; Riccardo Zadra, pianoforte.
vedi evento n. 8

[110] 20:30, PALAZZO DI SAN SEBASTIANO, € 4,00
Michael Zadoorian con Patrizio Roversi

I romanzi di Michael Zadoorian raccontano storie minime, di personaggi apparentemente senza più risorse e capaci invece di sovvertire con semplicità le attese dei lettori. Richard di Second Hand sembra tranquillo tra i suoi oggetti usati e invece lascia spazio all’amore per Theresa; Ella e John di In viaggio contromano decidono di mettersi in marcia verso Disneyland contro il parere di medici e fi gli. Nel prevalere del registro umoristico, lo scrittore americano accompagna i suoi protagonisti all’inseguimento di una vita da vivere, fi no in fondo. Lo incontra Patrizio Roversi.

20:30, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste: THE HUNT FOR MOBY DICK, di Adam Low, Gran Bretagna, 2008, 84’
. Anteprima italiana.

[111] 20:45, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
Margaret Mazzantini con Bruno Quaranta

Premio Strega nel 2002 per Non ti muovere, Margaret Mazzantini è una delle più apprezzate narratrici italiane. Attraverso una scrittura ricca e “fl uviale”, vissuta come “una specie di gioia violenta, un confronto con qualcosa di ignoto che non si conosce e si deve cercare”, i suoi libri ci raccontano di passioni divoranti, di personaggi menomati nel fi sico e nell’animo, di circostanze in cui morte e vita vengono quasi a confondersi per generare nuova speranza. L’autrice di Venuto al mondo parla dei suoi romanzi con il giornalista Bruno Quaranta.

[112] 20:45, AULA MAGNA DELL’UNIVERSITÀ, € 4,00
Donato Carrisi con Luca Crovi: CRIMINAL MINDS E CRIMINI DELLA MENTE

Grazie al cinema e alla televisione, in un connubio sempre più stretto tra inchiesta e spettacolo, omicidi efferati e menti criminali sono entrati prepotentemente nell’immaginario delle persone, riempiendo gli studi televisivi di giallisti e criminologi pronti a esaminare ogni genere di crimine. Una strategia di marketing o manifestazione del lato oscuro che cova in ognuno di noi? Nessuno può rispondere alla domanda meglio di Donato Carrisi che, in un incontro multimediale porta il pubblico, con l’aiuto del critico Luca Crovi, a giocare sulla scena del delitto. Consigliata carta e penna.

21:00, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia – SOLO DOMANDE DAL PUBBLICO
Gherardo Colombo risponde su Sulle regole.

per le scintille solo domande dal pubblico vedi pag. 14

[113] 21:00, SEMINARIO VESCOVILE, € 4,00
un’idea di archivio – Francesca Appiani e Laura Zegna: MUSEO ALESSI E ARCHIVIO ZEGNA

Il Museo Alessi e l’Archivio Zegna sono poli culturali concepiti sotto il segno dell’italian style nel mondo. Il primo, fondato nel 1998, raccoglie migliaia di oggetti e prototipi realizzati per l’azienda piemontese dai più apprezzati designer e architetti del pianeta (Michael Graves, Aldo Rossi, Doriana e Massimiliano Fuksas…); il secondo è un concept archivisticomuseale creato all’interno dello storico Lanifi cio Zegna, in cui la digitalizzazione dei campionari di tessuto si affi anca alla raccolta di documenti cartacei e video. Entrambi gli spazi rappresentano una “memoria industriale” di immenso valore e una fucina di idee radicata alla ricchezza del territorio, protesa verso l’elaborazione di nuovi paradigmi dell’immaginario. Francesca Appiani (Museo Alessi) e Laura Zegna (Archivio Zegna) ci introducono nella vita di questi archivi.
per un’idea di archivio vedi evento n. 27

21:00, SQUASSABIA MAISON (EX-ALBERGO SAN LORENZO), ingresso libero
GIOCHI DI PAROLE, GIOCHI DI RADIO
con Francesco Anzalone

vedi pag. 20

[114] 21:15, TEATRO BIBIENA, € 4,00
LASCIAMI – Performance/lettura di Franco La Cecla

“Lasciarsi: un’esperienza che purtroppo non risparmia quasi nessuno”. Nel mondo contemporaneo, la rottura del legame di coppia è un fenomeno di grande rilievo sociale. Tuttavia, di fronte a uno stadio dell’esistenza che necessita di un’elaborazione collettiva, la solidarietà del gruppo tende a sfaldarsi, originando nella personalità dell’individuo colpito intercapedini di solitudine e turbamento che, in molti casi, degenerano nell’aggressività e nel risentimento. Senza rinunciare all’ironia, tra un solo di sax e un “se mi lasci ti ammazzo!”, Franco La Cecla ha trasposto in un reading l’ansia dell’abbandono oggetto del suo Lasciami. Ignoranza dei congedi, interagendo sul palco con Oreste Valente e Giorgio Meli e avvalendosi della direzione musicale di Gianni Gebbia. Con Oreste Valente voce, Gianni Gebbia sax e direzione musicale, Giorgio Meli voce, Diego Spitaleri pianoforte.

[115] 21:15, PIAZZA CASTELLO, € 4,00
Roberto Calasso con Ranieri Polese: SULLA PUNTA ESTREMA DELLA KAMČATKA

La punta estrema della Kamčatka romantica era, per Sainte-Beuve, il luogo dove Baudelaire aveva edifi cato il “chiosco bizzarro” della sua prosa e della sua poesia. Partendo dall’analisi dell’unico sogno che Baudelaire abbia mai raccontato (e che si svolgeva per intero in un bordello, che era anche un museo), Roberto Calasso ci fa da guida in una visita a quel luogo desolato e attraente, a quella terra che molti allora ritenevano (e alcuni ritengono ancora oggi) inabitabile, ma dove non mancavano i visitatori, da Ingres a Rimbaud, da Degas a Proust. Una terra chiamata con nomi diversi, ma dopo Baudelaire e grazie a lui, conosciuta con uno solo: letteratura.

21:30, PIAZZA SAN LEONARDO, ingresso libero
Owen Martell, Gabriele Dadati e Anne Fine, con Chicca Gagliardo
SCRITTURE GIOVANI 2009 – Primo incontro intergenerazionale tra autori a Scritture Giovani.

Con Anne Fine (Un amore in cenere), dialogano sull’arte dello scrivere il gallese Owen Martell, autore di Dolenni Hud, e Gabriele Dadati, piacentino, che ha esordito con la raccolta di racconti Sorvegliato dai fantasmi, fi nalista come Libro dell’anno per Fahrenheit di Radio 3. Conduce Chicca Gagliardo.

22:00, PIAZZA CONCORDIA, ingresso libero
Ugo Cornia. DA MANGANELLI

Lo scrittore modenese autore di Sulle tristezze e i ragionamenti, Le storie di mia zia (e altri parenti) affronta la lettura di una scelta di pagine di Giorgio Manganelli.

22:30, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste: LAST WORDS, di Erik Lieshout, Arno Hagers e Reinier van Brummelen, Paesi Bassi, 2008, 59’

Anteprima italiana
Michel Houellebecq, l’autore di Le particelle elementari, già in passato si era cimentato nella regia, ma l’adattamento del suo stesso La Possibilité d’une île, è stato il suo primo vero lungometraggio. Questo documentario potente e visionario, realizzato sul set e durante la produzione del film, si confronta con la fi gura complessa e affascinante di uno scrittore che nel cinema cerca un nuovo modo per esprimere aspetti inediti della propria personalità e visione del mondo. Iggy Pop, ammiratore e a sua volta idolo di Houellebecq, ha contribuito alla colonna sonora di Last Words con sette brani realizzati appositamente.

22:30, PIAZZA VIRGILIANA, ingresso libero
BLURANDEVÙ –     Gli autori rispondono alle domande blu dei volontari-conduttori di Festivaletteratura: Vittorio Zucconi

Nel corso della sua carriera di giornalista Vittorio Zucconi ha fatto l’inviato da mezzo mondo, ma da diversi anni ormai risiede a Washington, da dove lavora come corrispondente de la Repubblica. La sua vita è divisa tra l’Italia e gli Stati Uniti. Cercando di spiegare agli uni (gli italiani) come sono fatti gli altri (gli americani) e viceversa, Zucconi ha pubblicato Si fa presto a dire America, L’Aquila e il Pollo Fritto; presso il Middlebury College nel Vermont tiene corsi di letteratura italiana. Con i ragazzi di Blurandevù Zucconi discute di America, giornalismo, libri e altre passioni.

[116] 22:30, CIRCOLO “LA ROVERE” – PALAZZO MAGNAGUTI, € 8,00
ARS AMANDI
Fiori scelti dalla letteratura erotica di tutti i tempi, a cura di Gianfranco De Bosio con Giovanni Casalegno

3. L’illuminismo. Letture da Giorgio Baffo, Giuseppe Gioachino Belli, Giacomo Casanova, Pierre Choderlos de Laclos, Donatien-Alphonse-François de Sade e altri autori.
vedi evento n. 10

[117] 22:30, ARCI VIRGILIO, € 8,00
Guido Mazzon e Guido Bosticco
IDEALJAZZ. DI PASOLINI E DELL’IMPROVVISAZIONE

Dal suono oscuro e antico delle poesie in friulano di Pasolini, fino al suono limpido di una tromba jazz. E in mezzo, i ricordi della grande casa di Casarsa, di Susanna e di Carlo Alberto Pasolini, le rifl essioni sulla musica e sull’improvvisazione, gli anni del jazz politico, le fotografi e dei grandi musicisti del Novecento. Un po’ di fi losofi a, un po’ autobiografi a, un po’ di racconti sparsi, molta musica, un buon bicchiere di vino. Una serata con Guido Mazzon, jazzista di fama e cugino di Pier Paolo Pasolini, e Guido Bosticco, giornalista e occasionale compagno di palco nei concerti.

23:00, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia: SPOKEN WORD NIGHT

I mimi sono da prendere in parola? Una performance di letture cacosoniche e surreali di Céline Robinet, con la collaborazione in corpo e in voce di Pino Costalunga.

[118] 24:00, PALAZZO TE, € 8,00
Stefano Scansani NELLA TANA DELLA NEBBIA

vedi evento n. 58

Sabato 12 Settembre 2009

9:00, PIAZZA LEON BATTISTA ALBERTI, ingresso libero
LE PAGINE DELLA CULTURA

Lettura dei giornali a cura di Quim Monzó, coordinamento di Stefania Mascetti e Alberto Notarbartolo
per saperne di più sulle Pagine della cultura vedi pag. 9

[119] 10:00, PALAZZO DUCALE – CANTINE DI VINCENZO GONZAGA, € 3,00
Giovanni Filocamo e Luca Caridà – IL FANTASY MATEMATICO, dagli 8 ai 12 anni

Quando ci parlano di fantasy, tutti noi iniziamo a volare con l’immaginazione verso storie di draghi, elfi , mondi paralleli, società ireniche e regni del male. Questa volta abbiamo sbagliato viaggio. Quello che ci propongono due giovani scienziati come Giovanni Filocamo e Luca Caridà, autori di Il mistero del Più, è un racconto d’avventura e ricco di tensione, in cui tutto si risolve… matematicamente. Attraverso enigmi, indovinelli e altri divertimenti, scopriremo come l’aritmetica ci possa aiutare a far di conto e… di racconto!

[120] 10:00, TEATRO ARISTON, € 4,00
Raffaele Cantone con Ranieri Polese: DOVERI E DIRITTI IN TERRE DI CAMORRA

Raffaele Cantone è stato pubblico ministero presso la Direzione Distrettuale Antimafi a di Napoli, dove si è occupato delle indagini sul clan dei Casalesi. “Raffaele Cantone – ha scritto Roberto Saviano – diviene magistrato per amore del diritto. Lo guida (…) il desiderio di capire un fenomeno vicino al quale era cresciuto. A Giugliano. Un territorio attraversato da guerre di camorra (…). Un uomo che si forma in una situazione del genere comprende che il diritto diviene uno strumento fondamentale per concedere dignità di vita. Una dignità basilare, quella di vivere, di lavorare, di amare. Dove la regola non soffoca l’uomo ma anzi è l’unico strumento per concedergli libertà”. Autore di Solo per giustizia, Cantone incontra il giornalista Ranieri Polese.

dalle 10:00 alle 24:00, SQUASSABIA MAISON (EX-ALBERGO SAN LORENZO), ingresso libero
RADIODRAMMA HOTEL, a cura di Francesco Anzalone e Lorenzo Pavolini
vedi pag. 5

[121] 10:15, PALAZZO DI SAN SEBASTIANO, € 4,00
Franco Cordero: DUE SIGNORIE DI ASCOLTO E VISIONE

In una libera dissertazione sulla demagogia e sulle manipolazione delle masse, Franco Cordero pone a confronto due fi gure a suo giudizio esemplari. La prima è Girolamo Savonarola, “eretico mancato, santo abusivo, taumaturgo fallito”, che ha interpretato – anche alla luce dell’entusiasmo e la riprovazione che ha continuamente suscitato nei secoli successivi – in modo prototipico la parabola ascesa-e-caduta di un profeta e capopopolo. La seconda è quella dell’Astro che con il suo passaggio nei nostri cieli sta maleficamente causando il “climaterio” italiano, ovvero l’involuzione e la decadenza civile e culturale del nostro paese negli ultimi anni (Aspettando la cometa).

[122] 10:15, PALAZZO PLATTIS, € 3,00
Suzy Lee: UN’ONDA TUTTA MIA, dai 6 ai 10 anni

vedi evento n. 62

10:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia – SOLO DOMANDE DAL PUBBLICO
Muriel Barbery risponde su L’eleganza del riccio.

per le scintille solo domande dal pubblico vedi pag. 14

10:30, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste HUXLEY ON HUXLEY, di Mary Anne Braubach, Stati Uniti, 2008, 58’

Anteprima

[123] 10:30, PALAZZO D’ARCO, € 4,00
Bruno Cartosio, Tahar Lamri e Alessandro Portelli
ANTICHI SCHIAVI E NUOVI MIGRANTI. Tre secoli di umanità negata

Uno strumento eccezionale per apprendere la storia della schiavitù è senz’altro quello delle autobiografi e degli schiavi. Tra queste una delle più note è L’incredibile storia di Olaudah Equiano, scritta nel 1780 e ripubblicata recentemente in Italia. Testi come quello di Equiano ci permettono di cogliere immediatamente alcuni aspetti dello schiavismo che pongono il fenomeno in relazione con i fl ussi migratori dei nostri giorni. Lo sradicamento linguistico e culturale, la riduzione dello schiavo a uno stato di umanità negata, la mancanza di eguaglianza a cui comunque si trova di fronte lo schiavo emancipato in assenza di tutele giuridiche e politiche, trovano immediati riscontri nella condizione dei migranti contemporanei. Partendo da Equiano Alessandro Portelli, autore di Canoni americani, Bruno Cartosio, esperto di storia degli Stati Uniti, e Tahar Lamri, scrittore algerino, discutono di nuove e vecchie schiavitù.

[124] 10:45, PIAZZA VIRGILIANA, € 3,00
Marie-Aude Murail con Massimo Cirri, dai 13 ai 99 anni

Marie-Aude Murail scrive da sempre. Ha pubblicato circa 63 titoli in 15 anni di attività tra racconti, novelle, opere teatrali, romanzi d’amore, d’avventura, fantastici e polizieschi. Spesso inventa storie in cui la vita del protagonista viene sconvolta dall’incontro con personaggi particolari. Ha viaggiato dappertutto: in campagna e in città, dai deserti al mare, in Francia e altrove incontrando tanti bambini e adolescenti. Al Festival l’autrice di Oh, boy! e Mio fratello Simple dialoga con Massimo Cirri e i suoi giovani lettori italiani.

11:00, TEATRO BIBIENA, ingresso libero
Paolo D’Agostini, Laura Delli Colli, Neri Marcorè, Mario Monicelli, Sergio Toffetti: INEDITA ENERGIA

Pietro Bianchi e il cinema d’autore per la rivista Il Gatto Selvatico Nel 1955, Enrico Mattei affi dò al poeta Attilio Bertolucci il compito di dirigere la rivista aziendale di eni, Il Gatto Selvatico. Bertolucci raccolse attorno a sé un circolo di scrittori e intellettuali di grande valore e per la rubrica cinematografi ca della rivista si avvalse del contributo di Pietro Bianchi, già curatore della rubrica di cinema de Il Giorno e collaboratore di Zavattini e Guareschi. Annoverato tra i massimi innovatori della moderna critica del fi lm, Bianchi fu il “il primo – secondo Calvino – a gettare un ponte tra cinema e letteratura”. In collaborazione con la Cineteca nazionale, Eni ha deciso di pubblicare saggi e recensioni, rivelatrici di un talento critico capace di cogliere i grandi cambiamenti dell’arte cinematografica negli anni del boom economico.

[125] 11:00, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
Sophie Kinsella con Luca Bianchini

Sophie Kinsella è la creatrice del personaggio di Becky Bloomwood, la giornalista pazza per lo shopping che ha conquistato la simpatia (e la solidarietà) di molte lettrici in tutto il mondo. La saga iniziata con I love shopping e giunta con I love shopping per il baby al quinto capitolo, ha rivelato al pubblico una scrittrice capace di rappresentare con stile divertito e grande freschezza narrativa i difetti e le manie dei suoi personaggi. La incontra il giornalista e scrittore Luca Bianchini.

[126] 11:00, CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA, € 4,00
VOCABOLARIO EUROPEO

La parola (d)agli autori, coordina Giuseppe Antonelli
Anne Fine – dall’inglese, wicked agg.: “malvagio”
Herta Müller – dal tedesco, Lager s.n.: “campo”
per saperne di più sul Vocabolario europeo, vedi evento n. 3

[127] 11:00, MUSEO ARCHEOLOGICO, € 3,00
CHE TRAGEDIA!

un progetto a cura di Giuseppina Norcia e Guido Cristini
2. Ecuba: la vendetta – dai 12 ai 14 anni

La guerra di Troia è finita. La regina Ecuba, prigioniera dei Greci, viene a sapere della morte del fi glio Polidoro. Furibonda, dà corso a una vendetta atroce nei confronti di Polimestore, l’assassino di suo fi glio. Può la vendetta avere delle ragioni? per saperne di più su Che tragedia!
vedi evento n. 66

[128] 11:15, LICEO CLASSICO “VIRGILIO”, € 4,00
Marco Di Domenico con Elisabetta Tola: IL CIRCO VIAGGIANTE DELLA BIODIVERSITÀ

Di solito parliamo del Fico d’India associando l’immagine della pianta all’antica effi ge del Mediterraneo. Eppure, prima della scoperta dell’America, il nome Opuntia fi cus-indica non compariva nei trattati di botanica, né i frutti viola sparsi tra le scarpate davano sapore al settembre dei nostri antenati. Il biologo Marco Di Domenico ha tracciato le idee guida di un’archeologia delle specie animali e vegetali che, attraverso l’azione umana, hanno colonizzato habitat naturali differenti da quelli di origine, il più delle volte creando effetti devastanti sulla biosfera. In compagnia della divulgatrice scientifi ca Elisabetta Tola, Di Domenico esporrà vantaggi e rischi legati all’introduzione di organismi clandestini.

[129] 11:15, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 4,00
Paola Caridi e Matteo Zuppi: FARE LA PACE CON I “CATTIVI”

Nelle semplifi cazioni giornalistiche capita spesso che si bollino genericamente come “movimenti terroristici” tutti quei gruppi che hanno intrapreso la strada del confronto armato contro i governi più o meno legittimamente costituiti. In molte di queste situazioni, il successo dei negoziati di pace è stato raggiunto soltanto quando si è arrivati a un riconoscimento di questi gruppi e delle loro ragioni politiche. Una scelta sempre molto delicata e che inevitabilmente provoca accese polemiche. È giusto ad esempio trattare oggi con Hamas o con Hezbollah come in passato si è trattato in Irlanda con il Sinn Féin o in Spagna con l’ETA? Don Matteo Zuppi, assistente ecclesiastico della Comunità di Sant’Egidio e negoziatore delle paci in Mozambico e in Burundi ne parla con Paola Caridi, studiosa del mondo arabo e autrice di Hamas.

[130] 11:15, TEATRO DI SAN LEONARDO, € 4,00
Pietra Pistoletto – MODA E RICICLO – Laboratorio per adulti
vedi evento n. 67

[131] 11:15, PALAZZO DEL MAGO – CAPPELLA, € 3,00
Vincenzo Balzani e Nicola Armaroli con Patrizio Roversi
PIENI DI ENERGIA? dai 10 ai 16 anni

Per capire quanto la nostra vita di tutti i giorni sia legata alla produzione di energia, basta pensare a tutte le cose che abbiamo in casa e che si collegano a una presa elettrica (la lavatrice, la televisione, il computer, etc. etc.). Cose di cui – forse – non possiamo più fare a meno. Ma da dove viene l’energia che serve ogni giorno a miliardi di persone in tutto il mondo? Le fonti di approvvigionamento, come ci spiegano Vincenzo Balzani e Nicola Armaroli, sono diverse: alcune stanno per esaurirsi, altre presentano dei pericoli, altre non sono ancora sfruttate come potrebbero. Insieme a Patrizio Roversi, i due scienziati spiegano ai ragazzi quale potrebbe essere il nostro futuro energetico e come i nostri comportamenti quotidiani possano aiutare a migliorarlo.

[132] 11:30, PIAZZA VIRGILIANA, € 3,00
Nadia Nicoletti – L’ORTO DELLE MERAVIGLIE – dai 4 agli 11 anni

vedi evento n. 92

[133] 11:30, CHIESA DI SAN MAURIZIO, € 4,00
Ezio Raimondi con Elia Malagò – L’INQUIETA SPERANZA DELLA PAROLA

“Non c’è dubbio che quando leggiamo le parole di un testo le riempiamo della nostra esperienza. (…) Leggendo, calati nella logosfera del testo, ci si può persino sentire, a occhi aperti, immersi in un sogno più vero e più vivo della realtà circostante. E tuttavia questo spazio sono io a costruirlo, per animarlo lo reinvento di continuo partecipando del suo movimento nello specchio attivo dell’immaginazione”. Per riprendere idealmente il discorso interrotto lo scorso anno al Teatro Bibiena, Ezio Raimondi torna a Festivaletteratura. L’autore di Un’etica del lettore e di molti e fondamentali volumi di critica letteraria parla con Elia Malagò delle proprie letture e riletture.

[134] 11:30, SEMINARIO VESCOVILE, € 4,00
Chika Unigwe, Jadelin M. Gangbo e Najat El Hachmi con Paola Splendore e Igiaba Scego
AFRICANI D’EUROPA/AFRICANI IN EUROPA

Si va affermando in Europa una nuova leva di scrittori africani che si indirizza verso lingue europee “minoritarie” – olandese, catalano, italiano – esprimendo una nuova idea di meticciato e offrendo sguardi inediti sul continente di origine e sui paesi di residenza. Nuovi incroci e percorsi degli scrittori africani d’Europa. A cura di Fondazione lettera27 Onlus e WikiAfrica.

12:00, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste – POSSIBILI RAPPORTI. DUE POETI, DUE VOCI
di Nelo Risi, Italia, 2008, 52’

vedi pag. 17

[135] 12:00, PALAZZO DUCALE – ATRIO DEGLI ARCIERI, € 4,00
Mimmo Cuticchio con Carlo Carzan – IL MESTIERE DEL CUNTISTA

La materia dei paladini di Francia trova nell’arte di Mimmo Cuticchio il rumore della vita. Solo con il cunto, tecnica popolare e raffi natissima di narrazione orale, le storie di Angelica e Orlando diventano vere, gli amori invincibili, i combattimenti aspri e all’ultimo sangue. Il mistero di questa forma drammatica propria della tradizione siciliana sarà svelata dal grande puparo e cuntista in conversazione con Carlo Carzan.

12:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia – LA LEGGENDA DEL MURO DI BERLINO

Immagini di festa, momenti di euforia collettiva, speranze di una nuova Europa diffusi in mondovisione. Vent’anni dopo Slavenka Drakulić si chiede: tutto questo è veramente accaduto? Con la partecipazione di Nicole Janigro.

[136] 14:15, LICEO CLASSICO “VIRGILIO”, € 4,00
Quim Monzó con Luciano Minerva

Nato nel 1952, Quim Monzó ha lavorato come corrispondente per il quotidiano Tele/eXprés in Vietnam, Cambogia e Irlanda del Nord. Attualmente vive a Barcellona e scrive regolarmente per La Vanguardia. La sua narrativa è il connubio tra una cultura pop prossima al kitch e un’ironia che sconfina nel grottesco. Molti suoi romanzi hanno ricevuto importanti riconoscimenti e nel 1981, il surreale Olivetti, Moulinex, Chaffoteaux et Macry ha vinto il Serra d’Or’s Critics’. Tra elettrodomestici ribelli e storie di ordinaria follia, l’autore di Il migliore dei mondi verrà intervistato dal giornalista Luciano Minerva.

14:15, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste: GOOD OL’CHARLES SCHULZ
di David Van Taylor, Stati Uniti, 2007, 90’

vedi pag. 19

[137] 14:30, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
Vittorio Zucconi – IL CARATTERE ITALIANO

Gli italiani sono davvero incomprensibili. Dalle cronache quotidiane che arrivano dal nostro paese, chi vive all’estero fatica a capire che cosa stia alla base di scelte, comportamenti, entusiasmi spesso contraddittori che guidano l’intero popolo italico. Vittorio Zucconi, corrispondente da Washington del quotidiano la Repubblica, viene spesso chiamato nelle università americane a spiegare in che cosa consista questo inafferrabile “carattere italiano” e, con le stesse parole, cerca di chiarirlo anche al pubblico del Festival.

[138] 14:30, TEATRO ARISTON, € 4,00
Maryanne Wolf con Raffaele Cardone e Stefano Salis
L’INCREDIBILE STORIA DEL “CERVELLO CHE LEGGE”

“Gli esseri umani non sono nati per leggere”, perché leggere, fra le invenzioni umane, è quella che più di tutte ha costretto il cervello a programmarsi per qualcosa di assolutamente nuovo e molto più complesso che riconoscere suoni, gusti e odori. Maryanne Wolf, neuroscienziata cognitivista, ci racconta l’eccezionale trasformazione del “cervello che legge”, dall’invenzione della scrittura alla lettura su computer, dagli ideogrammi agli alfabeti sillabici e approfondisce – grazie ad importanti studi sulla dislessia – il modo in cui si forma la capacità di leggere nei processi di apprendimento dei bambini. L’autrice di Proust e il calamaro. Storia e scienza del cervello che legge ne parla con Raffaele Cardone e Stefano Salis.

[139] 14:30, TEATRO DI SAN LEONARDO, € 3,00
Marina Gasparini – MAPPE CUCITE – dai 13 ai 99 anni

vedi evento n. 24

[140] 14:45, TEATRO BIBIENA, € 4,00
Alfredo Häberli con Beppe Finessi – DESIGN COME OPERA APERTA

Alfredo Häberli, classe 1964, è uno dei più affermati designer contemporanei. Dopo aver frequentato la Höhere Schule für Gestaltung, nel 1988 ha lavorato per il Museum für Gestaltung di Zurigo, allestendo svariate esposizioni, tra cui Bruno Munari – Far vedere l’aria (1995). Alla metà degli anni ’90 ha fondato un suo studio, iniziando a collaborare con diverse aziende. Insieme al collega Beppe Finessi, Häberli si confronterà circa il rapporto tra tradizione e innovazione che impronta l’insieme delle sue creazioni.

[141] 14:45, PIAZZA VIRGILIANA, € 3,00
Cornelia Funke – MAGIE DI INCHIOSTRO – dai 13 ai 99 anni

Romanzi storici, fantasy, di formazione, di avventura, gialli: ognuno può dare la sua defi nizione della storie create dall’autrice della saga di Cuore d’Inchiostro, ma saranno tutti d’accordo nel riconoscere a Cornelia Funke lo straordinario talento di scrivere romanzi senza età, appassionanti e quasi magici, dai quali è diffi cile staccarsi. La scrittrice tedesca racconta motivi, ispirazioni e luoghi (molti italiani) delle sue storie al lettore e libraio Guido Affini.

[142] 15:00, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 4,00
Annali di storia – Bruno Cartosio con Juri Meda: ADESSO È IL MOMENTO DI FARE DEGLI STATI UNITI UN PAESE MIGLIORE

Il sogno americano da Martin Luther King a Barack Hussein Obama “Questo è il signifi cato della nostra libertà e del nostro credo, (…) perché un uomo il cui padre meno di sessanta anni fa non avrebbe neanche potuto essere servito in un ristorante ora può trovarsi di fronte a voi per pronunciare il giuramento più sacro di tutti”. Così Barack Obama, durante il suo discorso di insediamento, ha voluto interpretare la propria vicenda personale nel solco dell’aspirazione alla libertà e alla giustizia sociale che da sempre muovono il popolo degli Stati Uniti. Una chiave di lettura già ben presente nella rifl essione di Martin Luther King, il quale già quarantacinque anni prima vedeva nella battaglia per i diritti civili dei neri un’occasione per l’America di «realizzare le promesse della democrazia» e per dimostrarsi «una grande nazione», e nel proprio sogno il sogno americano.
per sapere che cosa sono gli Annali di storia vedi evento n. 15

[143] 15:00, PALAZZO DUCALE – ATRIO DEGLI ARCIERI, € 4,00
Roberto Carifi con Elia Malagò

Roberto Carifi è un poeta che ascolta. Curatore della posta del mensile Poesia, autore di saggi fi losofi ci e di numerose sillogi poetiche (La rosa e il gelo; D’improvviso e altre poesie scelte), il suo trentennale percorso è ancora in atto, volto all’interrogazione, allo sguardo oltre il limite. L’esperienza personale del lutto e del dolore fi sico non gli ha sottratto la poesia, semmai l’ha affi nata fi no a renderla essenziale, sulla scorta di una lunga educazione al verso pensato e “radicale”, quello che entra nella sostanza delle cose e delle parole per mostrarne l’ombra e la profondità, oltre la superfi cie ostinata della fi sicità. Lo presenta Elia Malagò.

[144] 15:00, CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA, € 4,00
Roberto Natalini e Leonardo Colombati
VERSO L’INFINITO E OLTRE.

Una passeggiata non troppo aleatoria tra scienza e letteratura Ad un anno esatto dalla scomparsa di David Foster Wallace, il ricordo migliore che si può tentare ha la forma di un triangolo di Sierpinski, un frattale che nasce dalla cancellazione selettiva, infinitamente uguale a se stesso in ogni dettaglio, eppure simbolo di stasi caotica. Usando come base la matematica e come altezza la letteratura, nell’area d’applicazione creativa del linguaggio chiediamo a Leonardo Colombati, autore del romanzo eroicomico Perceber, e a Roberto Natalini, matematico, se esiste un romanzo scientifi co e se la matematica può o deve ricorrere al bagaglio metaforico della letteratura.

[145] 15:00, PALAZZO DUCALE – CANTINE DI VINCENZO GONZAGA, € 3,00
Carlo Carzan e Sonia Scalco – I MISTERI DI TURUTUN, dagli 8 agli 11 anni

vedi evento n. 84

[146] 15:00, SEMINARIO VESCOVILE, € 4,00
Ariella Azoulay e Maria Nadotti
PALESTINA ISRAELE 1967 – 2007: FOTOGRAFIE

Nell’era della comunicazione multimediale e in un mondo sovraccarico di immagini, in che modo approssimarsi allo spazio fi sico degli accadimenti e immortalare la realtà nel suo farsi può favorire la genesi di un archivio condiviso, la costruzione di una storia per immagini? In Atto di Stato, Ariella Azoulay – docente di arti visive e di fi losofi a contemporanea – ha raccolto una mole impressionante di documenti fotografi ci relativi all’occupazione israeliana, ribadendo la rilevanza dell’intreccio tra fotografi a e storiografi a. Per sfuggire alla spettacolarizzazione della violenza e per sottolineare l’importanza di uno sguardo analitico sugli eventi, la studiosa dialoga con Maria Nadotti, giornalista e saggista da tempo impegnata nella diffusione di opere inerenti al confl itto israeliano-palestinese.

[147] 15:15, PALAZZO DI SAN SEBASTIANO, € 4,00
Fulvio Scaparro con Lella Costa – L’ATTIMINO SFUGGENTE – Il senso dell’umorismo nell’educazione

La pratica dell’educazione richiede una grande tenacia e una costante attenzione ai bisogni dei bambini. Una strada forse poco battuta in campo pedagogico eppure ricca di sorprese è quella dell’umorismo, che può insegnare ai ragazzi e agli adulti a scoprire i lati insoliti delle cose, ad aprirsi alle sorprese, a facilitare le relazioni, ad accettare di mettersi in discussione. Fulvio Scaparro, psicoterapeuta ed autore di La bella stagione. Dieci lezioni sull’infanzia e l’adolescenza, dialoga con Lella Costa su come sia importante saper ridere nel crescere i propri fi gli.

[148] 15:15, CHIESA DI SAN MAURIZIO, € 4,00
Silvia Pérez-Vitoria – PERCHÉ ABBIAMO BISOGNO DEI CONTADINI

“Bisogna invertire l’equazione meno contadini-più sviluppo, perché più contadini ci sono in una società, più quella società avrà probabilità di sopravvivere”. Nelle ricerche di Silvia Pérez-Vitoria – economista, sociologa e documentarista – la rivalutazione delle economie rurali si accompagna a una stringente analisi delle catastrofi ambientali provocate dall’industrializzazione dell’agricoltura. In un mondo sempre più esposto ai paradossi del mercato globale, sostiene la ricercatrice nel saggio Il ritorno dei contadini, lo sfruttamento equilibrato delle risorse naturali, tipico delle pratiche contadine, rappresenta l’unica alternativa per preservare la biodiversità dai rischi di una “mercificazione del vivente”.

[149] 15:15, AULA MAGNA DELL’UNIVERSITÀ, € 4,00
Matthias Sauerbruch e Louisa Hutton con Luca Molinari
GREEN UTOPIA – Che spazi futuri per la sostenibilità?

Il lavoro dello studio anglo-tedesco Sauerbruch & Hutton si è sempre contraddistinto per una grandissima attenzione all’eco-sostenibilità e alla qualità ambientale come strumenti per costruire e immaginare nuovi spazi collettivi e urbani, dalla nuova sede del Ministero dell’Ambiente tedesco a una serie di laboratori e luoghi della cultura e del lavoro costruiti in Europa. Durante l’incontro Matthias Sauerbruch e Louisa Hutton, direttori dello studio, insieme all’architetto Luca Molinari, parleranno del potenziale visionario che il pensiero ecologico può avere nel dare forma alle città e ai luoghi collettivi del prossimo futuro.

15:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia: A BRACCIO

Ci si poteva forse aspettare un tema per la scintilla di Gianni Clerici, notoriamente soprannominato dall’amico Rino Tommasi “il Dottor Divago”?

[150] 16:00, PALAZZO DEL MAGO – CAPPELLA, € 3,00
NOTE A PIÈ DI FAVOLA – I personaggi delle fiabe raccontati e cantati da Janna Carioli con Frida Forlani, dai 3 ai 7 anni

Chissà se Cappuccetto Rosso cantava nel bosco mentre andava dalla nonna? Noi siamo sicuri di sì. E il principe prima di combattere il drago? Sicuramente la strega cattiva urlava la sua rabbia quando non fu invitata alla festa. Tante canzoni attraversano le fi abe e i loro personaggi e noi ve le raccontiamo e cantiamo. C’era una volta… la la la laaaa!

[151] 16:15, PALAZZO PLATTIS, € 3,00
Masayo Ave – IL GIARDINO DELLO SPIRITO

dai 6 agli 8 anni. vedi evento n. 88

16:15, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste – EXAMINED LIFE, di Astra Taylor, Canada, 2008, 87’

Anteprima italiana. vedi pag. 21

[152] 16:30, LICEO CLASSICO “VIRGILIO”, € 4,00
Massimo Gramellini con Federico Taddia – PANCIA, TESTA E CUORE

In un paese in cui gli spettri del contraddittorio e della stampa tendenziosa, delle veline ammiccanti e dei tronisti beoti, fanno battere i denti anche ai cronisti più coraggiosi, ci sono ancora giornalisti capaci di svolgere la propria professione, senza piegarsi ai nuovi sonni della ragione. È il caso di Massimo Gramellini – saggista, vicedirettore de La Stampa e fenomenologo del Belpaese nella rubrica “Buongiorno”. In compagnia di Federico Taddia, conduttore dei programmi per ragazzi su Rai Tre e Radio 24, Gramellini guiderà l’uditorio tra i segreti di un mestiere sotto l’occhio del ciclone.

[153] 16:45, TEATRO DI SAN LEONARDO, € 3,00
Gianpaolo Pagni – DUE FACCE

dagli 8 ai 10 anni
“Hai proprio una brutta faccia!” Davvero? E che problema c’è? Basta girarla, ed eccone una nuova! Gianpaolo Pagni è un illustratore ed è bravissimo a creare doppie facce, utili in caso di cambiamenti d’umore e per repentini… voltafaccia! Con l’aiuto di fogli colorati, forbici e colla, Gianpaolo aiuterà ciascun bambino a realizzare la propria maschera… doubleface.

[154] 16:45, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
Mario Calabresi con Jeff Israely
L’EUROPA VISTA DALL’AMERICA, L’AMERICA VISTA DALL’EUROPA

Da una sponda all’altra dell’oceano, Europa e Stati Uniti si osservano da sempre. Tra stima e diffi denza reciproca, c’è forse anche un diverso modo di guardare il mondo che distingue il vecchio dal nuovo continente. Mario Calabresi, direttore de La Stampa con una lunga esperienza di corrispondente dagli Stati Uniti (La fortuna non esiste), e Jeff Israely, per molti anni inviato del Time in Italia (Stai a vedere che ho un fi glio italiano), si mettono a confronto alternandosi nel ruolo di osservatore e di osservato.

[155] 17:00, TEATRO ARISTON, € 4,00
Vincenzo Balzani e Nicola Armaroli con Elisabetta Tola
IL PROBLEMA DEI PROBLEMI: L’ENERGIA

Le riserve di energie fossili del nostro pianeta stanno per esaurirsi, mentre i nostri consumi aumentano. Secondo Vincenzo Balzani e Nicola Armaroli, chimici e autori di Energia per il pianeta Terra, è necessario affrontare il problema considerando l’uso delle fonti disponibili senza pregiudizi ideologici, facendo propria la capacità di guardare non solo alle esigenze di oggi, ma soprattutto a quelle di domani, per progettare una possibile “sopravvivenza energetica” che non pregiudichi il futuro delle prossime generazioni. Dialoga con gli autori la giornalista Elisabetta Tola.

[156] 17:15, PALAZZO DUCALE – ATRIO DEGLI ARCIERI, € 4,00
“la parola cui abbiamo creduto” (Celan)
Nicola Crocetti ed Elisabetta Pozzi con Daniele Piccini: OMAGGIO A GHIANNIS RITSOS

“Ritsos, fra i poeti moderni” ha scritto Ezio Savino “è l’uomo della selezione negata (…). Muscoloso enciclopedista del canto, è condannato a leggere, a integrare nelle sue fantastiche armonie ogni scheggia di reale (…). Il suo macinare le cose tradisce la soddisfazione pacata della scoperta, e il gusto arguto, esteriormente semplice, di comunicarla travestita da poesia”. Nato cento anni fa a Monemvasià, in Grecia, Ghiannis Ritsos è uno dei più importanti e prolifi ci poeti del Novecento: candidato più volte al premio Nobel, le sue raccolte e i suoi testi teatrali sono stati tradotti nelle principali lingue del mondo. Ne ripercorrono la vita e l’opera, insieme a Daniele Piccini, Nicola Crocetti, editore e traduttore di molte delle sue raccolte, e l’attrice Elisabetta Pozzi, assidua interprete delle opere del poeta greco.
sugli incontri di “la parola cui abbiamo creduto”, vedi evento n. 1

17:15, SEMINARIO VESCOVILE, ingresso libero
Cristina Ali Farah, Giorgio De Marchis, Gunilla Lundgren e Gabriella Sanna con Livia Apa
L’AFRICA A SCUOLA

In una società multiculturale come la nostra, può la scuola continuare a ignorare l’esistenza della letteratura africana e dei suoi premi Nobel? Le esperienze delle Biblioteche di Roma, il lavoro del “Författarcentrum” in Svezia e il nuovo progetto per le scuole di WikiAfrica Letteratura.
A cura di Fondazione lettera27 Onlus e WikiAfrica.

[157] 17:15, TEATRO BIBIENA, € 4,00
RETROSPETTIVA AMITAV GHOSH
2. Scritti giornalistici e reportage – Amitav Ghosh con Luca Rastello e Giuseppe Cederna

Il secondo incontro della retrospettiva è dedicato agli scritti giornalistici di Ghosh (Estremi orienti, Circostanze incendiarie), dove in modo più evidente – nella misura più breve del reportage – emerge con maggiore incisività il suo sguardo antropologico verso il mondo contemporaneo. Conversa con lui Luca Rastello, scrittore e giornalista. Letture di Giuseppe Cederna.
per sapere che cos’è la retrospettiva, vedi evento n. 75

[158] 17:15, PIAZZA VIRGILIANA, € 3,00
Anne Fine con Luciano Comida – PERCHÉ LEGGERE, dai 13 ai 99 anni

Sembra una domanda banale, ma non lo è e tantissime sono le risposte possibili. Nel corso della vita di ogni singolo lettore, a seconda dell’età, del sesso, degli interessi, della situazione sentimentale e del tempo che fa si decide che cosa leggere. Riusciranno la scrittrice e lettrice Anne Fine (Mrs Doubtfire; Qualcosa in comune) e l’autore di Librobus – Cosa e come leggere in autobus, con l’aiuto del pubblico e di Simonetta Bitasi, a raccoglierne abbastanza per stendere la bozza per un manifesto universale del piacere di leggere?

17:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia
IL NUOVO UMANESIMO DEI CICLISTI

“Oggi non è più la velocità ad essere utopia ma la lentezza. (…) Con la bicicletta ritroviamo il tempo, lo spazio e la pazienza”. Il fascino della bici secondo Marc Augé.

[159] 17:30, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 4,00
Melania Mazzucco, Tiziano Scarpa e Fay Weldon con Lorenzo Pavolini
STORIE CHE FUGGONO DAVANTI ALLE ORECCHIE

Nell’epoca d’oro della radiodiffusione, il radiodramma si è insinuato tra le pieghe della vita quotidiana, catapultando nell’etere lo spazio fisico della scena e dando vita a un’ibridazione tra teatro e narrazione che autori capitali del novecento, da Beckett a Dürrenmatt, hanno sperimentato con successo. Il romanziere e drammaturgo Tiziano Scarpa, insieme alle scrittrici Melania Mazzucco e Fay Weldon, renderà omaggio a un genere che ha appassionato il grande pubblico e che è parte integrante del patrimonio letterario del XX secolo. Conduce Lorenzo Pavolini, curatore d alcune delle più recenti produzioni di radiodrammi per Radio Rai.

[160] 17:30, PALAZZO DUCALE – CANTINE DI VINCENZO GONZAGA, € 3,00
Giovanni Filocamo e Luca Caridà
IL FANTASY MATEMATICO, dagli 8 ai 12 anni

vedi evento n. 119

[161] 17:30, CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA, € 4,00
VOCABOLARIO EUROPEO –     La parola (d)agli autori
coordina Giuseppe Antonelli

Chika Unigwe – dall’olandese charcuterie s.f.: ‘salumi’
Alicia Giménez-Bartlett – dallo spagnolo perro s.m.: ‘cane’
per saperne di più sul Vocabolario europeo, vedi evento n. 3

[162] 18:00, PALAZZO DI SAN SEBASTIANO, € 4,00
Luca Briasco, Marco Cassini, Paolo Giordano, Gaia Manzini e Tommaso Pincio con Paolo Repetti
PER DAVID FOSTER WALLACE

A un anno di distanza dalla morte e in contemporanea con l’uscita dell’inedito Questa è l’acqua, scrittori, critici ed editori raccontano il loro personale David Foster Wallace.
Introduce Paolo Repetti.

[163] 18:00, CHIESA DI SAN MAURIZIO, € 4,00
Antonia Arslan con Siegmund Ginzberg
LA LUNGA STRADA DEGLI ARMENI

Con La masseria delle allodole, attraverso le testimonianze della propria famiglia, Arslan ha voluto raccontare il Metz Yeghèrn o “grande male”, il genocidio subito dagli Armeni nel 1915 in seguito all’affermazione del movimento nazionalista dei Giovani Turchi. Nel più recente La strada di Smirne, l’autrice riprende i fi li interrotti del romanzo precedente, seguendo i destini e le speranze dei personaggi dopo la fi ne delle persecuzioni e l’apparente raggiungimento della pace. Della sua scrittura, a servizio della memoria di un popolo, Antonia Arslan parla con Siegmund Ginzberg.

18:00, PIAZZA MANTEGNA, pubblica adunanza
SUI DIRITTI DELLE DONNE – Comizio di Olympe de Gouges per la voce di Lella Costa

“La donna ha il diritto di salire sul patibolo, deve avere egualmente il diritto di salire in tribuna!”:
per sapere che cosa sono i comizi, vedi pag. 6

[164] 18:15, PALAZZO DEL MAGO – CAPPELLA, € 3,00
Kunzang Choden con Romolo Gandolfo: YETI, DEMONI E STREGHE. Storie dalle montagne del Bhutan

dai 4 agli 8 anni
Il Bhutan è un paese nascosto tra le cime dell’Himalaya. Tra le sue montagne si aggira un essere misterioso e solitario: lo Yeti! Vero terrore di chi si inoltra per i sentieri più impervi, lo Yeti è forse un uomo, forse una scimmia, forse un orso… Kunzang Choden, principessa bhutanese che ha raccolto villaggio per villaggio tutte le storie himalayane, ci racconterà dello Yeti e di altre straordinarie creature così come fa con i bambini del suo paese.

18:15, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste: AMOS OZ – THE NATURE OF DREAMS, di Yonathan e Masha Zur, Israele, 2009, 75’

Anteprima italiana.  vedi pag. 7

[165] 18:30, PIAZZA CASTELLO, € 4,00
Ermanno Olmi con Franco Piavoli
“La scoperta del mondo nella sua magnifi cenza silenziosa fa di noi degli apprendisti, ovvero persone che continuano ad apprendere dallo sguardo”.

Ermanno Olmi ha iniziato il suo apprendistato più di cinquant’anni fa, organizzando il servizio cinematografi co della Edison Volta. Lo sguardo etico verso il mondo, il sacro rispetto per la dignità dell’uomo e per la natura hanno ispirato l’intera opera del regista bergamasco, portandolo ad i massimi riconoscimenti internazionali. Dopo Centochiodi, Olmi ha deciso di lasciare il cinema di fi nzione per dedicarsi completamente al documentario: “Voglio andare da uomo comune in mezzo a uomini comuni”, come ha fatto nell’ultimo fi lm Terra madre. Di questa scelta e dei valori che hanno ispirato la sua arte, Olmi parla con l’amico regista Franco Piavoli.

[166] 18:30, PALAZZO D’ARCO, € 4,00
ex-Jugoslavia: voci di una letteratura dispersa
Bora Cosić ed Elvira Mujcic con Predrag Matvejević: TRA ASILO ED ESILIO

Molti degli scrittori croati, bosniaci e serbi hanno abbandonato per forza o per scelta il proprio paese a seguito del confl itto e dell’intolleranza nazionalista. Dalla diaspora jugoslava si è sviluppata una produzione letteraria ampia, spesso consonante nei temi e nella ridefi nizione delle strutture narrative e della lingua. Il confronto con la memoria nel bisogno di ricostruzione – intesa come risarcimento di verità, ricomposizione del sé, aspirazione a un futuro – è senza dubbio una costante, variamente declinata, di questa produzione. Bora Cosić, autore di origine serba (Il ruolo della mia famiglia nella rivoluzione mondiale; I morti. Berlino nelle mie poesie), e la giovane Elvira Mujcic, scrittrice bosniaca in lingua italiana (E se Fuad avesse avuto la dinamite?), ne parlano con lo scrittore e saggista croato Predrag Matvejević.

[167] 18:45, LICEO CLASSICO “VIRGILIO”, € 4,00
Mediterraneo in giallo – Francisco González Ledesma con Luca Crovi

“Sono figlio della guerra civile, ho visto la sofferenza nelle strade di Barcellona. La Barcellona delle strade è la più autentica e tutti i miei personaggi sono veri, presi dalla strada”. Francisco González Ledesma ha intrapreso giovanissimo la carriera letteraria, nonostante il regime franchista abbia più volte censurato i suoi romanzi. La sua vena poliziesca e gli spunti delle sue storie nascono dalla sua attività di giornalista e di avvocato. Protagonista dei romanzi di Ledesma (Storia di un dio da marciapiede; Mistero di strada) è Méndez, un vecchio poliziotto, una carogna incapace di staccarsi dalla strada, una bestia ferita a caccia di giustizia e verità. Incontra l’autore il giornalista Luca Crovi.

[168] 19:00, ARCI VIRGILIO, € 4,00
Scienze Confidenziali – Giuseppe Rosolini, Roberto Lucchetti e il pubblico
CHIACCHIERANDO DI NASH

Nel film A Beautiful Mind, Russell Crowe ha prestato il proprio volto al premio Nobel per l’economia John Nash, offrendo l’ennesima versione hollywoodiana della folle biografia di uno dei mostri sacri della matematica del Novecento. Ma a parte il genio e le psicosi, chi ha idea di cosa sia “l’equilibrio di Nash”, o a cosa corrisponda un “gioco non cooperativo” nelle menti poco avvezze ai problemi complessi? A partire dall’abc della Teoria dei Giochi, i matematici Giuseppe Rosolini e Roberto Lucchetti sveleranno i concetti chiave di un’elegantissima soluzione formale, non lontana dai dilemmi del nostro agire.
per sapere che cosa sono le Scienze Confidenziali, vedi evento n. 56

19:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia: MOSCOW BABYLON
Nel passaggio da capitale dell’impero sovietico a città guida della Russia dell’era della globalizzazione, Mosca si è trasformata da monocromo centro del potere in nuova, iridescente Babilonia. Nessuna città europea, secondo Karl Schlögel, è cambiata così velocemente negli ultimi quindici anni.

[169] 19:30, SEMINARIO VESCOVILE, € 4,00
Andrew Smith e Umberto Guidoni con Antonio Lo Campo
A QUARANT’ANNI DALLA LUNA

Nel 1961, poche settimane dopo il volo di Yuri Gagarin, l’inaugurazione del Programma Apollo diede il via alla conquista dello spazio e a un’avvincente sfida tra gli Stati Uniti di J. F. Kennedy e l’Unione Sovietica di Nikita Krushev. “Abbiamo scelto di andare sulla Luna e di fare altre cose – affermò Kennedy – non perché sono facili, ma perché sono difficili”. La promessa del presidente fu mantenuta: il 20 luglio del 1969, al suono di “Huston, qui Base della Tranquillità”, milioni di spettatori puntarono gli occhi sui teleschermi, afferrando immediatamente il mutamento epocale simboleggiato dalle impronte di Neil Armstrong. Ricordano l’anno mirabile delle avventure spaziali Andrew Smith, autore di Polvere di luna, l’astronauta italiano Umberto Guidoni e il giornalista Antonio Lo Campo.

[170] 19:45, TEATRO BIBIENA, € 10,00
Orchestra da Camera di Mantova
MENDELSSOHN, PARADIGMA DEL SOGNO ROMANTICO

Quirino Principe, Antagonista
Sinfonia n. 10 in si minore per archi (10’)
Concerto in re minore per violino, pianoforte e orchestra d’archi (35’)
Fulvio Luciani, violino; Riccardo Zadra, pianoforte; Carlo Fabiano, violino concertatore.
vedi evento n. 8

[171] 20:30, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 8,00
CANTI LONTANI: SEDUZIONI D’ORIENTE
Una conferenza-spettacolo di Luca Scarlini, con la partecipazione di Francesco Dillon, violoncello

L’Oriente è il luogo che ha sempre attratto e respinto l’Europa, in una molteplicità di sogni, visioni, esperienze reali e immaginarie. Tra Ottocento e Novecento, India e Tibet sono stati mèta di continui viaggi, accaduti o solo pensati, che hanno cambiato il destino dell’Europa. Luca Scarlini racconta otto destini esemplari, da Wilhelm von Humboldt a Alain Danielou: al suo fi anco uno dei maggiori violoncellisti degli ultimi anni, Francesco Dillon, che esegue musiche di Giacinto Scelsi, compositore sospeso tra Occidente e Oriente, divinato dalle fi nestre della sua casa a Roma.

20:30, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste – THEATER OF WAR
di John W. Walter, Stati Uniti, 2008, 95’

vedi pag. 14

[172] 20:45, CHIESA DI SAN MAURIZIO, € 4,00
Adam Michnik e Viktor Erofeev con Enrico Franceschini
VENT’ANNI DOPO

Adam Michnik e Viktor Erofeev hanno interpretato in diverso modo la propria opposizione al Socialismo Reale: il primo, polacco, fondatore e direttore del quotidiano Gazeta Wyborcza, promosse nel proprio paese la libera circolazione dei libri e appoggiò da subito Solidarność; mentre il secondo, fi glio di un alto funzionario vicino a Stalin, venne espulso dall’Unione degli Scrittori Sovietici a causa della sua collaborazione con i dissidenti. A vent’anni dal crollo del muro di Berlino, gli autori tracceranno un bilancio dell’evento epocale e della lunga strada che la libertà di espressione deve ancora percorrere.
Dialoga con loro il giornalista Enrico Franceschini.

21:00, SQUASSABIA MAISON (EX-ALBERGO SAN LORENZO), ingresso libero
GIOCHI DI PAROLE, GIOCHI DI RADIO, con Francesco Anzalone
vedi pag. 20

21:00, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia – SOLO DOMANDE DAL PUBBLICO
Paolo Giordano risponde su La solitudine dei numeri primi.

[173] 21:15, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
Maakomele Manaka, Napo Masheane, Natalia Molebatsi e Gcina Mhlophe con Itala Vivan

Gcina Mhlophe e i giovani Maakomele Manaka, Napo Masheane e Natalia Molebatsi sono tra i più popolari poeti orali del nuovo Sudafrica. Le loro poesie nascono per essere cantate e lette secondo pratiche di recitazione che affondano le proprie radici nella tradizione orale africana, in cui il canto, la narrazione, l’improvvisazione e il dialogo tra il narratore e la sua comunità, sono elementi indissolubili nell’atto di trasmissione della parola. Un insieme di segni, linguaggi, stili, voci ed espressività che oggi – grazie agli effetti migliori della globalizzazione – si arricchisce e si ricrea grazie anche agli stimoli delle altre culture. I quattro storyteller, presentati da Itala Vivan, daranno vita per il Festival a uno spettacolo gioioso e trascinante, portando a Mantova la voce e l’anima delle township sudafricane dei nostri giorni.

21:30, PIAZZA SAN LEONARDO, ingresso libero
Céline Robinet, Paul Brodowsky e Melania Mazzucco con Chicca Gagliardo
SCRITTURE GIOVANI 2009

Sul palcoscenico di Scritture Giovani 2009 fanno il proprio ingresso questa sera la francese Céline Robinet, scrittice, giornalista e performer spoken word, e Paul Brodowsky, autore di testi teatrali e radiodrammi, animatore di riviste letterarie ed autore di Milch Holz Katzen, raccolta di miniature in prosa. A confrontarsi con loro la narratrice Melania Mazzucco.
Presenta Chicca Gagliardo.

[174] 21:30, TEATRO SOCIALE, platea-palchi € 18,00; loggia-loggione € 12,00
Elio – FU… TURISTI
Un viaggio esilarante e irriverente alla scoperta del futurismo

“La cronaca racconta di un’immaginaria spedizione in torpedone da Milano al golfo di Napoli, organizzata e guidata dall’immancabile Filippo Tommaso Marinetti con lo scopo di uccidere simbolicamente il chiaro di luna, che in quei luoghi ha casa e viene celebrato. Questa magnifi ca impresa, però, fallirà miseramente. […] Quando arrivano a Napoli, i nostri scoprono di aver fatto male i conti con le fasi lunari: per sparare alla luna piena dovrebbero aspettare ancora tre settimane, sicché la spedizione termina davanti a un piatto dell’odiata pastasciutta, mentre i più fortunati e benestanti (guidati come sempre dal Tommaso Filippo) decidono di approfi ttare del disguido per una gita in motoscafo a Ischia, dove fare una settimana di cure termali”. Musiche originali / canzoni futuriste + cronistoria di un fatidico errore con l’ultimo seguace di Marinetti. Una produzione Parmaconcerti. Con Elio voce, Danilo Grassi capomacchina e percussioni, Corrado Giuffredi clarinetto, Giampaolo Bandini chitarra,
Enrico Fagone contrabbasso, Cesare Chiacchiaretta fi sarmonica.

[175] 22:00, PALAZZO D’ARCO, € 4,00
Piero Dorfles – PINOCCHIETÀ

“Il legno in cui è intagliato Pinocchio è l’umanità”, scriveva Benedetto Croce. Le pinocchietà che ci propone Piero Dorfl es, giornalista ed esigente lettore, sono le letture di alcuni monologhi del Burattino, inframmezzate dal racconto delle sue celebri avventure e da qualche suggestione interpretativa. Un ritorno alla più celebre delle nostre storie per l’infanzia, accompagnati dal suono fi abesco e popolare di un organetto.
con Carla Graziano, organetto.

[176] 22:30, CIRCOLO “LA ROVERE” – PALAZZO MAGNAGUTI, € 8,00
ARS AMANDI
Fiori scelti dalla letteratura erotica di tutti i tempi, a cura di Gianfranco De Bosio con Giovanni Casalegno

4. L’età contemporanea – Letture da Gabriele D’Annunzio, Kostantinos Kavafi s, Federico García Lorca, Pier Paolo Pasolini, Bertolt Brecht, Patrizia Valduga e altri autori.
vedi evento n. 10

22:30, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine nascoste – WE ARE WIZARDS: di Josh Kouri, Stati Uniti, 2008, 79’

Anteprima italiana. vedi pag. 28

22:30, PIAZZA VIRGILIANA, ingresso libero
BLURANDEVÙ – Gli autori rispondono alle domande blu dei volontari-conduttori di Festivaletteratura
Pulsatilla.

Tra le dieci cose che ama ci sono le melanzane, l’odore di cantina e la peluria morbida sui musi dei cavalli; tra quelle che odia gli errori di ortografi a e soprattutto le parole dette con l’accento sbagliato. Nel suo autoritratto in trentatré punti si legge: “Non so cantare benissimo ma canto sempre, e desidero essere ascoltata perché quando canto dico”. Ha scritto due libri, La ballata delle prugne secche e Giulietta squeenz, e tiene un blog molto seguito. Il nome Pulsatilla viene da una pianta che un giorno le ha prescritto il suo terapista per combattere la cattiveria. Che domande oseranno farle i ragazzi di Blurandevù?

= = = = = = = = = = = = = = = = = = =

B L U R A N D E V Ù
Le notti di Piazza Virgiliana si tingono ancora di blu. I giovani
volontari-conduttori di Blurandevù tornano anche quest’anno alla
carica con le loro domande irriverenti ad alcuni degli ospiti di
Festivaletteratura 2009. Contributi musicali, reading, interventi a
sorpresa: tutto può succedere a Blurandevù!
Questo il calendario degli appuntamenti:
– giovedì 10 – ore 22.30 – Margaret Mazzantini
– venerdì 11 – ore 22.30 – Vittorio Zucconi
– sabato 12 – ore 22.30 – Pulsatilla
– domenica 13 – ore 14.30 – Cristiano Godano

= = = = = = = = = = = = = = = = = = =

SCINTILLE. TRENTA MINUTI DI IMPROVVISA ENERGIA SCINTILLE. TRENTA MINUTI DI IMPROVVISA ENERGIA SCINTILLE. TRENTA MINUTI DI IMPROVVISA ENERGIA SCINTILLE. TRENTA MINUTI DI IMPROVVISA ENERGIA SCINTILLE. TRENTA MINUTI DI IMPROVVISA ENERGIA
Incontri d’autore, a ingresso libero, nello spazio Enel di piazza Sordello.
Tutti i giorni del Festival, ogni due ore, Scintille: brevissimi incontri, provocazioni, performance, dibattiti serrati, all’insegna della curiosità e del divertimento.
Originali folgorazioni di trenta minuti l’una nella tenda “illuminata” da Enel.
Le Scintille si riconoscono all’interno del programma per il simbolo… infuocato.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = =

Domenica 13 Settembre 2009

9:00, PIAZZA LEON BATTISTA ALBERTI, ingresso libero
LE PAGINE DELLA CULTURA

lettura dei giornali a cura di Dušan Veličković
coordinamento di Stefania Mascetti e Alberto Notarbartolo
per saperne di più sulle Pagine della cultura vedi pag. 9

[177] 10:00, PALAZZO DUCALE – ATRIO DEGLI ARCIERI, € 4,00
Grazia Livi e Chiara Ingrao con Anna Maria Crispino
NARRARE È UN DESTINO

Già a sette anni Grazia Livi dichiara ai suoi genitori di voler diventare una scrittrice. Da quel momento, la sua diventa una vita di libri, di ricerca continua di “parole di luce” nella letteratura, di incontri con personalità che scopre incredibilmente vicine a sé: Katherine Mansfi eld, Emily Dickinson, Jane Austen, Anton Cechov. Livi frequenta il giornalismo, la saggistica (Da una stanza all’altra, Le lettere del mio nome) e la narrativa (da Gli scapoli di Londra, suo romanzo d’esordio, fi no al recente Il vento e la moto), prediligendo soprattutto la forma racconto. Insieme a Chiara Ingrao, che all’impegno sindacale e politico ha affi ancato quello di narratrice (Dita di dama), e alla giornalista Anna Maria Crispino, Grazia Livi parlerà di come si risponde a una passione così coinvolgente come la scrittura.

[178] 10:00, VIA TASSO (IN STRADA), € 3,00
Olimpia Zagnoli – , TIPOGRAFIA URBANA, dai 6 ai 12 anni

Avete mai provato a pensare che le città, con tutti i loro vicoli, strade e marciapiedi, siano degli immensi fogli di carta su cui scarabocchiare? Avete mai lasciato una traccia del vostro passaggio in un contesto urbano, nel rispetto delle regole e del luogo in cui vi trovate? No? Allora è venuto il momento di armarsi di gessetti e parole e far sapere alle nuvole quello che vi passa per la testa. Olimpia Zagnoli, illustratrice italiana che vive negli Stati Uniti, vi aiuterà a lanciare i vostri messaggi al cielo.

dalle 10:00 alle 18:00, SQUASSABIA MAISON (EX-ALBERGO SAN LORENZO), ingresso libero
RADIODRAMMA HOTEL, a cura di Francesco Anzalone e Lorenzo Pavolini

vedi pag. 5

[179] 10:00, PALAZZO DUCALE – CANTINE DI VINCENZO GONZAGA, € 3,00
NOTE A PIÈ DI FAVOLA
I personaggi delle fi abe raccontati e cantati da Janna Carioli con Frida Forlani, dai 3 ai 7 anni

vedi evento n. 150

[180] 10:15, TEATRO ARISTON, € 4,00
Avraham Burg con Meron Rapoport
LA VIA CHE PORTA OLTRE IL SIONISMO

Con Sconfiggere Hitler, Avraham Burg è intervenuto nel dibattito politico israeliano suscitando grande sconcerto e indignazione. Deputato laburista e speaker della Knesset nelle passate legislature, Burg ha attaccato apertamente l’ideologia sionista che, fondando l’identità del paese sul trauma dell’Olocausto, ha portato Israele a una deriva sempre più nazionalista e xenofoba. La via per una nuova prospettiva nazionale e internazionale dello stato ebraico – secondo lo scrittore israeliano – può nascere solo da un superamento del sionismo. Lo incontra il giornalista Meron Rapoport.

10:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia – L’IMBOSCATA A KAPUŚCIŃSKI: LA STORIA DEL FALSO DOSSIER

Una lunga e sincera amicizia ha legato Valerio Pellizzari a Ryszard Kapuściński: nello spazio di una scintilla, il giornalista italiano racconta una storia appassionante ma poco conosciuta, legata alla vita del grande reporter e scrittore polacco.

10:30, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste – LOTMAN’S WORLD, di Agne Nelk, Estonia, 2008, 56’

Anteprima italiana. vedi pag. 31

[181] 10:30, PALAZZO D’ARCO, € 4,00
Anne Michaels con Lella Costa

Per dieci anni Anne Michaels, scrittrice e musicista canadese, ha tenuto accanto a sé il manoscritto del suo primo romanzo prima di decidere di pubblicarlo. Da subito, In fuga ha conosciuto uno straordinario successo di pubblico in Canada e in vari paesi europei, aggiudicandosi importanti riconoscimenti internazionali. Storia di salvazione e di rinascita, di amoroso attaccamento alla vita, collante e lievito per le nuove generazioni, il libro percorre la seconda metà del Novecento, dalla stagione delle persecuzioni naziste fino ai giorni nostri. Dopo In fuga Anne Micheals ha pubblicato diverse raccolte di poesie e un secondo romanzo, La cripta d’inverno, recentemente uscito in Italia.
La incontra Lella Costa.

[182] 10:45, PALAZZO DI SAN SEBASTIANO, € 4,00
Stefano Rodotà – IL POTERE SULLA VITA

La rifl essione in corso nel nostro paese su temi come il testamento biologico o la procreazione assistita ripropone – in modo rovesciato rispetto al passato – la questione della sovranità sulla vita. Mentre un tempo era prerogativa del signore decidere se mettere a morte o lasciare in vita un uomo o una donna, oggi il potere politico si trova a decidere tra il far vivere e il lasciar morire, tra il concedere di dare la vita o impedirlo. Secondo Stefano Rodotà, autore di La vita e le regole e Perché laico, il ritorno a un potere politico che si fa potere di vita o biopotere è una nuova prevaricazione rispetto alle scelte etiche e alle libertà degli individui.

[183] 10:45, CHIESA DI SAN MAURIZIO, € 4,00
RETROSPETTIVA AMITAV GHOSH
3. Il romanzo d’indagine – Amitav Ghosh con Armando Massarenti

Il terzo incontro della retrospettiva prende in analisi i romanzi “ad indagine” di Amitav Ghosh, a metà tra narrativa fi losofi ca e thriller (Lo schiavo del manoscritto, Cromosoma Calcutta, Il paese delle maree), in cui sul filo di una ricerca si incrociano e si rincorrono ragione e mito, culture occidentali e orientali, conducendo il lettore a una conoscenza nuova e sorprendente.
Lo incontra il giornalista e scrittore Armando Massarenti.
per sapere che cos’è la retrospettiva, vedi evento n. 75

[184] 11:00, TEATRO DI SAN LEONARDO, € 3,00
Gianpaolo Pagni – DUE FACCE

dagli 8 ai 10 anni. vedi evento n. 153

[185] 11:00, PIAZZA VIRGILIANA, € 3,00
Gcina Mhlophe con Itala Vivan
STORIE DI ANIMALI E DI REGINE, dai 9 ai 12 anni

Gcina Mhlophe è un’artista sudafricana conosciuta in tutto il mondo. La sua specialità è raccontare storie che vengono dalla grande tradizione degli storyteller, che con i loro racconti magici e misteriosi hanno accompagnato alla scoperta del mondo generazioni e generazioni di bambini africani. Con la sua voce avvolgente, Gcina guiderà i bambini all’interno delle sue favole preferite, e una volta arrivati dentro le favole, si canta e si balla tutti insieme!

[186] 11:00, MUSEO ARCHEOLOGICO, € 3,00
CHE TRAGEDIA! un progetto a cura di Giuseppina Norcia e Guido Cristini
3. Antigone: la giustizia, con Cristina Spina nella parte di Antigone, dai 12 ai 14 anni

Antigone, contravvenendo all’editto del re Creonte, decide di dare sepoltura al fratello Polinice, considerato un traditore della città Il suo gesto di pietà – dice – risponde a leggi immutabili, non scritte. Ma è giusto per questo infrangere le leggi degli uomini?
per saperne di più su Che tragedia! vedi evento n. 66

[187] 11:00, CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA, € 4,00
VOCABOLARIO EUROPEO
La parola (d)agli autori, coordina Giuseppe Antonelli

Franco Cordero – dall’italiano, sintassi s.f.
Adam Michnik – dal polacco, zniewolenie s.n.: ‘cattività’
per saperne di più sul Vocabolario europeo, vedi evento n. 3

[188] 11:00, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
Mediterraneo in giallo: Alicia Giménez-Bartlett con Paolo Zaccagnini

“Oggi la letteratura deve avere un’aderenza ai fatti o, se non altro, all’epoca in cui si vive. Il genere giallo all’europea dei giorni nostri è quello che più offre quest’aderenza”. Alicia Giménez-Bartlett è una delle più seguite e amate gialliste mediterranee. I suoi romanzi si distinguono per un meticoloso lavoro di preparazione, che contribuisce a rendere particolarmente attuali i casi affrontati e risolti dall’ispettrice Petra Delicado, e per la vivace ironia che sostiene la narrazione. Incontra l’autrice di Il silenzio dei chiostri il giornalista Paolo Zaccagnini.

[189] 11:15, LICEO CLASSICO “VIRGILIO”, € 4,00
Bruno Gambarotta e Paola Mastrocola con Simonetta Bitasi
ANIMALI PARLANTI – Una nuova frontiera della letteratura?

Dura la vita per anatre e polli! Ingenuamente siamo convinti che gli animali abbiano pochi pensieri e se ne stiano al mondo beati, in pace con la natura. A leggere i romanzi di Bruno Gambarotta (Polli per sempre) e di Paola Mastrocola (Che animale sei?; E se covano i lupi) scopriamo invece che abbiamo loro ben poco da invidiare. I polli, felici in gabbia, per un crudele gioco del destino possono trovarsi drammaticamente liberi; l’anatra, da quando nasce, si interroga ogni giorno sulla sua identità. Problemi… umanissimi. I due autori si confrontano su temi e questioni di letteratura animale con Simonetta Bitasi.

[190] 11:15, PALAZZO DEL MAGO – CAPPELLA, € 3,00
Marco Di Domenico con Federico Taddia: UOMINI E NOCI DI COCCO, VIAGGIATORI NATI, dagli 8 ai 12 anni

Può una pianta andarsene in giro per il mondo con le proprie gambe? Pare proprio di sì: la noce di cocco sembra fatta apposta per galleggiare in mare, ed è probabilmente in questo modo che si è sparsa per tutto l’Oceano Pacifi co. Ma il mais, le patate, i pomodori, le arance, le banane, come hanno fatto a muoversi dall’America o dall’Asia per venire fi no all’orto di casa nostra? La colpa è tutta nostra: è l’uomo che ha portato con sé da un continente all’altro centinaia di specie animali e vegetali, prima inconsapevolmente e poi lasciandosi trascinare dall’euforia delle esplorazioni. Il biologo Marco Di Domenico, intervistato da Federico Taddia, ci spiega come alla fi ne siamo sempre noi la causa di tutti i fenomeni di clandestinità.

[191] 11:15, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 4,00
Annali di storia – David Bidussa con Juri Meda: LO STORICO NON È UN TECNICO

Sulla presunta (o presuntuosa) autonomia del mestiere di storico “Mentre gli storici accumulavano fatti senza estrarne nessuna idea, le persone colte non sapevano che farsi di quei fatti, e rimanevano senza idee. I giovani non lessero più libri di storia, in cui nulla più li interessava, e rimasero abbandonati nella loro educazione politica alle sole improntitudini dei giornali quotidiani”. Così Gaetano Salvemini nel 1918 descriveva la situazione degli studi storici in Italia. Oggi più che mai – secondo David Bidussa – la lezione di Salvemini risuona attuale, di fronte a una storiografi a che, con la giustifi cazione di una presunta autonomia, cerca di proporre soltanto i “fatti”, sollevandosi dal compito fondamentale di fare del passato una opportunità di comprensione del presente.
per sapere che cosa sono gli Annali di storia vedi evento n. 15

[192] 11:30, PALAZZO PLATTIS, € 3,00
Masayo Ave – MAKE DO, dai 10 anni in su

Prendere in mano i libri, sfogliarli, dà sempre una certa sensazione di piacere. Gli haptic books o libri tattili di Masayo Ave sono qualcosa in più: non hanno testi né fi gure, ma ci raccontano la loro storia solo tramite quello che ci trasmettono attraverso le mani. Durante il laboratorio sarà possibile “toccare con mano” queste particolarissime creazioni e realizzare una propria copertina personalizzata.

[193] 11:30, TEATRO BIBIENA, € 4,00
Franco Battiato e Bianca Pitzorno – LA VOCE PRIGIONIERA

La vita di Giuni Russo non è stata né facile né, soprattutto, prevedibile. Entra giovanissima nel mondo della canzone e subito sottoscrive un contratto con la Emi, anche se si sente irresistibilmente attratta dalla composizione. Il grande successo di pubblico arriva all’inizio degli anni ’80 con Un’estate al mare e Alghero, ma la reazione della Russo è spiazzante. Subito abbandona il pop per la lirica; negli anni ’90 avviene il suo incontro con la mistica cattolica e mette in musica Teresa d’Avila, Giovanni della Croce, Edith Stein. Entrata in profonda relazione con le monache carmelitane, chiede alla sua morte di poter riposare per sempre con loro. Franco Battiato, che ha seguito la parabola artistica di Giuni Russo fi n dagli inizi, ripercorre con Bianca Pitzorno la breve esistenza di questa musicista dal talento straordinario e spesso misconosciuto.

11:30, SEMINARIO VESCOVILE, ingresso libero
Cecilia Bartoli, Giulio Cederna, Angelo Loy, Chiara Mammarella, Mariam Mohamed Saney, Alessandra Smerilli e Dagmawi Yimer, con Marco Carsetti e Alessandro Triulzi
DIRITTI/ESCLUSIONI/APPARTENENZE

Quali esclusioni e quali appartenenze testimoniano le complesse realtà multiculturali dell’Italia di oggi? Quali le rappresentazioni correnti? I fi lm e le video narrazioni partecipate della scuola per rifugiati e richiedenti asilo Asinitas di Roma. Racconti, storie e immagini “ad altezza di bambino” dalla scuola Carlo Pisacane di Roma, epicentro dello scontro tra accoglienza e intolleranza in Italia.
A cura di Fondazione lettera27 Onlus, Asinitas Onlus e WikiAfrica.

11:30, PIAZZA LEON BATTISTA ALBERTI, ingresso libero
QUI COMINCIA LA LETTURA

“Dopo un anno alla palestra
con l’atletica maestra
Qui comincia cerca e scova
la lettura tutta nuova.
Nell’umana biblioteca
già si è messa un’ipoteca
su un rarissimo libretto
di notevole diletto.
‘C’è l’amore? La paura?
Un delitto? L’avventura?’
Non restate a lungo incerti:
accorrete in piazza Alberti!”
Tutto è pronto (o quasi) per l’edizione 2010 della grande lettura collettiva promossa da Festivaletteratura. Non mancate all’annuncio del romanzo prescelto!

12:00, TEATRO ARISTON, € 3,00 (biglietti in vendita sul luogo)
Pagine Nascoste – LAST WORDS: di Erik Lieshout, Arno Hagers e Reinier van Brummelen, Paesi Bassi, 2008, 59’

Anteprima italiana. vedi pag. 37

12:00, PIAZZA LEGA LOMBARDA, ingresso libero
township poetry: Natalia Molebatsi con Itala Vivan

Griot urbana e totalmente immersa nel flusso della cultura globalizzata, Natalia Molebatsi incarna in chiave contemporanea tutte le caratteristiche proprie degli antichi custodi della cultura africana. Giovane poetessa e performer sudafricana, Molebatsi mette il proprio canto e i propri versi al servizio di un impegno civile costante, che l’hanno portata a divenire una delle fi gure di riferimento all’interno della propria comunità. Al centro dei suoi testi, l’affermazione del ruolo della donna in una nuova poetica di liberazione, capace di immaginare scenari positivi per le generazioni future. La accompagna Itala Vivan.

12:00, PIAZZA MANTEGNA, pubblica adunanza
SULLA SCUOLA
Comizio di Piero Calamandrei per la voce di Piero Dorfles

“Facciamo l’ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la Costituzione, non la vuole violare in sostanza. (…) Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di Stato in scuole di partito? (…) Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private”.
per sapere che cosa sono i comizi, vedi pag. 6

12:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia: E PUR SI MUOVE

Un rapido viaggio con il fi sico Bruno Giorgini alla scoperta di nuove forme di mobilità.

[194] 14:15, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
Umberto Galimberti e Massimo Cirri

Psicologi, psichiatri, filosofi dissodano insieme a noi il terreno dell’esperienza, camminano con noi, ascoltano la nostra storia. È per questo che “ci” servono? E così facendo possono anche alleviare le sofferenze dell’uomo contemporaneo? Su ascolto, psicoanalisi, pratica fi losofi ca si confrontano Umberto Galimberti (La casa di psiche, Le cose dell’amore) e Massimo Cirri (A colloquio. Tutte le mattine al centro di salute mentale).

[195] 14:15, SEMINARIO VESCOVILE, € 4,00
Eyal Weizman con Luca Molinari – ARCHITETTURA, POTERE, POTENZA

“La trasformazione dell’ambiente costruito risponde a due azioni di progettazione strategica complementari fra loro: costruzione e distruzione”. Prendendo in esame la militarizzazione del territorio di Gaza e della Cisgiordania perpetrata dal governo israeliano e le relative strategie eversive praticate dai palestinesi, Eyal Weizman, direttore del Centre for Research Architecture al Goldsmiths College di Londra e autore di Architettura dell’occupazione e Il male minore, teorizza da diversi anni la millenaria corrispondenza tra architettura e potere, offrendo un impeccabile strumento analitico per capire in che modo politica, storia e religione costituiscano l’humus antropologico del controllo territoriale. Lo incontra Luca Molinari.

[196] 14:30, CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA, € 4,00
Kunzang Choden con Romolo Gandolfo e Maddalena Fortunati
VOCI DI DONNE DALLA TERRA DEL DRAGONE TUONANTE

Kunzang Choden è la prima donna bhutanese ad avere scritto e pubblicato un romanzo. Rientrata nel proprio paese dopo aver studiato in India e negli Stati Uniti, Choden intraprende una serie di azioni volte al miglioramento della condizione femminile, alla difesa della tradizione orale, alla diffusione della lettura. Il viaggio di Tsomo non a caso è la storia di emancipazione di una donna che rifi uta le costrizioni familiari per imparare a leggere e a scrivere, affrontando un lungo pellegrinaggio verso India, Nepal e Tibet. Insieme a Romolo Gandolfo e Maddalena Fortunati – dell’Associazione amici del Bhutan – l’autrice parlerà della vita quotidiana e della spiritualità dei villaggi bhutanesi, senza trascurare cambiamenti in corso in questo piccolo regno himalayano.

[197] 14:30, LICEO CLASSICO “VIRGILIO”, € 4,00
Rosella Prezzo e Anna Vanzan con Anna Maria Crispino
VELI D’ORIENTE E D’OCCIDENTE

Sotto la spinta delle migrazioni transnazionali, in un’Europa sempre più intenta a riaffermare la sterile distinzione noi/loro, la polemica sul velo rappresenta un potente veicolo di demonizzazione delle diversità culturali. Ma è sempre stato così? Chi non ha sfogliato un album di famiglia scoprendo lontane parenti che coprivano pudicamente il capo con la veletta, o non ha mai intravisto per strada anziane signore che portano il fazzoletto con la stessa naturalezza con cui oggi si indossa un giubbotto? Indagando senza pregiudizi le comunanze tra i simboli costitutivi della soggettività umana, la filosofa Rosella Prezzo (Veli d’Occidente) si confronterà su un tema di grande attualità con l’iranista e islamologa Anna Vanzan (La storia velata) e con la giornalista Anna Maria Crispino.

14:30, PIAZZA VIRGILIANA, ingresso libero
BLURANDEVÙ – Cristiano Godano
Gli autori rispondono alle domande blu dei volontari-conduttori di Festivaletteratura.

Il nome di Cristiano Godano è indissolubilmente legato a quello dei Marlene Kuntz, uno dei gruppi alternative rock più talentuosi ed eclettici attivi nel nostro paese e punto di riferimento per innumerevoli band giovanili. Dalla lunga pratica di autore di canzoni, Godano ha maturato il desiderio di cimentarsi con la parola tenendo un passo diverso: da qui è nato I vivi, una raccolta di racconti in cui la vita di tutti i giorni trapassa nel fantastico e nel surreale. Ultimo esperimento di Godano è quello come attore nel fi lm Tutta colpa di Giuda di Davide Ferrario, per cui ha anche scritto le musiche come Marlene Kuntz. Musica, letteratura, cinema: pane per i denti dei giovani conduttori di Blurandevù.

[198] 14:45, TEATRO ARISTON, € 4,00
Gianni Clerici con Fulvio Scaparro: ANALISI DI UN NON ANALIZZABILE

“Dai risultati di oggi pare che io sia uno scrittore, però non me lo aveva mai detto nessuno, ed io non mi ero mai ritenuto tale”. La carriera letteraria di  Gianni Clerici è talmente atipica da iniziare sui campi da tennis, prima da atleta e poi da giornalista. Una consacrazione sportiva che gli ha consentito di dedicarsi alla scrittura a corrente alternata, non senza trovare preziosi estimatori (Italo Calvino lo ha defi nito “uno scrittore in prestito allo sport“). Ironico, amante delle bizzarrie e cultore delle digressioni, Clerici è autore di poesie, romanzi, raccolte di racconti (Una notte con la Gioconda). Ad analizzare lo strano caso, interviene l’amico e psicoterapeuta Fulvio Scaparro.

[199] 14:45, CHIESA DI SAN MAURIZIO, € 4,00
Arrigo Levi con Riccardo Chiaberge
TRA VITA E GIORNALISMO: Un sopravvissuto al Novecento

“Non perdere mai la speranza”. Una massima inattuale che riacquista tutto il suo valore guardando alla straordinaria carriera giornalistica di Arrigo Levi. Membro di un’agiata famiglia della borghesia ebraica modenese, Levi ha vissuto sulla propria pelle i drammi e le conquiste del novecento, raccontando le imponenti trasformazioni del “Secolo breve” sia come corrispondente e redattore dei principali quotidiani italiani, sia come conduttore e ideatore di programmi per la RAI. Prendendo spunto dalla sua recente autobiografi a (Un paese non basta) Levi ragionerà insieme al pubblico sull’importanza di una formazione itinerante e sul futuro del quinto potere.
Lo incontra il giornalista e scrittore Riccardo Chiaberge.

[200] 15:00, TEATRO DI SAN LEONARDO, € 3,00
Pietra Pistoletto – MODA E RICICLO
. dai 7 ai 9 anni. vedi evento n. 67

[201] 15:00, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 4,00
ex-Jugoslavia: voci di una letteratura dispersa

Slavenka Drakulić e Dušan Veličković con Luca Rastello: SCRITTURA DI GUERRA
Scrivere di guerra, scriverne mentre è ancora in corso; raccontare quello che accade mentre si è sotto assedio o sotto i bombardamenti. Televisioni  e giornali hanno riempito trasmissioni e pagine con le cronache e le immagini  del confl itto jugoslavo, forse senza capire quello che stava succedendo. Slavenka Drakulić (Balkan Express), scrittrice croata e collaboratrice di varie testate internazionali, e Dušan Veličković (Serbia Hardcore), tra i più stimati giornalisti serbi e già direttore della rivista Nin, hanno scelto di testimoniare il confl itto in presa diretta più per l’esigenza di ascoltare che di farsi sentire, registrando le trasformazioni nell’animo delle persone, il senso di spaesamento, l’incapacità di liberarsi dal passato. Li incontra il giornalista e scrittore Luca Rastello.

[202] 15:00, PALAZZO DUCALE – CANTINE DI VINCENZO GONZAGA, € 3,00
Carlo Carzan e Sonia Scalco: I MISTERI DI TURUTUN

dagli 8 agli 11 anni. vedi evento n. 84

[203] 15:15, AULA MAGNA DELL’UNIVERSITÀ, € 4,00
Chiara Frugoni: GESTI IN CODICE

Il loro significato nel Medioevo (in particolare nella pittura di Giotto) “Il mio metodo nell’occuparmi di storia – scrive la Frugoni – è sempre stato quello di unire testi e immagini, considerandoli fonti di pari dignità”. Chiara Frugoni ha insegnato Storia medievale nelle università di Pisa e Roma II. Autrice di studi capitali sulla fi gura di San Francesco d’Assisi, confl uiti nei volumi Francesco e l’invenzione delle stimmate (1993) e Vita di un uomo: Francesco d’Assisi (1995), la medievista guarda ai classici della pittura e dell’iconografi a medievale, cercando di decodifi care i gesti e le allegorie che caratterizzano imponenti narrazioni visive come la Cappella degli Scrovegni

[204] 15:30, TEATRO BIBIENA, € 4,00
Mediterraneo in giallo: Gianmaria Testa con Giovanna Zucconi
SU JEAN-CLAUDE IZZO

La pubblicazione di Casino totale, nel 1995, sancì defi nitivamente la fama di Jean-Claude Izzo e costituì il primo tassello della trilogia marsigliese. Negli anni seguenti, lo scrittore francese continuò a bazzicare per le strade di Marsiglia, raccontando il ventre dolente della città con lo sguardo romantico del proprio alter ego letterario, il poliziotto Fabio Montale, e offrendo ai lettori di tutto il mondo una pietra miliare del genere Noir. Gianmaria Testa, insieme a Giovanna Zucconi, renderà omaggio con parole e musiche a un grande narratore dei nostri tempi, scomparso prematuramente nel 2000.

15:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia – SOLO DOMANDE DAL PUBBLICO

Paola Mastrocola risponde su Una barca nel bosco.
per le scintille solo domande dal pubblico vedi pag. 14

[205] 15:45, PALAZZO DEL MAGO – CAPPELLA, € 3,00
Luciano Comida e Anna Sarfatti: SONO LIBERO DAVVERO?
dai 6 ai 9 anni
Se pensate che regole, doveri, divieti che dovete seguire a casa e a scuola siano gli unici ostacoli che vi impediscono di essere davvero liberi di fare e decidere ciò che volete, allora sottoponetevi al test che vi hanno preparato gli scrittori Anna Sarfatti (Chiama il diritto, risponde il dovere. Regole per vivere bene a scuola) e Luciano Comida (Non fare il furbo, Michele Crismani!): scoprirete che i condizionamenti hanno spesso un aspetto nascosto e irresistibile e la vera libertà non è così facile da conquistare.

[206] 16:00, PALAZZO DI SAN SEBASTIANO, € 4,00
Giandomenico Picco e Valerio Pellizzari – I NUOVI PADRONI DELLA DIPLOMAZIA

La grande crisi fi nanziaria ha sconvolto gli equilibri del mondo e messo in ombra gli attori convenzionali: politici e diplomatici. L’intelligence dei governi, paradossalmente, recluta i manager delle grandi banche disastrate. Mentre il ministro degli esteri brasiliano proclama che il G8 è morto. E i due confl itti in Iraq e Afghanistan ricordano le guerre coloniali, quando il commercio seguiva la bandiera. Un incrocio di analisi e di prospettive tra Valerio Pellizzari, editorialista de La Stampa, e Giandomenico Picco, già funzionario ONU, negoziatore del ritiro sovietico dall’Afghanistan e del cessate il fuoco tra Saddam e Khomeini. Perché il futuro non sarà più, come molti credono, una ripetizione del passato.

[207] 16:00, PALAZZO DUCALE – ATRIO DEGLI ARCIERI, € 4,00
Maura Del Serra con Nella Roveri

Maura Del Serra è docente di Letterature Comparate all’Università di Firenze ed è scrittrice di teatro, saggista e traduttrice. Nella sua poesia si mostra l’idea del “poeta come piccola circonferenza munita di testa, mani e piedi che lavora con i suoi mezzi, sempre molto poveri e artigianali rispetto al tremendum che lo sovrasta e lo avvolge, maturandolo e consumandolo, perché la confusione diventi fusione di quelli che alla nostra mente occidentale sono apparsi sempre gli opposti”. La fatica trova senso nella convinzione che la poesia possa aiutare il rinnovamento della coscienza civile, anche se il suo modo di manifestarsi è sotterraneo e carsico. Le sue poesie, scritte a partire dal 1965 e pubblicate in differenti tempi, sono state di recente riunite nel volume L’opera del vento. La introduce Nella Roveri.

[208] 16:00, VIA TASSO (IN STRADA), € 3,00
Olimpia Zagnoli: TIPOGRAFIA URBANA

dai 6 ai 12 anni. vedi evento n. 178

[209] 16:30, PALAZZO DUCALE – CORTILE DELLA CAVALLERIZZA, € 4,00
Brendan O’Carroll con Bruno Gambarotta

“Sono stato fortunato a nascere a Finglas, Dublino, dove di donne forti ce n’è in abbondanza”. Agnes Browne, energica, bella, con sette fi gli a carico, è per certi aspetti la somma di tutte queste donne dei quartieri proletari di Dublino che vociano ancora nella memoria di Brendan O’Carroll. Agnes è la protagonista della serie degli irresistibili romanzi nati dalla fantasia dello scrittore e showman irlandese (Agnes Browne mamma; I marmocchi di Agnes; Agnes Browne nonna), in cui disgrazie e piaceri quotidiani creano una miscela di corroborante vitalità. Dialoga con O’Carroll lo scrittore Bruno Gambarotta.

[210] 17:00, LICEO CLASSICO “VIRGILIO”, € 4,00
Mirko Degli Esposti e Chiara Valerio
SE LO STILE NON È UN’OPINIONE

Il già enigmatico concetto di entropia, volgarmente detta “misura del disordine”, ha conquistato nel XX secolo il signifi cato inatteso e quasi sciamanico di “informazione”. Informazione che fl uisce negli spazi fisico- matematici, ma anche in rete e sulle pagine dei giornali e dei libri. D’altronde le parole permettono di elaborare metaforicamente anche l’astratto matematico. Sono solo analogie o la matematica può pronunciarsi perfi no sulla scrittura? E quando una trovata narrativa è un’idea matematica e viceversa? Mirko Degli Esposti, probabilista e statistico, ne parla con Chiara Valerio, scrittrice di formazione matematica.

[211] 17:00, PIAZZA VIRGILIANA, € 3,00
David Almond, Donato Carrisi con Federico Taddia
DAMMI UN INCIPIT!

dai 13 ai 18 anni
Ripartono le lezioni alla scuola dei buoni incipit. Se avete tante storie da scrivere che vi ronzano in testa ma non sapete bene… come iniziare, questa è la scuola che fa per voi! David Almond, Donato Carrisi e… , insieme a Federico Taddia, vi aiuteranno a mettere a punto gli inizi dei vostri racconti, insegnandovi tutti i trucchi per catturare i vostri lettori dalla prima pagina. Portate dunque le vostre prove di incipit, e… buon inizio!

[212] 17:15, SEMINARIO VESCOVILE, € 4,00
Karl Schlögel con Franco Farinelli
ARCIPELAGO EUROPA

Treni, atlanti geografi ci, elenchi telefonici e guide di viaggio… La storia degli oggetti è speculare alla storia uffi ciale dei grandi eventi che sconvolgono il mondo, ai fermenti dello Spirito che per Hegel costringono l’uomo a riconfi gurare la propria posizione nell’universo. Karl Schlögel, con la curiosità di un Erodoto, nel recente Leggere il tempo nello spazio ha risvegliato un regno di ombre danzanti, fedeli testimoni di culture sommerse e rivoluzioni tradite. In compagnia del geografo Franco Farinelli, lo storico tedesco percorrerà a ritroso le rotte di un luogo del destino, di un arcipelago Europa che ci obbliga a ripensare il presente.

[213] 17:30, PALAZZO DELLA RAGIONE, € 4,00
Giuseppe Antonelli, Cristiano Godano e Beppe Dati
LA LINGUA DEL POP

Qualcuno sostiene che l’italiano abbia una sua intrinseca musicalità, e che questo abbia facilitato il compito di cantautori e parolieri di casa nostra. Vero o falso che sia, la composizione dei versi delle canzoni mette a dura prova l’autore, chiamato a mediare tra esigenze espressive e ritmiche non sempre convergenti. Ma come nascono le parole delle canzoni e da dove vengono? Qual è il loro rapporto con la lingua “letteraria” – se ha ancora senso chiamarla così – e quale invece l’infl uenza che le canzoni riescono ad avere sulla lingua che parliamo tutti i giorni? Giuseppe Antonelli, storico della lingua, ne parla con Beppe Dati, musicista e autore dei testi di canzoni portate al successo da numerosi artisti (Mia Martini, Marco Masini, Laura Pausini, Francesco Guccini tra gli altri), e con Cristiano Godano, leader dei Marlene Kuntz.

[214] 17:30, CHIESA DI SAN MAURIZIO, € 4,00
Stefano Bolognini
LA “SOSTANZA” DELLE PAROLE

La comunicazione empatica, il sogno, la narrazione Stefano Bolognini, presidente della Società Psicoanalitica Italiana, ha scritto pagine fondamentali che spaziano dall’empatia al sogno, dalla clinica ai racconti autobiografi ci rivisitati in chiave psicoanalitica. Incontriamo con lui la “sostanza” delle parole e dei sogni: non solo teoria ma incontro con l’Altro nella più rigorosa delle terapie. Lo presentano e intervistano, riportando brevi casi clinici, Luciano Negrisoli e Alberto Romitti, psicoanalisti.

17:30, TENDA SORDELLO, ingresso libero
SCINTILLE – Trenta minuti di improvvisa energia – DUE ROMANZI A SETTIMANA

Ambientazione western, dialoghi popolari, ritmo agile, intreccio da feuilleton: questo il mix di successo delle novelas de quiosco scritte da Silver Kane, alias Francisco González Ledesma, durante gli anni del franchismo.

[215] 17:45, PALAZZO D’ARCO, € 4,00
Stefania Bertola con Paolo Colagrande – LEGGERE CON IL SORRISO SULLE LABBRA

“Scrivo per divertire, per offrire un momento di rilassamento, di divertimento”: e ci riesce benissimo Stefania Bertola, scrittrice, traduttrice, conduttrice radiofonica che con i suoi libri (La soavissima discordia dell’amore) migliora il LUN, il livello dell’umore nazionale. Soprattutto femminile, come potrebbe imputarle Paolo Colagrande (Kammerspiel), degno “avversario” a colpi di battute, ironia e graffi ante comicità.

[216] 18:00, TEATRO ARISTON, € 10,00
Gioele Dix: UNA COSA DIVERTENTE CHE NON FARÒ MAI PIÙ, con Marco di Gennaro, pianoforte

Gioele Dix, attore noto al pubblico teatrale e televisivo per il suo stile irriverente e mai banale, veste i panni di un giovane scrittore a cui viene commissionato il reportage di una settimana in crociera extralusso nei Caraibi. Lo scrittore è David Foster Wallace e la permanenza sulla “meganave” si trasforma in un’esilarante cronaca, in un ritratto dell’americano in vacanza, delle sue abitudini ottuse, della sua eleganza pacchiana e – naturalmente – della sua ricerca di un forzato e artifi ciale relax. La critica pungente, e insieme scanzonata, di questi “cittadini americani adulti e ricchi”, è accompagnata da una sferzante ironia e da uno stile pirotecnico e piacevolmente dispersivo.

[217] 18:00, PALAZZO DEL MAGO – CAPPELLA, € 3,00
Giovanni Filocamo e Giuseppe Rosolini: CHI HA PAURA DELLA MATEMATICA?

dai 13 ai 16 anni. vedi evento n. 28

[218] 18:15, TEATRO BIBIENA, € 4,00
BELLI E DANNATI: RITRATTO DI ZELDA – Una conferenza-spettacolo di Luca Scarlini

Prima di precipitare nelle spire della follia, Zelda Sayre Fitzgerald (1900-1948) aveva sedotto due generazioni di spettatori, da principio nella veste di Southern Belle e poi come fl apper scatenata a New York. Ma fu l’unione con Francis Scott Fitzgerald a segnare la nascita di una leggenda. I continui sperperi di denaro, il proverbiale anticonformismo e i furiosi litigi, fecero della coppia un’icona degli Anni ruggenti. Save Me the Waltz, l’unico romanzo pubblicato dalla scrittrice statunitense, offre al saggista e drammaturgo Luca Scarlini il pretesto per raccontare una vita esagerata, scandita dal ritmo frenetico dell’Età del Jazz.

[219] 18:15, PIAZZA CASTELLO, € 4,00
Lella Costa e Michele Serra

Attrice di teatro e non solo, conduttrice radiofonica e televisiva, doppiatrice di Kim Zimmer e Rose Alaio in Sentieri e di tante altre, moglie e mamma, appassionata lettrice, opinionista, tifosa della squadra più impegnativa al mondo da sostenere, sostenitrice di Emergency e di molte altre buone cause: chi sono? È una sola. È l’unica Lella Costa. Ma come fa? Cercherà di raccontarlo in un libro, La sindrome di Gertrude e dal vivo al Festival affi ancata da un testimone d’eccezione.

[220] 18:30, PALAZZO DI SAN SEBASTIANO, € 4,00
Claude Lanzmann con Luciano Minerva

Claude Lanzmann è una delle figure d’eccezione della cultura del nostro tempo. Partigiano durante la seconda guerra mondiale, fedele sostenitore di Israele, amico di Sartre e di Simone De Beauvoir, autore di un film straordinario come Shoah, ha recentemente offerto una rilettura della stagione che va dal dopoguerra ad oggi attraverso la propria autobiografi a, Le lièvre de Patagonie, in cui Lanzmann – come ha scritto Bernard-Henry Levy – si racconta “battagliero e allegro. Litigioso e brillante. Certamente pessimista (…), ma nello stesso tempo gioioso (…), infine, libero. Prodigiosamente libero. Di una libertà della quale, nei decenni di piombo di cui ci offre, strada facendo, la sua lettura sovrana, non si scorgono tanti altri casi”. Lo incontra il giornalista Luciano Minerva.

= = = = = = = = = = = = = = = = =

lettera27 a Festivaletteratura

Sabato 12 e domenica 13, la Fondazione lettera27 partecipa a Festivaletteratura con uno spazio Wikipedia e tre incontri sui saperi dell’Africa in movimento: lingue, scuole, voci presso il Seminario vescovile. Chi sono, cosa scrivono, in che lingua si esprimono i migranti e gli scrittori africani d’Europa/in Europa? Quali strumenti formativi possono offrire scuole e biblioteche? La crescente presenza di figli di migranti e di bambini “stranieri” nella scuola italiana è l’occasione di processi di inclusione o di uno scontro tra culture? Tre incontri su lingue e apprendimento, conoscenze e contaminazioni, territori di vita e luoghi di origine, a cura di Paola Splendore e Alessandro Triulzi. lettera27 invita scrittori, studiosi, mediatori, insegnanti e bibliotecari a discuterne. lettera27 è una fondazione non profit, nata nel luglio 2006. La sua missione è sostenere il diritto all’alfabetizzazione, all’istruzione e, più in generale, favorire l’accesso alla conoscenza e all’informazione. lettera27 è la
ventisettesima lettera, la lettera che manca, la lettera che non è ancora stata scritta, la lettera ibrida, lo spazio da riempire, il collegamento tra scrittura e oralità, la connessione con il futuro, l’intersezione tra analogico e digitale.
In collaborazione con Wikimedia Italia, lettera27 ha promosso WikiAfrica, un progetto volto ad africanizzare Wikipedia attraverso network, ricerche, pubblicazioni ed eventi: http://www.wikiafrica.org. Con la partecipazione di AfriRadio Nigrizia Multimedia, http://www.afriradio.it, la web-radio della rivista “Nigrizia”, interamente dedicata all’Africa e in collaborazione con Booksweb.tv, http://www.booksweb.tv.

= = = = = = = = = = = = = = = = =

Girando per Festivaletteratura

Quando non ci sono più biglietti, quando si è incerti su che cosa andare ad ascoltare, quando si ha un po’ di tempo ma non abbastanza per infi larci dentro un altro evento… Festivaletteratura corre anche quest’anno in vostro aiuto con una serie di situazioni fatte apposta per risolvere questi momenti “critici”. Insieme alle ormai sperimentatissime aree relax, tornano gli eventi a bande bianche e azzurre, incontri speciali che si distinguono da quelli numerati per una partecipazione più “libera”.

Intermezzi

Sotto una comune etichetta troviamo molte delle novità del Festival 2009, tutte ad ingresso libero: oltre ai comizi in piazza Mantegna, abbiamo quest’anno Le pagine delle cultura in piazza Alberti, rassegna stampa degli articoli che i giornali di tutto il mondo pubblicano su libri, arti e dintorni; l’installazione permanente di Radiodramma Hotel e lo spettacolo serale Giochi di parole, giochi di radio, ispirati all’arte invisibile del radiodramma; le libere performance dei giovani esponenti dello spoken word sudafricano in piazza Lega Lombarda.

Concordia Relax

Punto di ritrovo informale tra un evento e l’altro, il Concordia Relax ospiterà alcuni reading e, come già gli anni scorsi, le dirette di RadioTre Fahrenheit con le interviste di Marino Sinibaldi agli ospiti di Festivaletteratura. La pausa caffè è offerta da illy.

Librerie di Scambio

Uniche librerie che si riforniscono grazie ai lettori, le librerie di scambio sono diventate uno dei punti di attrazione del pubblico che viene a Festivaletteratura. Autentici luoghi di scoperta di rarità editoriali o di titoli da molti anni non più disponibili, le librerie di scambio funzionano secondo l’equo criterio di prendere un libro lasciandone in cambio un altro, oppure depositando nell’apposita cassetta un’offerta adeguata. Il ricavato sarà devoluto al progetto di sviluppo dell’Associazione Senza Frontiere Le librerie saranno presso la biglietteria del Festival, all’info point di piazza Erbe e in piazza Alberti.

= = = = = = = = = = = = = = = = =

MUNICIPIO IN FESTIVAL

Venerdì 11 settembre dalle ore 19.30 il Comune di Mantova brinda con Festivaletteratura (lungorio, Piazza Martiri di Belfi ore).

= = = = = = = = = = = = = = = = =

PANE-LIBRO-COMPANATICO

Il cestino del lettore da asporto e/o buffet. Tutti i giorni ore 11,00-14,00 c/o Club 180 “dentro e fuori le mura”. Ingresso via della Repubblica, 2 – viale Monte Grappa, 9 (MN)
Informazioni e prenotazioni: 335.5230406

= = = = = = = = = = = = = = = = =

FUORICATALOGO

Per i cultori dei libri introvabili, quest’anno al Festival arriva Fuoricatalogo, una piccola mostra-mercato di opere fuori stampa pensata e realizzata da cinque librerie antiquarie. Le bancarelle di Fuoricatalogo saranno aperte da giovedì 10 a domenica 13 settembre dalle 9.30 fino a sera sotto il portico del Palazzo del Capitano in piazza Sordello. Ogni giorno sono previste presentazioni di alcuni dei libri in esposizione.

= = = = = = = = = = = = = = = = =

La campagna in città: punto ristoro e animazione per i bambini

I sapori ed i profumi della campagna colorano lo spazio che il Consorzio agrituristico mantovano ha allestito sul Lungorio di via IV novembre. Un angolo di campagna in città: merende del contadino con pane, salame e lambrusco, formaggi, mostarde, verdure fresche, frutta, gelato, jogurt, da mangiare sul posto. In alternativa, da portarsi via, borse in tela con pane, frutta fresca, formaggi ed acqua. Vendita diretta di prodotti di fattoria, punto informazioni sull’ospitalità e sul turismo in campagna.
Tutti i giorni, ad ogni ora, dalle 10 alle 18, animazione per i bambini a cura delle fattorie didattiche mantovane.
Per informazioni: Consorzio agrituristico mantovano, tel. 0376 324889. Nei giorni del Festival, cell. 320.7122133; http://www.agriturismomantova.it; info@agriturismomantova.it

= = = = = = = = = = = = = = = = =

TRASPORTO DISABILI

Anche quest’anno le persone con disabilità fi sica che vogliono assistere al Festivaletteratura possono avvalersi di un servizio di trasporto dedicato. Il servizio sarà curato da personale specializzato che affi ancherà gli utenti e li aiuterà a raggiungere i luoghi del Festival superando le barriere architettoniche e utilizzando strutture idonee ai portatori di handicap. I punti di accoglienza sono i parcheggi di Campo Canoa e di Piazza Virgiliana. Il servizio è gratuito e per accedervi è necessario prenotare entro venerdì 4 settembre. Per informazioni e prenotazioni: tel. 338.6617278 (Graziella) dal lunedì al venerdì ore 9.00-13.00 e 16.00-19.00. Durante i giorni del Festival funzionerà un servizio di informazioni per i diversamente abili presso il gazebo ANFFAS di via Goito.

= = = = = = = = = = = = = = = = =

PRENOTAZIONE ED ACQUISTO BIGLIETTI

# Orario di apertura della biglietteria
La biglietteria del Festival (Loggia del Grano della Camera di Commercio – via Spagnoli) è aperta da mercoledì 2 settembre a martedì 8 settembre dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00; da mercoledì 9 settembre a sabato 12 settembre dalle 9.00 alle 20.00 con orario continuato; domenica 13 settembre dalle 9.00 alle 17.00 con orario continuato.

# Prenotazioni: regole generali
La prenotazione e l’acquisto dei biglietti si possono effettuare da mercoledì 2 settembre per i SOCI FILOFESTIVAL e da venerdì 4 settembre per tutti.
Si possono effettuare prenotazioni nei seguenti modi:
– presso la biglietteria del Festival nei giorni e negli orari indicati;
– telefonando allo 0376/355418;
– tramite il nostro sito Internet http://www.festivaletteratura.it
La prenotazione va fatta specifi cando nome, cognome, comune di provenienza e n° di telefono per ricevere comunicazione di eventuali variazioni relative agli eventi prenotati.

# Prenotazioni: regole per i soci Filofestival
I soci dell’Associazione Filofestival possono prenotare e acquistare biglietti a partire da mercoledì 2 settembre. La tessera è strettamente personale. Ogni singolo socio può prenotare 1 solo biglietto per evento e non per eventi incompatibili per orario (distanza di almeno due ore). Ciascun socio può effettuare prenotazioni per sé e al massimo per altri tre soci. Gli eventi per bambini possono essere prenotati solo attraverso la tessera junior ad eccezione di quelli rivolti a ragazzi sopra i 12 anni (tessera under 25). Ai soci viene applicato uno sconto pari al 10% circa del costo del biglietto intero. Per gli incontri dei bambini non sono previsti sconti sul biglietto.

# Acquisto e ritiro biglietti
I biglietti prenotati devono essere ritirati alla biglietteria del Festival almeno due ore prima del primo evento prenotato e non oltre le 20.00 per gli incontri serali. Le modifi che alle prenotazioni già fatte saranno accolte solo compatibilmente con le disponibilità. L’acquisto dei biglietti prenotati va effettuato presso la biglietteria del Festival in un’unica soluzione. I biglietti che risulteranno ancora disponibili saranno messi in vendita sul luogo dell’evento mezz’ora prima dell’inizio. Per gli eventi dei bambini, gli adulti accompagnatori, in base alle disponibilità, possono acquistare il biglietto allo stesso prezzo dei bambini solo sul luogo dell’evento.

# Variazioni e rimborsi
Il rimborso di un biglietto acquistato può essere richiesto solo ed esclusivamente nel caso di soppressione dell’evento stesso. Il Festival si riserva la facoltà di decidere, a proprio insindacabile giudizio, l’eventuale rimborso in caso di altre variazioni (spostamento di orario e di luogo, altri cambiamenti) dandone tempestiva comunicazione. La richiesta di rimborso dei biglietti di eventi soppressi deve essere effettuata entro le ore 17.00 di domenica 13 settembre.

= = = = = = = = = = = = = = = = =

INFORMAZIONI

Le informazioni sul programma, i cambiamenti dell’ultima ora, gli spostamenti di luoghi in caso di pioggia o altro, gli eventi sospesi, esauriti o soppressi sono costantemente aggiornati sul sito http://www.festivaletteratura.it oppure possono essere richiesti presso i punti informativi, telefonicamente alla Segreteria (Tel. 0376.369050) o via e-mail al seguente indirizzo: info@festivaletteratura.it
Durante i giorni di Festivaletteratura saranno attivati due punti informativi in Piazza Erbe e in Piazza Sordello.
Per le informazioni turistiche generali punto di riferimento è l’Ufficio Informazioni Turistiche della Provincia di Mantova – Piazza Mantegna, 6 (tel. 0376.432432, info@turismo.mantova.it; http://www.turismo.mantova.it), aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 18.00.

= = = = = = = = = = = = = = = = =

SMS Informa

Le informazioni di Festivaletteratura direttamente sul proprio cellulare
Festivaletteratura attiva un servizio sms di informazione per gli eventi in programma. Per ricevere le informazioni gratuite è necessario inviare un SMS con indicato “Festival On” al numero 340.4315566. Il servizio è completamente gratuito e tutte le informazioni saranno limitate dal periodo 24 agosto – 13 settembre 2009. Il servizio potrà essere disabilitato in qualsiasi momento inviando un sms allo stesso numero digitando “Festival Off”.
L’sms di attivazione o disattivazione sarà tariffato in base al piano telefonico del proprio gestore.

= = = = = = = = = = = = = = = = =

MUSEI

  • Palazzo Ducale
    Piazza Sordello – Mantova | tel. 0376.224832; fax 0376.224822 – da martedì a domenica: 8.30 – 19.00 (La biglietteria chiude alle 18.20)
  • Palazzo Te
    Viale Te – Mantova | tel. 0376.323266 | lunedì: 13.00 – 18.00 | da martedì a domenica: 9.00 – 18.00 (La biglietteria chiude alle 17.30)
  • Palazzo d’Arco
    Piazza d’Arco, 1 – Mantova | tel. 0376.322242 | da martedì a domenica: 10.00 – 12.30 / 14.30 – 18.00 | (La biglietteria chiude mezz’ora prima)
  • Palazzo di San Sebastiano – Museo della città
    Largo XXIV maggio, 12 – Mantova | tel. 0376.367087; fax 0376223618 | lunedì: 13.00 – 18.00, da martedì a domenica: 9.00 – 18.00 | (La biglietteria chiude alle 17.00)
  • Museo Archeologico Nazionale
    Piazza Castello – Mantova | tel. 0376.320003; fax 0376.318293 | da martedì a sabato: 8.30 – 18.30, domenica: 8.30 – 13.30
  • Museo Diocesano “Francesco Gonzaga”
    Piazza Virgiliana, 55 – Mantova | tel. e fax 0376.320602 | da martedì a domenica: 9.30 – 12.00 e 15.00 – 17.30 | La biglietteria chiude mezz’ora prima
  • Museo Storico del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco
    Largo Vigili del Fuoco – Mantova | tel. 0376.22771; fax 0376.227746 | sabato: 14.30 – 18.30, domenica e festivi: 10.00 – 12.00 / 14.30 – 18.00 | Negli altri giorni è aperto su prenotazione
  • Museo Numismatico – Fondazione BAM
  • Corso Vittorio Emanuele II, 13 – Mantova | tel. 0376.311869-8; fax 0376.311979 | da martedì a sabato: 9.00 – 12.30 / 15.00 – 18.00 | chiuso domenica e lunedì | Nei festivi è aperto su prenotazione.
  • Galleria Museo Valenti Gonzaga
    Via Frattini, 9 – Mantova | tel. 0376.364524 | da martedì e venerdì | solo su prenotazione | sabato, domenica e festivi: visite ore 9.30, 10.30, 11.30, 15.00, 16.00, 17.00, 18.00
  • Accademia Nazionale Virgiliana
    Via Accademia, 47 – Mantova | tel. 0376.320314; fax 0376.222764 | da lunedì a sabato: 10.00 – 13.00
  • Teatro Accademico Bibiena
    Via Accademia, 47 – Mantova | tel. 0376.327653; fax 0376310857 | da martedì a domenica: 9.30 – 12.30 / 15.00 – 18.00 | (La biglietteria chiude mezz’ora prima)
  • Tempio di San Sebastiano
    Largo XXIV maggio – Mantova | tel. 0376.220097; fax 0376.310587 | da martedì a domenica: 10.30 – 12.30 / 15.00 – 17.00
  • Rotonda di San Lorenzo
    Piazza Erbe – Mantova | tel. 0376.322297 | da lunedì a venerdì: 10.00 – 13.00 / 15.00 – 18.00 | Sabato e domenica: 10.00 – 18.00
  • Sinagoga “Norsa Torrazzo”
    Via Govi, 13 – Mantova | tel. 0376.321490 | da lunedì a venerdì: 8.30-11.30 (solo su prenotazione) | sabato e domenica chiuso
  • Casa della Beata Osanna Andreasi
    Via Frattini, 9 – Mantova | tel. e fax 0376.322297 | martedì e venerdì: 10.00 – 13.00 | mercoledì: 17.00 – 19.00 | giovedì, venerdì, sabato e domenica: 10.00 – 12.30 / 17.00 – 19.00 | www.casandreasi.it

= = = = = = = = = = = = = = = = =

MOSTRE

MUSEO DI PALAZZO DUCALE | STEFANO ARIENTI A PALAZZO DUCALE
Promosso da Galleria Corraini e Museo di Palazzo Ducale
L’esposizione prevede la presentazione di 12 opere, in parte inventate dall’artista proprio per essere inserite nel contesto museale di Palazzo Ducale e in parte selezionate, fra quelle eseguite nel corso della sua attività. Il percorso si snoda assemblando segmenti poco noti a luoghi frequentati abitualmente da visitatori. Voluto dall’artista, il puzzle produce un Palazzo Ducale inedito. I materiali impiegati, scelti accuratamente, appartengono al genere più dimesso e anonimo al quale ci ha abituato la contemporaneità, con una sapida introduzione che consiste nell’uso inedito di ciottoli morenici con i quali Arienti comporrà un’opera monumentale nel Cortile delle Otto Facce, visibile dal piano nobile che gli gira intorno.
Dal 9 settembre 2009 al 6 gennaio 2010 Piazza Sordello, 40 – Mantova
Orario: da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.00 (ultimo ingresso ore 18.20); lunedì chiuso
Per informazioni: 0376.352100 – sbsae-mn@beniculturali.it

ARCHIVIO DI STATO | MEMORIE DI CARTA – ARCHIVI E BIBLIOTECHE
Dipinti di Paolo del Giudice 1988-2008
Sacrestia della S.S. Trinità via Dottrina Cristiana, 4 – Mantova
Dal 4 al 30 settembre 2009
Inaugurazione: Venerdì 4 settembre 2009 alle ore 17.30
Apertura in orario d’ufficio
Per informazioni: 0376.324441 – as-mn@beniculturali

PALAZZO TE – TINELLI | LUCIEN HERVÉ FOTOGRAFA LE CORBUSIER: Architettura in immagini
La mostra propone una selezione di stampe d’epoca del fotografo Lucien Hervé, interprete ideale del gesto architettonico di Le Corbusier. A cura di Chiara Bortolato.
Dal 7 giugno al 13 settembre 2009
Orari: lunedì 13-18; martedì-domenica 9-18
Ingresso gratuito
Informazioni: 0376.323266

MUSEO DELLA CITTÀ DI PALAZZO SAN SEBASTIANO | MANTOVA COME CAMELOT
Studi grafici sullo sviluppo dei due poli gonzagheschi. Il Museo della Città propone un’originale esposizione di dettagliati disegni a china, realizzati da Guglielmo Calciolari, dedicati allo studio sull’evoluzione di due poli architettonici gonzagheschi: a nord quello del Castello di San Giorgio con l’omonimo ponte, a sud quello di Palazzo San Sebastiano e dell’adiacente Porta Pusterla. Il suggestivo percorso di studio, completato e arricchito da una selezione di stampe significative dell’evoluzione della cartografia mantovana dal ’400 al ’800, offre un nuovo e inedito punto di vista sulla conoscenza e comprensione dello sviluppo urbanistico della città.
Largo XXIV Maggio – Mantova
Dal 5 settembre al 25 ottobre 2009
Informazioni: 0376.323266

CASA DEL MANTEGNA | ANGELO MANGIAROTTI – MOSTRA ANTOLOGICA
Via Acerbi, 47 – Mantova
Inaugurazione 12 Settembre 2009
Per informazioni: 0376.360506

ASSOCIAZIONE CULTURALE NON CAPOVOLGERE – ARTE CONTEMPORANEA | ARTE SULL’ACQUA – LONTANOVICINO
Sesta Edizione. Progetto di Donata Negrini, Lorella Salvagni e Barbara Rincicotti
Le installazioni sul Rio di Lorella Salvagni e Antonella Gandini, insieme all’opera musicale di Barbara Rincicotti, dialogano con i versi della poetessa polacca Wislawa Szymborska.
Rio di Mantova
Dal 9 al 13 settembre 2009
Inaugurazione 9 settembre ore 21.30 – Loggia di Giulio Romano
Orario: dalle 21.00 alle 23.00
Per informazioni: 339.3718254 – 348.8711215

ATELIER DI PITTURA LEONARDO BALBI | APERTURA STRAORDINARIA
Apertura straordinaria al pubblico dell’atelier privato del pittore Leonardo Balbi. Nello spazio espositivo, presentazione di grandi opere recenti astratte-informali. Durante gli orari di apertura, incontri con il Maestro.
Via Allende, 10/A – Mantova (ex-Colorificio Stoppani)
Dal 9 al 13 settembre
Orario: dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 21.00
Per informazioni: 0376.392766 – 335.256892

BAR VENEZIA | LE TELE RICICLATE DI LEONARDO BALBI
Esposizioni di opere pittoriche modulari e tridimensionali ottenute da tele dipinte ritagliate.
Piazza Marconi – Mantova
Dal 9 al 13 settembre 2009
Venerdì 11 settembre ore 19.30 aperitivo con l’artista
Per informazioni: 0376.392766 – 335.256892

CORRAINI ARTE CONTEMPORANEA | STEFANO ARIENTI E GIOVANNI FERRARIO: LA DANZA DELLE POLVERI
Il disegno può essere una pratica in cui i resti e gli avanzi di vecchie tracce animali e vegetali ricompaiono improvvisamente. Stefano Arienti e Giovanni Ferrario cercano di afferrare le delicate fragilità di piccole sculture di carta nate da una serie di disegni di “Fossili” che attraverso l’uso di uno scanner sono state conservate e ridisegnate per dar forma a un nuovo corpo.
via Ippolito Nievo 7/a – Mantova
Dal 9 settembre 2009
Sabato 12 settembre alle 18 gli autori fi rmeranno copie del libro d’artista che accompagna la mostra.
Orario: da lunedì a sabato dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30
Per informazioni: 0376.322753 – sito@corraini.com

B&BARTE | FRANCO ROGNONI OPERE SU CARTA
Via Corrado, 34 – 46100 Mantova
Inaugurazione: mercoledì 9 settembre 2009
Per informazioni: 0376.224565 – info@bebarte.com

GALLERIA ARIANNA SARTORI – ARTE & OBJECT DESIGN | PAOLO STACCIOLI
Sculture recenti
Via Cappello, 17 – Mantova
Dal 5 al 23 settembre 2009
Inaugurazione: Sabato 5 settembre 2009, ore 18.00
Orario: dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.30-19.30; domenica del festival dalle 15.30 alle 19.00
Per informazioni: 0376.324260

LIBRERIA GALLERIA EINAUDI | MEMORIE DI CARTA – SCRITTORI E POETI
Dipinti di Paolo del Giudice 1988-2008
Il pittore trevigiano Paolo Del Giudice (1952) presenta a Mantova in occasione del Festivaletteratura, una serie di opere dipinte ad olio che raffi gurano alcune presenze signifi cative della letteratura internazionale e italiana. I volti di Pier Paolo Pasolini, di Mario Luzi, di Goffredo Parise, di Primo Levi, di Alberto Moravia, di Cesare Pavese, assieme a quelli di Garcia Lorca, Borges, Kafka, Virginia Woolf vengono alla luce attraverso un procedimento di veloci pennellate che grazie a un sapiente uso del colore ci consentono un piacevole momento di intimità con scrittori e poeti.
Corso V. Emanuele, 19 – Mantova
Dal 4 settembre al 10 ottobre 2009
Inaugurazione: Venerdì 4 settembre 2009 alle ore 18.30
Orario: da martedì a sabato dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 19.30 o su appuntamento
Per informazioni: 0376.365854 – einaudi.mn@tin.it

ERREPI ARTE | ALLEGORIE DELLA SCRITTURA
Mario De Leo, Raffaelle Penna, Grazia Ribaudo
La galleria Errepi Arte festeggia il suo primo anno di attività con un tris di artisti di alto livello. Filo conduttore è la scrittura, interpretata secondo tre differenti sfaccettature, tre alfabeti immaginari e suggestioni catturate dal mondo web. La mostra è patrocinata dagli Assessorati alla Cultura di Comune di Mantova, Provincia di Mantova, Provincia di Milano.
Via Accademia, 17 – Mantova
dal 30 agosto al 27 settembre
Inaugurazione: domenica 30 agosto ore 18.00
Orario: da martedì a venerdì dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.30; sabato e domenica dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 20.00
Per informazioni: 0376.366027 – info@errepiarte.com

STUDIO CUBO | CLARA TURCHI – MANTOVA LA SOGNATRICE
37 fotografie descrivono una giornata di Mantova tra la città, i laghi e la campagna (dalle 7.00 alle 7.00 del mattino dopo, una ogni 40 minuti)
Via XX Settembre, 31 – Mantova
Dal 5 al 13 Settembre 2009
Per informazioni: 3472300829

CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITTORIA | TRAME D’ARTE: CREAZIONI TESSILI
II Mostra Patchwork dell’Associazione L’ago di Manto in collaborazione con l’Associazione Nazionale QuiltItalia.
Dal 19 al 27 settembre 2009
Via Fernelli – Mantova
Orario: da martedì a venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00, sabato e domenica dalle 9.00 alle 19.00, lunedì chiuso

= = = = = = = = = = = = = = = = =

EVENTI COLLATERALI

ASSOCIAZIONE CENTRO INTERNAZIONALE LIBRO PARLATO “A. SERNAGIOTTO”: LETTURE IN PIAZZA SORDELLO
Anche quest’anno ritornano i lettori di “strada” per grandi e piccini con racconti dei più noti autori italiani e stranieri e brani di libri che hanno riscosso particolare successo. Il programma verrà esposto giornalmente ai lati del gazebo, dove sarà possibile ricevere informazioni riguardo le varie attività dell’Associazione. Ricordiamo che il sabato mattina sarà dedicato al consueto appuntamento di letture animate per bambini. Da giovedì pomeriggio 10 a domenica 13 settembre 2009
Per informazioni: 0439.880425 – info@libroparlato.org ; 349.8219017 – carlasomensari@libero.it

BASILICA PALATINA DI SANTA BARBARA: L’ORGANISTA SUONA DÌ E NOTTE FREQUENTEMENTE
Sono anni ormai che in Santa Barbara pare che sempre vi sia il Giubileo per la frequentazione del populo che ci viene ad ascoltare il famoso organo Antegnati, come scriveva Girolamo Cavazzoni al duca Guglielmo Gonzaga già nel 1565. Quest’anno in occasione di Festivaletteratura le musiche del Vespro risuonano fi no a notte fonda: si alternano alla tastiera dell’organo cinquecentesco appena restaurato gli organisti Javier Artigas Pina, Stefano Innocenti, Magdalena Malec, Olimpio Medori, Maurizio Salerno e Francesco Tasini. Vengono eseguite senza soluzione di continuità musiche di Cavazzoni, Merulo, Gabrieli, Frescobaldi, Pallavicino, Contino e molti altri ancora, tutti grandi, tutti capaci di trasformare anche l’ordinario di una messa d’organo in momenti di arte rara e raffi nata.
Venerdì 11 settembre dalle 18.00 alle 24.00 Programmi in loco. L’ingresso è libero in qualsiasi momento, e l’uscita pure, con preghiera di recare il minimo disturbo a chi intende restare. Concerto – evento a cura della Diocesi di Mantova nell’ambito del programma musicale “Gaude Barbara Beata”

BIBLIOTECA BARATTA: UNO SGUARDO AL CIELO
Non è mai troppo tardi per dare del tu a Pirandello Presentazione di una raccolta di brani letterari seguiti da ipotesi interpretative, musicali e grafi che. Il libro è frutto del lavoro del gruppo “Leggere insieme” dell’Auser di Castel d’Ario (Mantova),

CIRCOSCRIZIONE CENTRO STORICO: PER SAVERIO BETTINELLI
Inaugurazione di una lapide commemorativa per i duecento anni della scomparsa di Saverio Bettinelli. Con una breve memoria storica del professor Rodolfo Signorini.
Via Fratelli Bandiera, 14 (angolo Via Certosini) – Mantova
Domenica 13 settembre ore 10.00

FUORICATALOGO: MOSTRA-MERCATO DEI LIBRI FUORI STAMPA
Il progetto di Fuoricatalogo è di proporre un mercato di libri fuori stampa, vecchie edizioni esaurite, libri usati e rari, in un contesto di attualità e vitalità culturale come quello di un festival di letteratura contemporanea. La proposta di libri ‘vecchi’ ma attuali, perché scelti con sensibile adesione al presente si rivolge a un pubblico eterogeneo, presentandosi come alternativa e complementare all’editoria corrente. Fuoricatalogo riunisce Studio bibliografico ‘Aurora’ di Gianandrea Ferrari; Libreria del Novecento snc di Francesco Bletzo e Cristiano Bordin; Studio bibliografico ‘San Mamolo’ di Pierpaolo Bergonzoni; Martincigh libreria antiquaria di Cristina Burelli e ‘Pequod’ snc di Francesco Bertoli e Filippo Cerroti.
Portico del Palazzo del Capitano Piazza Sordello – Mantova
Da giovedì 10 a domenica 13 settembre
Orario: dalle 9.30 fino a sera.

IN GIRO PER LA CITTÀ: SCATTA L’AUTORE
Voglia di leggere? Fotografa uno scrittore e vinci un buono libri del valore di 300 euro. Partecipa a Scatta l’autore: il concorso fotografi co dedicato ai visitatori del Festivaletteratura di Mantova per la miglior fotografi a “rubata” a uno dei numerosi autori presenti. L’anno scorso il vincitore Nicola Malaguti ha “catturato” lo scrittore tedesco Hans Magnus Enzensberger. Per partecipare occorre inviare entro il 19 settembre 2009 una o più fotografi e inedite, in bianco e nero o a colori, realizzate in formato digitale con una risoluzione di qualità elevata. Il bando del concorso è scaricabile dal sito http://www.comune.brugherio.mi.it

GALLERIA DISEGNO: DALLA SCRITTURA AL GESTO, DAL COLORE ALLA DANZA
Coreografie di Sisina Augusta; tango Maria Elena Macchini
Via Mazzini 34 – Mantova
11-13 settembre 2009 – ore 20.00
Per informazioni: 333.5685420

MEDICI SENZA FRONTIERE: SERATA DI LETTURE E MUSICA CON LA COMPAGNIA TEATRALE BRINCADERA
Medici Senza Frontiere raccontata con sguardi e stili diversi per narrare un’unica realtà. Reading tratti da: Mondi al Limite: dalla Somalia alla Repubblica Democratica del Congo, dal Pakistan alla Colombia, dalla Thailandia alla Cambogia, dal Brasile all’Italia, nove scrittori italiani (Alessandro Baricco, Stefano Benni, Gianrico Carofi glio, Mauro Covacich, Sandrone Dazieri, Silvia Di Natale, Paolo Giordano, Antonio Pascale, Domenico Starnone) raccontano la realtà di alcune crisi dimenticate in cui Medici Senza Frontiere opera; Non tornerò col dubbio e con il vuoto: una raccolta di lettere degli operatori umanitari italiani di MSF che racchiude 43 piccole grandi storie che danno un senso alla vita.
Piazza Concordia – Mantova
Sabato 12 settembre ore 21.30
Per informazioni: 06.4486921 – msf@msf.it

GRUPPO ESPERANTISTA MANTOVANO: PACE E COMUNICAZIONE
Presentazione delle ultime ricerche del gruppo nel campo della comprensione e della comunicazione internazionale. Gazebo in via Grazioli (angolo via Roma) sabato 12 settembre dalle 9.00 alle 19.00, domenica 13 settembre dalle 9.00 alle 13.00
Per informazioni: 349.4217832 – 339.1522925

LE TAMERICI:
– IL GRANA PADANO NELLA CUCINA DI CASA MIA
Premiazione migliore ricetta concorso Sabato 12 settembre ore 12.00
– APERITIVO CON LE SORELLE SIMILI
In occasione della pubblicazione del nuovo libro delle sorelle Simili, Le Tamerici festeggia Margherita e Valeria con uno speciale aperitivo e con la presentazione del nuovo programma dei corsi di cucina.
Venerdì 11 settembre ore 18.30
Via Romana Zuccona, 208 – Bagnolo San Vito (MN)
Per informazioni: 0376.253371 – info@letamericisrl.com

PALAZZO PLENIPOTENZIARIO – ITALIA-TERRITORI PALESTINESI-LIBANOISRAELE: EDUCARE PER LA PACE È RESISTERE
Partecipano Milena Gadioli, artista ed educatrice dalla provincia di Mantova attiva negli ultimi anni tra Israele e la West Bank in progetti di cooperazione e dialogo interculturale tra cui il “Art Training Program for Psychologiat and Social Workers” promosso da UNICEF E West Jerusalem YMCA, e Ghassan Sayegh, scrittore libanese presente tra i nuovi autori alla Fiera del Libro Torino 2009 col volume 21 Giorni: Viaggio tra le culture e le emozioni del Libano.
Piazza Sordello, 43 – Mantova
Sabato 12 settembre 2009 – ore 17.30
A seguire sarà offerta una degustazione gastronomico-letteraria

UNIVERSITÀ DEL CAFFÈ DI TRIESTE: CORSI-DEGUSTAZIONE SU CAFFÈ E CIOCCOLATO
Se amate il caffè e il cioccolato, vi meritate una bella lezione. Nei giorni del Festivaletteratura, scoprite il piacere di un’esperienza unica con i corsi-degustazione su caffè e cioccolato. A cura dell’Università del caffè di Trieste.
Da giovedì 10 a domenica 13 settembre, i corsi si terranno secondo i seguenti orari dalle 11.00 alle 12.00 l’espresso a casa dalle 15.00 alle 16.00 alterniamo aromi e cioccolato dalle 18.00 alle 19.00 cioccolato
Per informazioni: udc@illy.it – 040.3890102

NEGRETTO EDITORE: ODORISUONICOLORI
Giochi per non vedenti e non
Gazebo in Via Grazioli – Mantova nei giorni del Festival
Per informazioni: 0376.661376 – negrettoeditore@live.it

LIBRERIA DEL FESTIVAL
Cooperativa Librai Mantovani in collaborazione con Festivaletteratura
Apertura: da mercoledì 2 settembre
Orario di apertura 9.30-12.30, 15.30-23.00
Nei giorni del Festival orario continuato – Tel. 346.9420109
I libri degli autori presenti al Festival saranno disponibili in libreria e sui luoghi degli eventi.

= = = = = = = = = = = = = = = = =

COME RAGGIUNGERE MANTOVA

# Auto
Mantova è raggiungibile dall’autostrada A22 Modena-Brennero (uscite Mantova Sud – località Bagnolo San Vito, 10 km dalla città; Mantova Nord – S. Giorgio di Mantova, 5 km dalla città).

# Treni
Per Mantova sono previsti collegamenti ferroviari dalle stazioni di Milano, Verona, Modena, Bologna, Padova, Ferrara, Pavia. La stazione dista pochi minuti a piedi dal centro storico.
Per informazioni: 892021 numero unico nazionale senza prefisso, da telefono fisso e dall’Italia attivo tutti i giorni della settimana 24 ore su 24.

# Aeroporto Valerio Catullo (Villafranca VR)
È attivo un servizio giornaliero di bus navetta che collega l’aeroporto Valerio Catullo di Villafranca (tel. 892021) con la stazione di Verona Porta Nuova con corse ogni 20 minuti a partire dalle 6.35 fino alle 23.35.

= = = = = = = = = = = = = = = = =

COME SPOSTARSI A MANTOVA

# Bus
Il centro storico di Mantova è servito dalla linea Circolare in Città dell’APAM (tel. 800-821194) che collega piazza Concordia con Palazzo Te e la Stazione Ferroviaria. Corse ogni 15 minuti dalle 6.34 alle 20.34 (festivi dalle 8.14 alle 19.59).

# Taxi
Radio Taxi: tel. 0376.368844-322298 (ore 5-1)
piazza Cavallotti: tel. 0376.324407 (ore 7-20)
piazza Sordello: tel. 0376.324408 (ore 7-20)
piazza Don Leoni (stazione ferroviaria): tel. 0376.325351 (ore 5-1)
Viale Albertoni: tel. 0376.362491 (ore 7-20)

# Parcheggi
I principali parcheggi di Mantova si trovano in: Piazza Virgiliana; Piazza Anconetta; Piazzale di Porta Mulina – Cittadella; Parcheggio Mazzini – Via Mazzini (a pagamento – coperto); Piazza D’Arco (a pagamento); Lungolago Gonzaga; Piazzale Ragazzi del ’99 (Stadio); Piazzale di Porta Cerese; Piazza Viterbi; Piazzale Gramsci; Viale Risorgimento, Campo Canoa.

# Camper
Punto di sosta Grazie di Curtatone, camping attrezzato con scarico. Servizi autobus per la città. Per informazioni http://www.camperclubmantova.com.

# Motonavi Andes
Società di navigazione fl uviale. Gite turistiche su Po, Mincio e Lagune venete.
Tel. 0376.322875, e-mail andes@motonaviandes.it.

# Noleggio auto:
L’Autonoleggio – Via Pitentino, 10 – tel. 0376 355747

Annunci

Una Risposta

  1. […] programma 2010 Pubblicato il agosto 17, 2010 da purplestain Segnaliamo volentieri questo post interessantissimo: il programma dell’edizione 2010 del Festival Letteratura di […]

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: